€ 12,99

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Descrizione

Il disordinato mondo del cinema, formato da commendatori che hanno sempre paura di perdere i soldi che hanno investito in un progetto, da attrici molto sensuali, da intellettuali petulanti, da ragazze squillo, continua a non dar tregua ad un regista di successo che dovrebbe iniziare un nuovo film.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    24/04/2018 10:20:00

    Secondo me il più bel film di Fellini. Mastroianni perfetto e atmosfere oniriche tipiche del Maestro!

  • User Icon

    ziogiafo

    17/10/2017 09:41:35

    ziogiafo - 8 1/2 – Italia, 1963 - 1^ parte - La grande opera di Fellini è stata quella di riuscire a filmare la propria immaginazione, il pensiero umano in fase di concepimento di un’idea e di un “qualcosa” che ti sfugge ancora e che sotto la pressione emotiva di una crisi esistenziale offusca la creatività, costringendoti a vagare nell’intimo del tuo universo interiore alla ricerca di certezze, operando una sorta di scomposizione minuziosa dei ricordi e delle profonde emozioni. Salti temporali misti a caroselli di immagini che fanno parte delle sensazioni attuali e della vita vissuta del protagonista di “Otto e mezzo”, il regista Guido Anselmi (un fantastico Marcello Mastroianni), che si tormenta nella sua inquietudine per la mancanza d’ispirazione che non gli permette ancora di dare un senso al suo nuovo progetto cinematografico. Solo la genialità di Federico Fellini poteva risolvere una tematica così complessa e per certi versi evanescente, non facile da riportare sul grande schermo, ma con “Otto e mezzo” il grande maestro riminese realizza uno dei suoi capolavori più alti che ancora oggi viene considerato uno dei più grandi film del Cinema di tutti i tempi. Le incertezze, le perplessità, il vuoto creativo del protagonista Guido Anselmi, appartengono in realtà allo stato d’animo di Fellini, ma possono essere estese a qualsiasi altro regista che si trova in quella difficile fase prima delle riprese. …/continua nella 2^ parte.

  • User Icon

    ziogiafo

    17/10/2017 09:38:36

    ziogiafo - 8 1/2 – Italia, 1963 - 2^ parte - Guido è assorto nel suo mondo interiore, dove si affollano le più svariate sensazioni che lo rapiscono e lo confondono sottoponendolo a continui interrogativi. La moglie, l’amante, la donna ideale e tante altre donne insieme agli affetti più cari della sua vita ruotano nei suoi nitidi ricordi d’infanzia e si fondono con le continue e rassicuranti visioni oniriche dei genitori defunti. Il suo travagliato quotidiano lo schiaccia, la gente di cinema lo incalza domandandogli in maniera opprimente le giuste direttive sul da farsi, la macchina produttiva è ormai avviata bisogna procedere con azioni concrete. Dottore! Signor regista… qualche piccola anticipazione per la mia parte?... Qualche indicazione sul soggetto del film?... Tante domande a cui Guido non sa rispondere perché è troppo impegnato a mettere ordine nella sua confusione interiore e non riesce a venirne fuori, si dispera si affatica mentalmente a tal punto da rifugiarsi per un breve periodo in una località termale per rilassarsi, curarsi e recuperare energie. Intanto si incrinano anche i rapporti con la moglie (una bravissima Anouk Aimée ) che è stanca delle sue bugie e di tanta ambiguità, ma Guido non riesce ad accusare nessuno del suo tormentato stato d’animo, cercando sempre di trovare la giusta soluzione alle sue problematiche scavandosi dentro e consolandosi con la sua prosperosa amante (una stupenda Sandra Milo). Tornando al lavoro cerca di caricarsi pensando intensamente alla sua “donna ideale” (una candida e meravigliosa Claudia Cardinale) che, di tanto in tanto gli appare in rapide e suggestive visioni, materializzandosi verso la fine del film, presentandosi alla produzione e quindi a Guido che viene folgorato dalla sua presenza, mentre stava assistendo con aria distratta alla proiezione dei vari provini da vagliare insieme agli addetti ai lavori. …/continua nella 3^ parte.

  • User Icon

    ziogiafo

    17/10/2017 09:34:46

    ziogiafo - 8 1/2 – Italia, 1963 - 3^ parte - La crisi di Guido continua a tormentarlo non offrendogli nessuna chance, crolla ogni sua speranza di realizzare il film e si abbandona completamente alle sue sensazioni negative pensando di risolvere tutto con il suicidio. Il torpore e la sofferenza di questo autore in conflitto con se stesso vengono interrotti da un’improvvisa illuminazione che gli restituisce il giusto vigore per rimettersi al lavoro. Grazie al provvidenziale cambiamento riesce a dare un senso alle sue giornate rivolgendosi con animo positivo verso tutta quella folla di persone che appartengono alla sua vita. In un memorabile finale, sulle suggestive note dell’indimenticabile colonna sonora del grande maestro Nino Rota, si conclude questo stupendo capolavoro con “un inno alla vita”, in un grande abbraccio corale, in una festa di gioia che accomuna tutto e tutti in un’esplosione di emozioni da vivere insieme. Il titolo si riferisce “a quello da decidere ancora…” che veniva comunque dopo l’ottavo e mezzo (come numero) della produzione dei film di Fellini fino al 1963, titolo temporaneo che diventò poi quello definitivo. Un inno alla vita… Cordialmente, ziogiafo.

  • User Icon

    Gian Paolo Rossi

    18/05/2017 20:47:39

    Un film straordinario. Una delle grandi opere del '900. Assolutamente da vedere almeno una volta nella vita.

  • User Icon

    Michele Bettini

    14/03/2017 15:04:32

    Uno dei film più noiosi, più banali, più pompati e inutili di ogni tempo.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

1964 - Nastro d'Argento - Miglior attrice non protagonista - Milo Sandra

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Mustang Entertainment, 2014
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Note: restauro digitale a cura del Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale, Rti-Gruppo Mediaset e Medusa Film
  • Durata: 138 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,78:1
  • Area2
  • Contenuti: interviste: "Un film che ti sorprende sempre" intervista a Giuseppe Tornatore - "Il capolavoro di Fellini" intervista a Gian Luigi Rondi - "Alla ricerca dell'autenticità" intervista allo psicoanalista Fabio Castriota