Editore: Chiarelettere
Collana: Tascabili
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
Pagine: 336 p., Brossura
  • EAN: 9788861909564

10° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Corruzione politica

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    marzia carocci

    28/09/2017 18:37:15

    a cura di Marzia Carocci Quando un giornalista sta dalla parte della verità, possono nascere ostacoli e impedimenti. Spesso si pagano colpe e ritorsioni. Il prezzo di tutto questo? La lealtà, la condivisione di esprimere ciò che di torbido si è scoperto grazie a documenti, incartamenti e prove inconfutabili, il non lasciarsi intimorire da chi chiede il silenzio. Il compito del giornalista è quello di informare, di portare alla luce ciò che per interessi, per imbrogli di potere, per aggiustamenti illeciti è stato occultato. Nel caso specifico, il noto e integerrimo giornalista Gianluigi Nuzzi, si è fatto promotore di istruire, attraverso un volume discusso, quello che all'interno del Vaticano e della Chiesa si è tenuto insabbiato grazie a chi, all'interno di essa ha avuto mani sulle redini di affari loschi d'impronta economica e di malaffare. Il libro in questione è l'ormai conosciuto “Via Crucis”, un dossier/inchiesta scritto con semplicità descrittiva nonostante la complessità dell'argomento. Spiegare al pubblico argomenti scottanti ricchi di dati, informazioni e riferimenti con una ricercatezza letteraria comprensibile a tutti, non è cosa da poco. Nuzzi si addentra in pericolosi e bui “sentieri”dove vengono mano a mano in in superficie scandali tenuti segreti, dove investimenti sbagliati, movimenti monetari in cambio di armamenti, beatificazioni e santificazioni a scopo commerciale-economico, diventano abituale iter all'interno del Vaticano stesso. Il giornalista sottolinea ciò che per per anni è stato manovrato da illeciti personaggi liberi di agire e di maneggiare il danaro in modo irresponsabile e illegale, danaro offerto da gente comune, benefattori e oblatori verso la Chiesa e i suoi bisogni. Un saggio che designa quanto la struttura della gestione finanziaria Vaticanista, sia fuori controllo e totalmente inaffidabile. Un libro denuncia, ricco di documenti esplicativi e ...

  • User Icon

    Marzia Carocci

    27/09/2017 11:29:35

    Recensione a “Via Crucis di Gianluigi Nuzzi Chiarelettere Editore a cura di Marzia Carocci Quando un giornalista sta dalla parte della verità, possono nascere ostacoli e impedimenti. Spesso si pagano colpe e ritorsioni. Il prezzo di tutto questo? La lealtà, la condivisione di esprimere ciò che di torbido si è scoperto grazie a documenti, incartamenti e prove inconfutabili, il non lasciarsi intimorire da chi chiede il silenzio. Il compito del giornalista è quello di informare, di portare alla luce ciò che per interessi, per imbrogli di potere, per aggiustamenti illeciti è stato occultato. Nel caso specifico, il noto e integerrimo giornalista Gianluigi Nuzzi, si è fatto promotore di istruire, attraverso un volume discusso, quello che all'interno del Vaticano e della Chiesa si è tenuto insabbiato grazie a chi, all'interno di essa ha avuto mani sulle redini di affari loschi d'impronta economica e di malaffare. Il libro in questione è l'ormai conosciuto “Via Crucis”, un dossier/inchiesta scritto con semplicità descrittiva nonostante la complessità dell'argomento. Spiegare al pubblico argomenti scottanti ricchi di dati, informazioni e riferimenti con una ricercatezza letteraria comprensibile a tutti, non è cosa da poco. Nuzzi si addentra in pericolosi e bui “sentieri”dove vengono mano a mano in in superficie scandali tenuti segreti, dove investimenti sbagliati, movimenti monetari in cambio di armamenti, beatificazioni e santificazioni a scopo commerciale-economico, diventano abituale iter all'interno del Vaticano stesso. Il giornalista sottolinea ciò che per per anni è stato manovrato da illeciti personaggi liberi di agire e di maneggiare il danaro in modo irresponsabile e illegale, danaro offerto da gente comune, benefattori e oblatori verso la Chiesa e i suoi bisogni. Un saggio che designa quanto la struttura della gestione finanziaria Vaticanista, sia fuori controllo e totalmente inaffidabile. Un libro denuncia, ricco di documenti esplicativi e ...

  • User Icon

    Luca

    19/04/2017 18:34:21

    "...É comunque un grande lavoro di che merita il massimo dei voti." Come dicevo appunto.

  • User Icon

    Luca

    18/04/2017 22:47:04

    Libro che ho faticato a portare a termine non certo a causa della narrazione puntuale e circostanziata dell'autore, quanto per il nervosismo causato dall'apprendere quante e quali nefandezze si nascondano sotto la tonaca di questa indegna casta che si auto definisce chiesa dei poveri. Ottimo lavoro d'inchiesta

  • User Icon

    Giacomo

    17/04/2017 16:21:56

    Non mi è piaciuto. Notizie banali trite e ritrite.

  • User Icon

    Antonio

    24/01/2016 12:17:17

    testo utile all'indottrinamento nella struttura Ecclesiale, analizza sviscera e riassume in termini giornalistici dati pubblici reperibili da risapute fonti nonché tecnicismi d'opera; Si sofferma e predilige un importante argomento quale le preoccupazioni espresse dalla Curia nella gestione di capitali che convergono nel Vaticano ma oggettivamente sono il frutto di una accurata analisi svolta appunto passo passo (via crucis in termini ecclesiastici) sulla base delle c.d. open source.

  • User Icon

    Giuliano

    10/12/2015 15:04:07

    La classica fregatura tirata ai lettori acquirenti. Scritto da un giornalaio con informazioni frivole ovvie e risapute che non pubblicherebbe nemmeno Chi o Novella 2000. Chiedo all'autore il diretto di recesso per riavere indietro i soldi buttati inutilmente.

  • User Icon

    giorgio g

    03/12/2015 09:24:44

    Anche il Vaticano, come moltissime Aziende grandi e piccole e molte Nazioni, è chiamato dalla crisi dell'economia a fare la "spending review". L'autore ci informa circa i provvedimenti che Papa Francesco ha intrapreso al fine di riassestare le disastrate finanze della Chiesa ed a implementare le misure di controllo dei bilanci vaticani che di controllo pare che non ne avessero. Wojtyla, mentre da una parte era impegnato a contrastare in ogni modo i regimi comunisti, dall'altra, non si accorse che lo Ior addirittura riciclava denaro sporco. Benedetto XVI, di fronte ai veleni e alla corruzione, ha preso la decisione di lasciare il timone della barca di Pietro. Vorrei citare in proposito la celebre frase, riportata nel libro, che monsignor Marcinkus, l'ex capo dello Ior degli scandali, ripeteva spesso: «Non si amministra la Chiesa con le Avemaria». Così dettava la linea di un'intera stagione in Vaticano, una stagione che ancora oggi sopravvive in molti ambienti della curia. Nel complesso una lettura illuminante sulle problematiche vaticane.

  • User Icon

    Alessandra

    01/12/2015 18:02:11

    Ottimo lavoro d'inchiesta. E' vero molte cose erano note ma cosa c'entra?Anzi dovremmo scandalizzarci e non nasconderci dietro l'alibi "e tanto sono cose trite e ritrite".Io ho letto sia questo libro che quello di Fittipaldi e mi sono piaciuti entrambi. La differenza maggiore fra i due mi sembra costituita dal fatto che Nuzzi analizza le cose soprattutto dal punto di vista di "Cosea" mentre Fittipaldi no.Si parla di affari sporchi e interessi economici praticamente in tutti i settori, altro che cura delle anime e aiuto per i poveri!Chi deve andare a processo non sono certo questi due coraggiosi giornalisti a cui il Vaticano non sta facendo certo della pubblicità visto che rischiano fino a 8 anni di carcere.Non banalizziamo la faccenda.

  • User Icon

    nicola

    23/11/2015 15:20:15

    notizie già conosciute e quindi riscaldate come la minestra del giorno prima. Dovrebbe pagare per tutta la pubblicità gratuita che il vaticano gli ha fatto in queste settimane.

  • User Icon

    alberta

    13/11/2015 14:03:53

    Al di là dell'effetto mediatico delle inchieste in corso, il tema (che potremmo definire purimillenario?) è forte e importante. Come si concilia la questione terrena, temporale della Chiesa con la sua missione principale? Al centro della questione ci sono uomini non sempre dotati di quel misticismo necessario per saper mediare i due volti del cattolicesimo. Interessante scoprire quanto i beni terreni interessino questi uomini. Nuzzi porta documentazioni inoppugnabili e dolorose. Un libro necessario per capire l'entità del problema. Un libro che dovrebbe però essere compendiato da uno altrettanto documentato e forte sulle qualità indiscusse di molti altri uomini, votati al prossimo e alla fede.

  • User Icon

    claudio

    10/11/2015 12:55:26

    Nuzzi con questo terzo libro che ha per oggetto il Vaticano ha fatto uso alla grande di documenti e registrazioni sconosciute. Probabilmente la sua ottica è quella di Cosea: e lì infatti nelle ultime settimane ci sono stati due arresti eccellenti e forse altri ne seguiranno. La lotta al cambiamento che vorrebbe praticare papa Francesco è terribile, anche fra i suoi seguaci non tutto fila d'amore e d'accordo. Il libro è complementare a quello uscito lo stesso giorno di Emiliano Fittipaldi e lo completa, anche -se ripeto- mi pare che Nuzzi prenda in esame le cose dal punto di vista di Cosea.

  • User Icon

    Andrea Scasso

    07/11/2015 14:18:00

    Seguo da anni per interesse personale le stanze vaticane. Onestamente non trovo in questo libro nulla di particolarmente scandaloso o raccapricciante, come invece si è ampiamente voluto far credere nel tam tam mediatico che ha preceduto la sua uscita. Emergono senza dubbio episodi poco edificanti di spese fuori controllo e cordoni della borsa talvolta troppo laschi, ma nulla di paragonabile agli sprechi di qualsivoglia altra pubblica amministrazione italiana. Non conosco le fonti di cui si è servito il giornalista, ma il problema più grosso che ha il Vaticano in questo momento pare essere quello della sicurezza interna e delle spie che da tempo violano la comprensibile riservatezza che dovrebbe caratterizzare certi delicati ambiti.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione