I tre evangelisti: Chi è morto alzi la mano-Un po' più in là sulla destra-Io sono il tenebroso

Fred Vargas

Traduttore: M. Balmelli, M. Botto
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 702 p., Brossura
  • EAN: 9788806202415
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,72

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Grif

    31/03/2016 22:13:02

    Non sono un lettore di gialli e questo libro non ha fatto scoccare in me la scintilla. Fred Vargas scrive bene, i personaggi sono ben disegnati, con sagace ironia. Il problema è che le prime cento pagine dei racconti sono noiose, non succede quasi nulla, poi quando stai per abbandonare, tutto si ravviva e voilà ecco che si scopre l'assassino. E' un bel libro tutto sommato (almeno i primi due racconti, il terzo me lo sono risparmiato). Io, comunque, passo ad altro.

  • User Icon

    francesca

    03/03/2013 12:54:10

    come avevo già detto in un'altra recensione , questa trilogia è fantastica. Sono affezionata ai tre evangelisti e al vecchio :) !! le trame dei tre gialli sono godibilissime e gli spunti sono interessanti.Sense of humour, suspence , meraviglia...non mancano mai ...Anche il tedesco è un personaggio molto interessante con il suo rospo in tasca, il suo passato, la sua amicizia con la vecchia prostituta....spero in altre raccolte dei romanzi della vargas !!!!!!!!!!!!

  • User Icon

    Teresa

    14/06/2012 21:46:54

    Scopro la Vargas da questa trilogia. Trovo una scrittura frizzante e ricca di particolari. Apprezzo soprattutto che si tratti di un giallo intrigante senza che ci siano per forza particolari violenti. Io sono il tenebroso è stato secondo me il migliore.

  • User Icon

    Adriana

    24/04/2012 12:29:28

    Prove generali per Adamsberg. La Vargas demiurgo ha un po' sperimentato: togliendo qui e aggiungendo là, da questi 5 personaggi ha forgiato una delle più efficaci figure di investigatore in letteratura. I tre racconti, anche se leggermente meno acuti e brillanti della serie Adamsberg, sono godibilissimi. Fra i tre, sebbene di poco, ho preferito 'Io sono il tenebroso', per lo spunto poetico e la figura dell' idiot 'presque' savant. Per contro, la discutibile trovata del rospo ed il progressivo accantonamento del vecchio Vandoosler e di due dei tre evangelisti fa capire che c'era effettivamente una certa ridondanza di personaggi e caratteristiche. Comunque sufficienza piena!

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione