Offerta imperdibile
Salvato in 11 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
La via per Kabul. Turchia, Persia, Afghanistan 1939-1940
8,08 € 8,50 €
LIBRO
Venditore: IBS
+80 punti Effe
-5% 8,50 € 8,08 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,08 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,08 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
La via per Kabul. Turchia, Persia, Afghanistan 1939-1940 - Annemarie Schwarzenbach - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La via per Kabul. Turchia, Persia, Afghanistan 1939-1940 Annemarie Schwarzenbach
€ 8,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Nel giugno 1939 Annemarie Schwarzenbach si lascia alle spalle una lunga terapia di disintossicazione, l'amore tormentato per Erika Mann e, insieme alla scrittrice Ella Mailart, si imbarca in un viaggio avventuroso a bordo di una Ford. La meta delle due donne è l'Afghanistan, un paese ai confini del mondo dove il tempo è rarefatto come l'aria delle montagne e brevi tragitti diventano peregrinazioni di giorni interi. Dalla Turchia alla Persia fino agli altopiani afghani, il viaggio diventa occasione di esplorare, insieme al mondo esterno, il proprio paesaggio interiore, di mettere alla prova certezze e paure, quello che Annemarie ha chiamato "un concentrato della nostra esistenza".
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2009
Tascabile
26 febbraio 2009
157 p., ill. , Brossura
9788856501032

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Tullio Pascoli
Recensioni: 4/5

Forse mi aspettavo troppo io. Comunque, si tratta certamente di un resoconto interessante, soprattutto se inserito nel suo contesto temporale. Infatti, mentre in Europa stava per scoppiare il più doloroso conflitto armato, due donne da sole in cerca di pace si avventurano in Paesi, attraversando deserti e strade precarie, fermandosi in villaggi e località dove alle donne ben pochi diritti erano - ed ancor oggi sono riservati. Ciononostante, ci parlano dell’ospitalità che ricevono un po’ ovunque e che è tradizionalmente riservata ai viaggiatori da parte delle popolazioni islamiche. In realtà, mi attendevo qualcosa di diverso, capace di fornirmi accenni sulle origini dei Popoli Afgano e Kashmiri perché cercavo delle tracce a proposito delle 10 tribù ebraiche disperse e che secondo altri autori si sarebbero rifugiate da quelle parti e che, poi, erano state assoggettate alla religione islamica, pur conservando alcune tipiche caratteristiche degli Ebraici. Purtroppo, l’unico inizio trovato in rapporto a questo particolare aspetto, è il fatto che l’autrice ci descrive come le donne afgane ebraiche si distinguevano, per il fatto d’indossatre “tcharis” (una versione di burka) di color nero e, pertanto diverse da quelle indossate dalle donne musulmane. In sé, si tratta senza dubbio, di una lettura interessante, anche a distanza di tanto tempo, dal momento che quelle zone sono attualmente oggetto di particolari attenzioni di tutta la stampa. Un aspetto singolare ed interessante è costituito dal fatto che l'autrice si riferisce già allora, all'ipotetica invasione dell'Afganista che l’Unione Sovietica stava preparando; infatti, in alcune occasioni saranno vigilate e sospettate di spionaggio. Evidentemente, gli eventi della guerra mondiale prima e della guerra fredda poi hanno ritardato questo progetto a cui avevano già pensato gli zar e che i comunisti, finalmente, metteranno in pratica in modo fallimentare, solo decenni più tardi, quando l'impero sovietico si trovava ormai già alla vigilia del proprio definitivo tramonto.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Annemarie Schwarzenbach

1908, Zurigo

Annemarie Schwarzenbach, figura tra le più affascinanti del Novecento letterario, nasce a Zurigo nel 1908 in una facoltosa famiglia di industriali dalla quale deciderà di allontanarsi in maniera via via più radicale. Durante gli studi di Storia, svolti tra Parigi e Zurigo, incontra Erika e Klaus Mann, con i quali condivide un determinato antifascismo e uno stile di vita bohémien. Nel 1931 pubblica il suo primo romanzo, Gli amici di Bernhard (in Italia edito da L'Orma Editore nel 2014), e decide di dedicare la propria vita alla scrittura. Alla produzione romanzesca affianca allora il lavoro di giornalista e fotografa scrivendo articoli da tutto il mondo; anticonformista, avventurosa, apertamente omosessuale, ma anche tormentata e morfinomane, tra le sue imprese resta...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore