La via del male. Un'indagine di Cormoran Strike

Robert Galbraith

Traduttore: F. Bruno
Editore: Salani
Anno edizione: 2016
Pagine: 603 p., Rilegato
  • EAN: 9788869184796
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,04

€ 15,81

€ 18,60

Risparmi € 2,79 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello


Robert Galbraith è uno pseudonimo di J.K. Rowling, autrice della serie di Harry Potter e del Seggio vacante. La via del male è il terzo romanzo della serie di Cormoran Strike, dopo Il richiamo del cuculo e Il baco da seta.


«Per le strade ghiacciate e fangose di Londra si aggira zoppicando un eroe di cui sentiremo parlare a lungo. L’eroe giusto per i nostri tempi». - Antonio D’Orrico, Corriere della Sera

«Robert Galbraith scrive con l’inchiostro del buio, disegna immagini fra le parole, costruisce un romanzo come un architetto del tempo». - Donato Carrisi, autore del Suggeritore


Cosa c’entra Robert Galbraith aka J.K. Rowling, la regina della narrativa inglese e madrina del maghetto Harry Potter, con i Blue Öyster Cult, la band rock progressiva americana degli anni Settanta?
Apparentemente nulla. Ma la band, con i suoi testi misteriosi e pieni di simboli, c’entra eccome con l’oscuro investigatore privato Cormoran Strike. Si dà il caso che l’affascinante protagonista della serie che J.K. Rowling scrive con lo pseudonimo di Robert Galbraith, sia figlio di una famosa groupie, morta per overdose quando lui aveva vent’anni, e del cantante di un altro gruppo piuttosto cattivo, i Deadbeast. Nonostante ciò la vera ossessione di sua madre era Eric Bloom, cioè proprio il cantante dei Blue Öyster Cult.
Li amava al punto, ricorda Strike, che aveva tatuato sulla sua pelle l’ultima strofa della canzone Mistress of Salmon Salt, la stessa frase che gli è stata recapitata quella mattina nel suo ufficio, in un’anonima scatola, insieme a una gamba mozzata.

Quando l’affascinante e determinata assistente Robin Ellacott, aprendo il pacco inviato a suo nome, si rende conto che contiene la gamba di una donna, è inorridita. La gamba, tranciata poco sopra il polpaccio, ha una piccola cicatrice, il piede è piuttosto sporco, la pelle è bianchissima. Chi può averle fatto quella macabra consegna? Cormoran Strike osserva la gamba e guarda la protesi che ha alla gamba sinistra, frutto di uno spiacevole incidente durante la guerra in Iraq, ma prima di saltare alle conclusioni vuole interpellare la polizia, e chiama il suo amico Wardle, l’unico contatto affidabile che gli è rimasto al distretto.
Per Cormoran Strike gli autori del delitto potrebbero essere almeno quattro persone di sua conoscenza. Forse uno dei malfattori che ha mandato in galera, un mutilatore seriale, o qualcuno dei suoi commilitoni dell’esercito. Quello che non dice, perché davvero difficile da ammettere, è il sospetto che lo porta a sua madre, o meglio all’ambiente pericoloso e malsano che la donna frequentava prima di morire. La frase della canzone che accompagna la gamba è la stessa frase che sua madre aveva tatuato sul suo corpo. E anche la cicatrice gli ricorda un episodio della sua infanzia… Non può essere un caso.

Maestra indiscussa nella creazione di mondi, J.K. Rowling in questo terzo volume della serie, dopo Il richiamo del cuculo (Salani, 2013) e Il baco da seta (Salani, 2014) non solo è capace di trascinarci in una storia intricata e appassionante, ma apre una piccola breccia nel cuore dei suoi protagonisti, Strike e Robin, che finalmente verranno smascherati. Il colpo di scena è d’obbligo per chi come K.J. Rowling sostiene da anni il mercato editoriale con le sue storie. Per noi non può essere che una conferma: abbiamo una nuova, avvincente serie poliziesca, da prendere assolutamente sul serio.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    jessica

    15/10/2017 17:45:48

    E' la prima volta che leggo un libro scritto da J.K. Rawling e ne sono piacevolmente sorpresa. Mi riesce difficile scegliere chi sia il mio personaggio preferito tra Strike e Robin.

  • User Icon

    eLiSa

    17/09/2017 08:37:19

    Assolutamente da leggere, mi è piaciuto di più ancora dei due precedenti. Una piccola pecca, vedo riscontrata anche da altri lettori, è che due dei sospettati avevano storie in parte simili che hanno creato confusione, tanto che più di una volta sono dovuta tornare indietro per essere sicura di chi aveva fatto cosa in passato. A parte questo la lettura è molto scorrevole, la trama realistica e il finale da shock emotivo... ad aver saputo che finiva con una scena tale, per leggerlo avrei aspettato l'uscita del seguito in modo da poter subito soddisfare la curiosità.. Speriamo che qualcuno dei presenti alla scena esordisca con un bel "NO"...

  • User Icon

    Erika

    13/09/2017 09:15:45

    Bellissimo!!! aspettando il momento topico di Robin e Strike vi consiglio caldamente questa (per ora spero) trilogia

  • User Icon

    Ylenia

    09/08/2017 12:36:14

    Questo libro mi è stato regalato e successivamente ho scoperto che "La via del male" è solo il terzo di una serie. Devo dire che, sono riuscita ad entrare nelle dinamiche, nonostante appunto io non abbia letto i due precedenti: è avvincente e scritto bene. Anche i personaggi sono ben sviluppati e le loro caratteristiche ben chiare. Lo consiglio a chi ama i gialli.

  • User Icon

    Alessandro

    10/04/2017 14:03:44

    Non riesco a condividere i giudizi positivi che ho letto finora: rispetto ai precedenti due romanzi della serie, questo capitolo non mi è piaciuto per nulla. Lo sviluppo delle vicende personali di Cormoran e Robin è ripetitivo e appesantisce la trama fino a far perdere qualsiasi curiosità nei confronti della risoluzione del caso. Sono arrivato in fondo solo perché la Rowling alias Galbraith innegabilmente scrive sempre molto bene, ma con grande fatica.

  • User Icon

    Cremo

    01/02/2017 17:22:22

    Mi auguro che i libri di Strike e Robin abbiano la "lunga" vita di quelli di HP . Questo mi è piaciuto ancora di più degli altri 2 , bene , si va in crescendo proprio come nei romanzi del maghetto famoso . Buon Thriller , e forse è vero , la trama come thriller in se era magari più sviluppabile ma i personaggi sono sempre più mitici e la lettura è scorrevole e mai noiosa.

  • User Icon

    Barbara

    23/12/2016 14:00:34

    Un bel libro, la trama è avvincente al punto che ho fatto notte per finire di leggerlo! Nella storia c'è un serial killer, ma l'autore/autrice non calca troppo la mano nel descrivere scene cruenti. Lo stile narrativo è scorrevole come ci ha abituato la Rowling. Un libro da consigliare.

  • User Icon

    Luca

    10/12/2016 13:35:24

    Bello... Da leggere

  • User Icon

    Paolo Numana

    10/10/2016 22:24:30

    Nuova bella prova della Rowling che se la cava più che egregiamente anche con il giallo. Questo terzo capitolo forse è leggermente meno avvincente dei primi due, ma la prosa è sicuramente tra le migliori che si possano trovare sul mercato letterario contemporaneo e la trama dopo la prima parte del libro che risulta un po' prolissa e con diversi nomi nuovi da ricordare si slancia fino al finale sagace, brillante, acuto ed anche con un po' di cinismo sui compromessi di coppia che non guasta alla lettura del libro. Consigliato.

  • User Icon

    Alberto

    16/09/2016 09:42:40

    Cosa dire ? Leggetelo !! Intreccio affascinante, l'Autrice/Autore sa miscelare i fatti investigativi con la vita privata dei protagonisti con sapiente dosaggio e con l'altalena dei capitoli fra i quali ci sono quelli soggettivi del serial killer. Leggeremo il poker di Robin e Cormoran ?

  • User Icon

    andrea

    16/09/2016 09:09:51

    La via del male mi è stato regalato e nonostante io non ami molto i libri in serie con sempre gli stessi personaggi principali e in cui si fa riferimento a fatti successi nei libri precedenti, in questo il fatto di non avere letto i primi due non è affatto un handicap, i riferimenti sono ben spiegati anche per chi non ha letto i primi capitoli. certo, mi sarebbe piaciuto più thriller e meno storia personale dei protagonisti, ma nel complesso la storia è ben sviluppata,scritto bene e si legge velocemente. non so se acquisterò i precedenti o successivi libri su strike,ma non sono rimasto deluso da questo libro.

  • User Icon

    zan

    01/09/2016 08:38:38

    Un po' meno appassionante dei primi due, la storia è un pelino troppo diluita e con meno mordente. Resta alta la qualità della prosa e i protagonisti, che si svelano romanzo dopo romanzo, sono ben costruiti. In attesa del prossimo episodio.

  • User Icon

    andrea

    22/08/2016 17:45:44

    Sono pienamente d'accordo con il sig. Mitrovic. Il libro si regge essenzialmente sulle schermaglie psicologiche ,trattando solo marginalmente l'aspetto del thriller,che pure nasce da una idea originale e sviluppabilissima.Ciononostante si legge piacevolmente,anche se occorre estrema attenzione per ricordare i ruoli dei personaggi,che a volte si confondono,trattandosi oltretutto di appellativi in inglese. In conclusione,date le premesse dei primi due episodi,era lecito attendersi qualcosa di piu'sostanzioso a livello dell'intreccio,che l'autrice ha dimostrato di saper padroneggiare con ben altra maestria.

  • User Icon

    Sophie

    16/08/2016 20:40:48

    Gran bel libro, scritto veramente molto bene, in alcuni momenti la descrizione dei personaggi è più affascinante della trama stessa. Leggerò sicuramente anche gli altri libri di Robert Galbraith.

  • User Icon

    Aleksandar Mitrovic

    09/08/2016 21:47:57

    Adoro questa serie di Robert Galbraith con il detective Strike e la sua assistente (o socia?) Robin. I primi due libri della serie sono spettacolari e il lettore non può non appassionarsi ai due personaggi principali. La via del male prosegue nella caratterizzazione di questi due personaggi, raccontando episodi del passato lasciati in sospeso nei precedenti libri. Devo ammettere, però, che questo libro non mi è piaciuto molto. Tutta la parte investigativa presente nei precedenti due romanzi qui viene a meno. Ho trovato difficoltà durante la lettura nel distinguere i vari indiziati nell'evolversi della vicenda, compromettendo quindi in qualche modo la comprensione completa del romanzo. Infine, preciso che la conclusione del romanzo è abbastanza sbrigativa e poco sviluppata. Mi ha deluso non poco ma sono certo che comprerò il quarto volume della serie non appena sarà uscito.

  • User Icon

    Wentworth

    02/08/2016 16:22:31

    Bello, anche se io gli avrei dato 4 perché di serial killer psicopatici con devianze sessuali non se ne poteva più già dai tempi della migliore Cornwell, e perché la Rowling/Galbraith spesso esagera con descrizioni cruente al limite dello splatter e volgarità gratuite, ma poiché dalla testa di Cormoran Strike sono spariti gli inquietanti radi peli pubici, sostituiti finalmente da fluenti riccioli neri, gli do un bel 5 pieno.

  • User Icon

    Laura

    22/07/2016 13:50:02

    ....quando si finisce con la voglia di avere subito il libro seguente a disposizione....li ho letti tutti e tre in poco tempo e quest'ultimo mi ha presa ancora più degli altri! Le descrizioni accurate che ci offre la Rowling rendono tutto così vivo e a Strike e Robin ci si affeziona molto! Aspetto il quarto libro!!

  • User Icon

    Elisa Panzeri

    20/07/2016 10:10:20

    Assolutamente il migliore della serie. Finalmente ci viene mostrato qualcosa del passato dei protagonisti.

  • User Icon

    Attilio Alessandro

    18/07/2016 08:07:16

    Bellissimo, come i precedenti. Ilcapitolo 25 un capolavoro di psicologia. Consigliatissimo

  • User Icon

    Michela

    07/07/2016 21:27:02

    Come nel secondo volume della serie di Cormoran Strike, l'indagine è in secondo piano, perchè, diciamo la verità, Galbraith/Rowling vuol farci concentrare sull'evoluzione della storia (d'amicizia? d'amore?) tra l'investigatore e la sua segretaria che è la vera protagonista. Come la stessa Rowling afferma, quando scrive con il suo pseudonimo si sente in vacanza e allora, se è così, le faremo passare eventualmente il più scontato degli epiloghi.

Vedi tutte le 27 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione