Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Vandali. L'assalto alle bellezze d'Italia - Sergio Rizzo,Gian Antonio Stella - ebook

Vandali. L'assalto alle bellezze d'Italia

Sergio Rizzo, Gian Antonio Stella

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Rizzoli
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Pagine della versione a stampa: 288 p.
  • EAN: 9788858616567

€ 3,49

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il tempio di Apollo a Selinunte ingabbiato per undici anni dalle impalcature perché nessuno le smonta. La campagna veneta di Palladio e del Giorgione "intossicata, sconquassata, rosicchiata, castrata", come dice il poeta Andrea Zanzotto, da un caos di villette, ipermercati e capannoni. I mosaici di Pompei che si sgretolano perché l'ultimo mosaicista è in pensione da un decennio mentre il commissario compra mille bottiglie di vino "pompeiano" da 55 euro e ne spende 103mila per censire 55 cani randagi. La tenuta agricola di Cavour tra le risaie vercellesi cannibalizzata dai teppisti. L'inestimabile villaggio preistorico di Nola affogato nell'acqua perché la pompa non funziona. La tracotanza di un abusivismo che, di condono in condono, è salito a 4 milioni e mezzo di alloggi nei quali vivono undici milioni di italiani. Le uniche ricchezze che abbiamo, il paesaggio, i siti archeologici, i musei, i borghi medievali, la bellezza, sono sotto attacco. Un incubo culturale, un'angoscia economica. Eravamo i primi al mondo nel turismo: siamo precipitati per competitività al 28° posto. E il portale italia.it, costato milioni di euro, è 184.594° fra i siti web più visitati del pianeta. Una classe dirigente seria sarebbe allarmatissima. La nostra no. Anzi, la cattiva politica è tutta concentrata su se stessa. E si tiene stretti tutti i privilegi. Le sole auto blu costano due volte e mezzo l'intero stanziamento per i Beni culturali, dimezzato in 10 anni. La serrata denuncia di uno scempio.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    marco #30

    06/08/2012 17:52:01

    la "strana coppia" STELLA-RIZZO ci presenta un opera esauriente ed appassionante a proposito dell'incuria nostrana verso il patrimonio artistico-culturale del bel paese. giudizio di gran lunga positivo che va a riconfermare il successo ottenuto con "LA CASTA"

  • User Icon

    dany

    11/02/2012 16:03:34

    ad ogni capitolo provavo sempre vergogna d essere italiano. arrivato all'ultimo, ho capito xkè siamo in queste condizioni. v consumate il fegato a leggere queste realtà, ma ne vale la pena x capire dove stiamo andando.

La formidabile coppia di giornalisti / saggisti italiani specializzati in libri-denuncia sugli orrori del Bel Paese, dedicano questa volta un volume alle bellezze del paesaggio: alle poche ancora intatte e alle molte ormai devastate.
Croce affermava che "il paesaggio è la memoria della Patria". Ben poca memoria sembriamo avere noi, anche se in questi mesi cerchiamo di mascherarlo facendo fronte comune per i festeggiamenti dell'Unità d'Italia. Dopo la lettura di queste pagine l'impressione è che l'Italia sia unita solo dal degrado e dall'incuria, dalla stupidità e dalla speculazione, a Nord come a Sud, nelle Isole come nelle regioni del Centro.
È lo stesso Stella, in un incontro che anticipava l'uscita del volume, a raccontare alcuni esempio dei tanti che potremo trovare nel testo. Spese esorbitanti e inutili, scempi architettonici e urbanistici, vestigia martirizzate:

"Partiamo dalla storia del Tempio di Apollo a Selinunte. Nel gennaio del 2000 vennero erette delle impalcature che dovevano servire per fare dei rilevamenti sullo stato dell'edificio. Poco dopo la ditta che aveva l'appalto dei lavori litigò con la sovrintendenza e da quel momento nessuno si è più occupato di smontare quelle impalcature. Il turista straniero che viene in italia per visitare queste vestigia si trova così di fronte a una struttura metallica che le ricopre, totalmente priva di scopo. Una cosa che sembra impossibile."

A due passi da Selinunte troviamo Triscina mare, un paesone a ridosso della spiaggia di 5.000 case tutte abusive, al punto da non avere i nomi delle vie, per non parlare delle strade e della rete fognaria inesistente.
Risalendo lungo la Penisola, ecco Pompei: "103.000 € per censire 53 cani randagi che sono ancora lì" e che tranquillamente utilizzano muri e affreschi come toilette. "6 milioni di Euro per il restauro del Teatro di Pompei che si stava sgretolando" e l'intervento in cosa è consistito? Nell'inserimento di colate di cemento che hanno ricoperto i resti romani e hanno completamente snaturato la gradinata del teatro.
A Nola un villaggio preistorico ricoperto dalla cenere del Vesuvio esattamente come Pompei e dunque ritrovato praticamente intatto (venne recuperato persino un prosciutto) è ora sommerso dalle acque piovane e di reflusso - per una semplice pompa guasta - che hanno creato un lago sugli scavi, danneggiando gli straordinari reperti inesorabilmente.
E vogliamo parlare del Villaggio Coppola a Castel Volturno o del degrado della Reggia di Carditello, un gioiello abbandonato e violentato dai vandali?
Saliamo in Lazio: a 50 metri dal Mausoleo di Cecilia Metella era stata edificata una villa, fortunatamente abbattuta rapidamente dall'allora sindaco Veltroni. Una su tante, troppe, che ogni anno spuntano come funghi nelle aree più belle dei dintorni romani.
"Ma come è possibile - scriveva ai tempi lo stesso Stella sul Corriere della Sera - costruire una villa fuorilegge lì, dentro uno dei parchi archeologici più famosi del mondo, protetto da regole di salvaguardia rigidissime, sorvegliato da un manipolo piccolo ma appassionato di guardiaparco? È possibile."
E al Nord non si sta meglio. Arriviamo in Veneto e vediamo un'area vastissima ormai trasformata in un ammasso di capannoni, quel paesaggio stigmatizzato da Zanzotto, quella campagna di Palladio e del Giorgione "intossicata, sconquassata, rosicchiata, castrata"...
Così racconta ancora Stella parlando del Piemonte:

"Ladri, vandali, balordi hanno portato via ogni cosa dalla casa Cavour di Leri, in provincia di Vercelli, che Michele Benso comprò nel 1822 e dove il figlio Camillo sperimentò tecniche d’irrigazione d’avanguardia. Dove c'era una sua statua a presidio della memoria, che è stata decapitata e dove hanno portato via tutto: porte, affreschi, tegole dei tetti... perfino la scala interna distrutta per rubare i gradini di marmo. E non siamo nella sgangherata periferia campana, ma nel civilissimo Piemonte".

Inutile dire che la lettura di queste pagine crea un senso di claustrofobia, con la inevitabilità dei fatti che racconta, come una strada senza uscita. Il precipitare della nostra nazione dal primo al 28.mo posto tra le mete turistiche più ambite del pianeta in rapida ulteriore discesa, l'inutilità di stanziamenti inauditi (milioni di euro per un sito turistico sull'Italia raffazzonato e per nulla visitato, ad esempio), la disaffezione degli stessi italiani per il proprio paesaggio dovrebbero allarmare le classi dirigenti e stimolarle ad agire prontamente, partendo dai piccoli interventi e allargando lo sguardo a tutta la politica nazionale. Inutile dire che poco o nulla viene fatto in questa direzione.

A cura di Wuz.it

  • Sergio Rizzo Cover

    Giornalista, ha lavorato in particolare per il "Corriere della Sera". Nel 2007 ha pubblicato La casta (scritto con Gian Antonio Stella ed edito da Rizzoli), che con oltre 1.200.000 di copie vendute e ben 22 edizioni è stato uno dei libri di maggior successo del 2007. Del 2008 un altro titolo scritto con Stella: La deriva. Perché l'Italia rischia il naufragio (sempre edito da Rizzoli). Sempre per la casa editrice Rizzoli nel 2009 esce Rapaci. Il disastroso ritorno dello Stato nell'economia italiana, nel 2010 La cricca. Perché la Repubblica italiana è fondata sul conflitto di interessi, e nel 2011 torna a collaborare con Stella per Vandali. L'assalto alle bellezze d'Italia e, successivamente, per Licenziare i padreterni. L'Italia tradita dalla casta.... Approfondisci
  • Gian Antonio Stella Cover

    Inviato ed editorialista del Corriere della Sera, dopo essersi occupato di cronaca romana e interni è stato inviato nel Nord Est per il Corriere, da molti anni scrive di politica, cronaca e costume. Nel 2007 ha pubblicato La casta (scritto con Sergio Rizzo), che con oltre 1.200.000 di copie vendute e ben 22 edizioni è stato uno dei libri di maggior successo del 2007 e la pubblicazione più importante della sua carriera. Tra i suoi libri più famosi L'Orda, in cui parla dell'emigrazione italiana all'estero, e Schei, un'indagine sul Nordest d'Italia. Del 2011 Vandali. L'assalto alle bellezze d'Italia, nuovamente scritto a 4 mani con Rizzo e publbicato da Rizzoli. Così come frutto della sua collaborazione con Rizzo, e sempre del 2011 è Licenziare i padreterni.Nel... Approfondisci
Note legali