Why Read the Classics?

Why Read the Classics?

Italo CalvinoMartin McLaughlin

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 437,36 KB
  • EAN: 9780141889627
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,49

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Why Read the Classics? is an elegant defence of the value of great literature by one of the finest authors of the last century. Beginning with an essay on the attributes that define a classic (number one - classics are those books that people always say they are 'rereading', not 'reading'), this is an absorbing collection of Italo Calvino's witty and passionate criticism.

Italo Calvino, one of Italy's finest postwar writers, has delighted readers around the world with his deceptively simple, fable-like stories. Calvino was born in Cuba in 1923 and raised in San Remo, Italy; he fought for the Italian Resistance from 1943-45. His major works include Cosmicomics (1968), Invisible Cities (1972), and If on a winter's night a traveler (1979). He died in Siena in1985, of a brain hemorrhage.

  • Italo Calvino Cover

    Figlio di due scienziati (il padre è agronomo, la madre biologa) nasce a Cuba dove i genitori dirigevano l'orto botanico di Santiago de las Casas, vicino a L'Avana. Tornata in Italia la famiglia, a Sanremo, frequenta le scuole nella città ligure e, terminato il liceo si iscrive ad Agraria, ma interrompe l'Università per evitare l'arruolamento forzato e dopo l'8 settembre si unisce alle brigate partigiane nella Brigata Garibaldi. Nel 1944 entra nel Pci e alla fine della guerra ne diventa militante attivo e Quadro. Si iscrive e si laurea alla facoltà di lettere di Torino e nel frattempo inizia a collaborare a riviste (fondamentale il rapporto con il Politecnico di Vittorini) e quotidiani. Entra a lavorare all'Einaudi e nel 1950 ne viene assunto definitivamente come... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali