Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il vecchio e il mare - Ernest Hemingway - copertina

Il vecchio e il mare

Ernest Hemingway

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Fernanda Pivano
Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 30 maggio 2016
Pagine: XIV-124 p., Brossura
  • EAN: 9788804667872

34° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 917 liste dei desideri

€ 12,40

Venduto e spedito da Juke Box

Solo una copia disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (15 offerte da 11,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Vincitore premio Pulitzer per la narrativa 1953
Vincitore premio Bancarella 1953

Dopo ottantaquattro giorni durante i quali non è riuscito a pescare nulla, il vecchio Santiago trova la forza di riprendere il mare: questa nuova battuta di pesca rinnova il suo apprendistato di pescatore e sigilla la sua simbolica iniziazione. Nella disperata caccia a un enorme pesce spada dei Caraibi. nella lotta quasi a mani nude contro gli squali che un pezzo alla volta gli strappano la preda, lasciandogli solo il simbolo della vittoria e della maledizione finalmente sconfitta. Santiago stabilisce, forse per la prima volta, una vera fratellanza con le forze incontenibili della natura. E, soprattutto, trova dentro di sé il segno e la presenza del proprio coraggio, la giustificazione di tutta una vita. Postfazione di Fernanda Pivano.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,27
di 5
Totale 91
5
50
4
25
3
8
2
5
1
3
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Elisa

    28/12/2020 11:19:19

    Sarà sicuramente un capolavoro ma a me non ha trasmesso nulla, un romanzo piatto nonostante il mare in tempesta e monotono

  • User Icon

    Stella

    19/11/2020 14:59:56

    Intenso. Lettura così piacevole che ci si ritrova all'ultima pagina senza accorgensene.

  • User Icon

    marcolaudati

    04/10/2020 12:29:41

    libro bellissimo letto tutto di un fiato, bello il personaggio del vecchio pescatore che non si arrende mai

  • User Icon

    taty

    02/10/2020 13:16:07

    un classico che va letto non in maniera superficiale ma cercando di andare più a fondo. Parla del rapporto natura e uomo, vecchio e giovane, forza e debolezza. Bello

  • User Icon

    Rosa

    26/07/2020 01:02:23

    dopo 34 giorni in cui non è riuscito a pescare niente ,il vecchio Santiago,al largo,riesce a catturare un grosso pesce:un Marlin e cerca di portarlo a terra. durante tutto il tragitto è aggredito dagli squali e l'unica cosa che porterà a riva sarà la carcassa del pesce.romanzo breve,storia molto semplice e scorrevole,con pochi protagonisti. la storia è ricca di simbologia partendo dal Marlin,è un pesce che da un senso di nobiltà al marinaio. c'è una lotta tra il pescatore e il pesce e ognuno lotta per la propria sopravvivenza ma,è il pescatore a prevalere. porterà a casa soltanto la lisca e può sembrare una sconfitta ma,nonostante tutto,il vecchio lotta e non molla la presa. il ragazzo che inizialmente aiuta il vecchio,Manolin, aiuterà sempre il vecchio anche se non lavorerà più con lui,avrà sempre attenzioni per lui e rappresenta il coraggio,la speranza e la fiducia. questo testo è un chiaro esempio di come la vita sfidi il destino ma,con forza e determinazione si farà fronte a tutto. oserei dire che è il "romanzo della vita" . consiglio la lettura almeno una volta nella vita.

  • User Icon

    Peppe LaBels

    12/07/2020 09:34:21

    Un classico, narrato bene dall'inizio alla fine. Ma è come se mancasse qualcosa...

  • User Icon

    GIULY

    23/06/2020 20:28:45

    Mettere due stelle ad un'opera di Ernest Hemingway è un po' una bestemmia nei confronti della letteratura... I know. Dal punto di vista di scrittura io, ovviamente, non posso dir nulla, ma la trama non mi ha incattivata o un minimo spinto nel proseguimento della lettura. In soldoni la trama consiste in questo vecchietto che come suo ultimo grande desiderio ha quello di pescare questo pesce per lui mistico. Parte all'alba con la sua barchetta e le armi adatte alla pesca e va, all'avventura. Questo è uno di quei libri che è più quello che tu riesci ad estrapolare che quello che leggi effettivamente come racconto (e che DEVI estrapolare per capire davvero quel che stai leggendo). Ricco di simbolismo e valori, per esempio il fatto che l'uomo deve spingere oltre il suo sguardo, verso una nuova sfida e verso una nuova avventura per mettersi alla prova, in gioco, spingere i propri limiti fino alla fine, ecc ecc. BANALMENTE, non dico che parli solo di questo. Questo è quello che principalmente ho potuto far mio. Non sto screditando assolutamente questo libro, e ,in particolare modo, nemmeno lo scrittore. Probabilmente se lo rileggerò più avanti riuscirò ad interpretarlo meglio, e a farmelo piacere di più. Per ora quel che penso è questo. Sono felice comunque di averlo letto, accrescendo il mio sapere a proposito di ciò che racconta e il suo significato. Per far questo ragionamento verso lo scrittore dovrei leggere dell'altro. Altra cosa super importante e bella è il "come" l'anziano pescatore, quindi l'"uomo", si approccia alla natura, con un assoluto rispetto, per non dire devozione, nonostante stia cacciando. Anzi, è proprio in tali circostanze che si può comprendere veramente questi valori in un uomo, in un essere umano.

  • User Icon

    Aurora

    29/05/2020 10:42:33

    L'ho letto in un pomeriggio. Non pensavo che un libro che 'parla di un vecchio che va a pescare' potesse essere così intenso e potente. Poesia.

  • User Icon

    Matteo

    17/05/2020 20:55:43

    Breve scorrevole e ricco di dettagli. Belli i dialoghi ma mi aspettavo di più vista la fama.

  • User Icon

    Cri

    17/05/2020 20:32:46

    Mi dispiace dirlo ma questo libro non mi è proprio piaciuto. Ne riconosco l'importanza, ma io non sono veramente riuscito a immergermi a pieno in questo mondo di Hemingway

  • User Icon

    Sele18

    17/05/2020 16:40:14

    Questo è il romanzo della solitaria lotta dell’uomo contro la natura, del vecchio e coriaceo Santiago che nonostante l’eta’ ancora crede nella buona sorte e armato delle sue sole forze e a bordo di una misera barchetta affronta il mare e ingaggia un lunga e solitaria lotta per la sopravvivenza con un grande pescespada. A volte però la vittoria è solo una “parziale vittoria” È un racconto intenso e per molti versi poetico ed evocativo. Il senso della solitudine che emana è forte e quasi palpabile . Libro molto consigliato.

  • User Icon

    raffaella

    16/05/2020 22:43:57

    Questo libro a dirla tutta non mi è piaciuto molto... L'ho trovato un po' povero di contenuti. Anche se la storia in sé non è male.

  • User Icon

    dell

    16/05/2020 17:28:56

    Ernest Hemingway ha scritto un piccolo capolavoro. L'aggettivo però non intende sminuire il valore del romanzo ma si riferisce al senso proprio del termine, il romanzo è molto breve ma in queste poche pagine l'autore riesce a condensare una narrazione piena di temi e rimandi. Il vecchio e il mare è senza dubbio uno dei migliori libri che abbia mai letto.

  • User Icon

    Zoe

    15/05/2020 15:13:14

    Il vecchio e il mare è un libro che va assaporato piano piano. Ci sono moltissimi spunti all'interno e sicuramente non è un romanzo da leggere sotto l'ombrellone, ma quanto vi può lasciare dopo la sua lettura. Uno dei libri più belli di Ernest Hemingway.

  • User Icon

    Marco

    14/05/2020 17:56:23

    Un grande libro, corto, temporalmente breve, ma ricco di vita reale, con le vittorie e le sconfitte, l'orgoglio e la resa, ma su tutto la perseveranza, in un viaggio in mezzo al mare al cospetto di un vecchio uomo messo di fronte alla dura natura. La trama è più che risaputa, quindi non è certo per chi ama trame articolate e fiumi di discorsi con colpi di scena dietro l'angolo, qui siamo ad altre latitudini, realiste, metaforiche, riflessive, qui si scava tra i solchi delle ferite e la forza di volontà che fa andare avanti il vecchio Santiago, una difficoltà dopo l'altra, un giorno dopo l'altro, opposto alla cinica grandezza della natura. Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    Gianni

    12/05/2020 17:11:44

    Hemingway scrisse una storia meravigliosamente elaborata di incrollabile pazienza e perseveranza contro le difficoltà e le sfide che la vita lancia a una persona, che gli conferì il premio Pulitzer per la fiction nel 1953, e fu citato come uno dei principali fattori che contribuiscono al suo premio Nobel per la letteratura il seguente anno. Il romanzo è un magnifico esempio di narrativa ben costruita. Ogni frase nella storia ha uno scopo e un significato: si può immaginare vividamente ogni scena mentre viene raccontata, sentendosi a volte più uno spettatore verso la narrazione, che solo un lettore. E per quanto breve possa essere la storia, è ricca di eventi e porterà a leggere il suo ultimo paragrafo con un senso di nostalgia, come se si dovesse dire addio a un caro amico con cui si è appena condiviso una prova dura ma illuminante. Hemingway è stato uno degli autori precursori della stilizzazione della scrittura nella sua vita. E mentre il suo stile di scrittura ingannevolmente semplice e giornalistico e la struttura delle frasi brevi sono abbastanza comuni al giorno d'oggi, Hemingway resta ancora un pioniere nel campo e dobbiamo a lui molto come lettori.

  • User Icon

    Gonnella

    12/05/2020 14:22:09

    Il giudizio riguardo questo libro dipende tutto da come lo leggi e da cosa ti aspetti. Per me se lo leggi superficialmente, risulta una racconto descrittivo lungo e amaro, ma se sei disposto a leggerlo un po' sotto la superficie, si rivela potente e saggio, realista ma allo stesso tempo che fa sperare e sa di tempi passati. Lo consiglierei senza dubbio!

  • User Icon

    elisa

    12/05/2020 09:39:45

    Una storia semplice ma estremamente personale e che ci riguarda tutti. La voglia di sconfiggere i giudizi altrui, perché ci toccano e ci fanno soffrire e la voglia di dimostrare il nostro valore è nucleo di questo racconto. La scrittura mi ha fatto completamente immedesimare, le descrizioni minuziose e precise mi hanno completamente fatto calzare le scarpe del vecchio. L'epilogo è un grande insegnamento, l'insegnamento di non badare a ciò che dicono gli altri del tuo valore, il tuo valore lo sai tu, sai tu quanto impegno, coraggio e dedizione metti nella tua vita, il resto non conta. Ho amato questo libro e lo rileggerei ancora.

  • User Icon

    Realismo e Simbolismo

    11/05/2020 18:52:05

    Un libro scritto con una semplicità disarmante, la vita nuda e cruda gettata davanti agli occhi del lettore. Di cosa si tratta? Di una semplice storia di lotta tra un uomo ed un pesce oppure il simbolismo di una sfida esistenziale? La vecchiaia è solo una componente oppure diventa protagonista? La bellezza di Hemingway sta proprio lì, nei grandi significati nascosti dietro alle piccole cose.

  • User Icon

    sandrina

    11/05/2020 12:53:31

    Breve, scorrevole, lettura agevole, narrazione ricca di particolari, una pagina tira l’altra, interessanti spunti di riflessione, ma quando finisci dici: tutto qua? Non penso che sia il capolavoro di Hemingway.

Vedi tutte le 91 recensioni cliente
  • Ernest Hemingway Cover

    Il padre (medico) lo avvicinò alla caccia e alla pesca durante le vacanze in Michigan, tra laghi e foreste e seguendolo nelle visite agli ammalati delle riserve indiane, ebbe le prime violente impressioni del dolore e della morte. Studiò a Oak Park, ma rinunciò all’università per diventare cronista allo «Star» di Kansas City. Fondamentale, nell’aprile 1918, l’esperienza volontaria della guerra, come autista della sanità sul fronte italiano. Nel luglio viene ferito, e questo trauma, l’incontro diretto con la morte, segna la sua vita. Da allora, per esorcizzarla, cercherà spesso il confronto con la violenza e con il rischio. Dal 1921 al 1927 viaggia in Europa come corrispondente di vari giornali, soggiornando a lungo... Approfondisci
Note legali