L' adolescente - Fëdor Dostoevskij - ebook

L' adolescente

Fëdor Dostoevskij

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,27 MB
Pagine della versione a stampa: 558 p.
  • EAN: 9788858411872
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La cronaca famigliare che Dostoevskij inventa ispirandosi alle rubriche dei giornali è molto diversa da quella cui ci aveva abituato Tolstoj, con la sua rappresentazione di un solido mondo patriarcale. Lacerata e divisa, la famiglia di Dostoevskij è lo specchio dei tempi nuovi, dei traffici di una società avida e iniqua che non esita a lanciarsi nelle imprese più spregiudicate, a perdersi in tormentosi conflitti con i demoni che la agitano. Confessione autobiografica di un giovane ventenne, "L'adolescente" snoda una sequenza vertiginosa di fatti, un turbine di avvenimenti incalzanti. Figlio naturale di un proprietario terriero, Arkadij coltiva sogni di potere e rivincita, ma non riuscirà a sottrarsi al giro di ricatti e intrighi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,63
di 5
Totale 4
5
1
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    carmine

    12/05/2020 14:14:14

    Il finale mi ha sfibrato... infinitamente infinito! Ma Dostoevskij, questo grande autore, sa restare sempre vicino al suo lettore, lo rispetta, lo informa, lo consiglia, ma innanzi tutto lo lascia libero di seguirlo; questa libertà, espressa chiaramente in un ricorrente dialogo, mi ha comunicato grande simpatia, anzi empatia con il fluire del suo narrare e la voglia di conoscere meglio i personaggi, scoprire i sentimenti e le passioni tra le più alterne, umane e sorprendenti.

  • User Icon

    tea

    12/05/2020 08:46:35

    Diciamo tra le tre e le quattro stelle; libro non di facile lettura: la struttura, caratterizzata da vaghe allusioni, comparsa di sempre nuovi misteri, colpi di scena, non permette al lettore di distrarsi o annoiarsi, anzi, veniamo costantemente invitati ad avere pazienza con la promessa di chiarimenti che verranno dati successivamente, facendo sì che le vicende si accumulino una dietro l'altra...e questo mi ha fatto apprezzare il romanzo.

  • User Icon

    Sara

    11/03/2019 18:44:55

    Un'anima in formazione si affaccia all'uscio della società. Un adolescente è l'idea stessa dello sperimentare. Dostoevskij utilizza l'ennesimo strumento per scavare la recondita psicologia umana e per suggerire vie salvifiche per l'umanità, suggerendo un messaggio che sia universale. Si rintracciano nel romanzo molte idee poi sviluppate in altre opere dostoevskijane.

  • User Icon

    Pietro

    19/09/2018 13:23:01

    Sottovalutato. Si consideri, che Dostoevskij mai scrisse il grande progetto: Vita di un grande peccatore, il quale sarebbe dovuto essere lo sviluppo secondo età di un uomo tentato e caduto, senza la giustificazione del peccato originale, e sotto lo schema decisionale: devo avere esperienza del bene e del male, affinché possa con ragione decidere del bene, o avere fede senza che essa coincida con la paura. Attenzione: la trama è molto semplice, e consiglio di leggere il primo e l'ultimo capitolo subito, per poi andare leggendo secondo complessità dei rapporti psicologici tra i personaggi. Credo, che la confusione notata dai più si debba ad una mancata attenzione a questo: si infittisce la trama psicologica, non la struttura fattuale del romanzo.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Fëdor Dostoevskij Cover

    Figlio di un medico, un aristocratico decaduto stravagante e dispotico, crebbe in un ambiente devoto e autoritario. Nel 1837 gli morì la madre, da tempo malata, e D. venne iscritto alla scuola del genio militare di Pietroburgo, istituto che frequentò controvoglia, essendo i suoi interessi già risolutamente indirizzati verso la letteratura (risalgono a quegli anni le sue prime letture importanti: Schiller, Balzac, Hugo, Hoffmann). Diplomatosi nel 1843, rinunciò alla carriera che il titolo gli apriva e, lottando con l’indigenza e con i disagi di una salute cagionevole, cominciò a scrivere: il suo primo libro, il romanzo Povera gente (1846), che ebbe gli elogi di critici come Belinskij e Nekrasov, rivela già l’attenzione pietosa di D. per... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali