Amato bene - Le quattro stagioni - Concerto in La RV342

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Antonio Vivaldi
Direttore: Luigi Piovano
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Sony Classical
  • EAN: 0190758603025
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 14,47

Venduto e spedito da Shop Mio

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,98 € Spese di spedizione

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 13,75 €)

L’album di debutto registrato con l’eccezionale Stradivari “Toscano” e gli Archi dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretti dal Maestro Luigi Piovano.
Pubblicato su etichetta Sony Classical.
Concerti per violino:
- Le Quattro Stagioni
- Amato bene, RV 761
- Concerto in La Magg RV 342 (prima reg. mondiale)
Ucraina, 24 anni, enfant prodige precocissima, ha lasciato la madrepatria a soli 11 anni per proseguire gli studi in un paese più stabile e sicuro dell’Ucraina degli anni 2000, ancora luogo dell’eccellenza violinistica mondiale, ma purtroppo tormentata da una guerra civile sotterranea, che male si confaceva alle esigenze di concentrazione e tranquillità necessarie ad un giovane talento per crescere al meglio delle proprie possibilità.
Ucraina, 24 anni, enfant prodige precocissima, ha lasciato la madrepatria a soli 11 anni per proseguire gli studi in un paese più stabile e sicuro dell’Ucraina degli anni 2000, ancora luogodell’eccellenza violinistica mondiale, ma purtroppo tormentata da una guerra civile sotterranea, che male si confaceva alle esigenze di concentrazione e tranquillità necessarie ad un giovane talento per crescere al meglio delle proprie possibilità.
In Italia, sua patria d’adozione, dove si è trasferita con tutta la famiglia, pur nelle mille difficoltà di vedere i genitori costretti a lavori molto più bassi delle loro reali competenze professionali, Anastasiya ha trovato la sua strada e a soli 16 anni è stata ammessa prima all’Accademia Internazionale “Walter Stauffer” di Cremona del Maestro Salvatore Accardo, quindi all’Accademia Chigiana di Siena, poi alla prestigiosissima scuola di Zurigo, iniziando anche un’intensa attività live da New York a Barcellona, con le migliori istituzioni musicali italiane e attraendo, grazie anche ad un’indiscutibile, rara ed apollinea bellezza, le attenzioni di star trasversali come Andrea Bocelli, che la chiama stabilmente nei propri eventi internazionali di charity, della moda, a partire dalla Maison Valentino, e della Tv generalista. Ma anche del Vaticano e di Papa Francesco, che l’hanno voluta nel progetto artistico itinerante “Grande Mistero” per la giornata mondiale della famiglia.
Oggi Anastasiya è anche la violinista che maggiormente lavora nel mondo coi grandi violini storici, patrimoni italiani assoluti di bellezza, maestria e unicità, grazie alla collaborazione stabile con la Fondazione A. Stradivari di Cremona, con il Laboratorio di acustica musicale del Politecnico di Milano e il Laboratorio di diagnostica non invasiva dell’Università degli studi di Pavia. Inoltre, a conferma di questo rapporto con le grandi eccellenze della celeberrima liuteria storica italiana, nel 2016 si è esibita, per concessione straordinaria del Ministero della Cultura, al Teatro Carlo Felice di Genova con il celebre violino “Il Cannone” appartenuto a Niccolò Paganini, eseguendo il Concerto n. 1 per violino e Orchestra di Paganini.
L’album di debutto per Sony Classical la vede lavorare con le assolute eccellenze d’archi dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per un progetto vivaldiano perfetto per esaltarne l’indiscusso virtuosismo, la musicalità innata, il suo amore per il nostro paese e le sue potenzialità di attrattiva su di un pubblico più generalista.
Disco 1
1
I. Allegro (Amato Bene)
2
II. Largo (Amato Bene)
3
III. Allegro (Amato Bene)
4
I. Allegro (The Spring)
5
II. Largo e pianissimo sempre (The Spring)
6
III. Allegro(The Spring)
7
I. Allegro non molto (The Summer)
8
II. Adagio - Presto (The Summer)
9
III. Presto (The Summer)
10
I. Allegro (The Fall)
11
II. Adagio molto (The Fall)
12
III. Allegro (The Fall)
13
I. Allegro non molto (The Winter)
14
II. Largo (The Winter)
15
III. Allegro ((The Winter)
16
I. Allegro non molto (Concerto in L Major, RV 34)
17
II. Largo (Concerto in L Major, RV 34)
18
III. Allegro (Concerto in L Major, RV 34)
5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Edouard Hurstel

    02/12/2018 15:37:02

    Worth listening! The interpretation is full of power, energy and passion, combined with a subtle feminine touch; the technique is precise. A great moment of classical music!

  • User Icon

    YuliaP.

    14/11/2018 21:30:22

    Ottimo album, grazie!

  • Antonio Vivaldi Cover

    Compositore e violinista.La vita. Suo padre, Giovanni Battista, era violinista della cappella di San Marco; Antonio studiò con lui e forse, per breve tempo, con G. Legrenzi. Ordinato sacerdote nel 1703 (e subito denominato, per la sua capigliatura, «il prete rosso»), fu dispensato dal celebrare la messa per le cattive condizioni di salute. Entrò come insegnante di violino nel conservatorio della Pietà, dove rimase sino al 1740; era questo uno dei quattro istituti veneziani dove, a somiglianza dei conservatori napoletani, trovavano assistenza (per lo più gratuita) orfani, figli illegittimi, malati. V. vi ricoprì di volta in volta, con interruzioni per viaggi, le cariche di maestro di cappella, maestro di coro, maestro dei concerti, dapprima alle dipendenze di F. Gasparini e poi (dal 1713) in... Approfondisci
Note legali