DISPONIBILITA' IMMEDIATA

America perduta. In viaggio attraverso gli Usa

Bill Bryson

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: A. M. Galliazzo, A. Poggi
Editore: Feltrinelli
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,54 MB
Pagine della versione a stampa: 302 p.
  • EAN: 9788858814178
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un appassionante vagabondaggio per le strade di un’America minore, dentro il cuore delle piccole città che sono l’anima segreta degli Stati Uniti, luoghi in cui la vita sembra rimasta ferma agli anni cinquanta. Un viaggio attraverso un presente rimasto passato, in una provincia rurale che sembra non voler lasciare spazio al futuro. Bill Bryson, americano di nascita ma inglese d’adozione, percorre a bordo di una vecchia Chevrolet 22.500 chilometri all’inseguimento di un ricordo. Restituendoci un tempo cristallizzato, la canzone di uno sterminato paese che continua a credere, a immaginare, a vivere fra le pieghe di un sogno domestico e provinciale.
3,7
di 5
Totale 10
5
4
4
3
3
1
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Y

    07/05/2019 11:32:35

    Ottimo autore, in questo libro ha rappresentato un'altra faccia dell'America. Scorrevole divertente e ironico, che non nasconde difetti e problematiche del suo paese d'origine

  • User Icon

    Cosimo

    22/09/2018 12:39:51

    Andando oltre gli stereotipi della presunta e artefatta realtà americana spesso propinata dai vari mezzi di informazione, questo libro ci conduce nell’anima più vera e remota dell’America di provincia, lì dove risiede il cuore più autentico e alternativo della nazione, lontano dai percorsi più battuti e confortanti delle strade principali. Uno stile di scrittura magistrale e divertente accompagna il lettore negli sconfinati paesaggi e incontro ai personaggi più improbabili. Uno straordinario volume di pregevole sostanza.

  • User Icon

    terry

    10/10/2016 09:14:57

    testo di una superficialità imbarazzante e umorismo infantile

  • User Icon

    rossano garibotti

    11/07/2016 19:42:55

    Sono rimasto oltremodo deluso da questo libro, che aveva recensioni buone e uno spazio tutto suo nella narrativa di viaggio. Non capisco perchè non venga presentato nella collana che gli appartiene, quella umoristica. Il resto è superficiale.

  • User Icon

    Simone

    21/01/2016 15:08:26

    Bryson è proprio simpatico: ironico, pungente, appassionato e appassionante. Detto questo, "America perduta" è, per ovvi motivi, un libro squilibrato. L'autore si pone l'obiettivo di tracciare un ritratto dell'America di provincia inusuale e non retorico, descrivendo minuziosamente il suo viaggio on the road lungo le strade di tanti Stati degli U.S.A. Sono molte le pagine divertenti, le immagini indimenticabili, gli incontri curiosi. Purtroppo sono anche tante le lacune, le interpretazioni (a mio avviso) errate di alcuni Stati, visitati da me in prima persona, le banalizzazioni. Rimane per me una piacevole scoperta e di sicuro cercherò di viaggiare ancora con Bill in giro per il mondo.

  • User Icon

    AdrianaT.

    04/01/2016 09:39:09

    Tutti sono felici, amichevoli e stranamente sereni in Iowa, asserisce lo schietto e ruvido Bill Bryson, anche se in realtà, lì, in Iowa, ti ci tiene davvero poco, e da quel che dice, sembra essere un vero mortorio. Ma è sulle 'strade blu' che invece si va, ed è un bell'andare. Assicuro che, per chi vuole conoscere anche l'altra America, quella da vedere e quella da evitare, rappresentata qui da un americano con l'accento inglese, in modo colorito, caustico, tutt'altro che romantico o sentimentale, vivo e ironico, questo è un libro da leggere. Per gli appassionati dell''on the road' consiglio caldamente anche 'Strade blu' di Heat- Moon.

  • User Icon

    alce67

    11/09/2014 13:21:38

    Divertente. Un viaggio nell'"altra america", quella dimenticata delle pianure centrali, degli Appalacchi e delle Montagne Rocciose. Ironico e dissacrante, scorre via bene e ci racconta un'america spesso povera, ignorante, triste. Nonostante sia stato pubblicato in Italia nel 2013, il libro è stato scritto negli anni '80; non utilizzatelo dunque come guida turistica. Non è aggiornato!

  • User Icon

    Mario

    16/04/2014 21:22:47

    Un libro spassoso e divertente, un diario di viaggio attraverso i luoghi meno conosciuti e celebrati d'America. Due disappunti, però, su un libro quasi perfetto: la breve sezione sul viaggio a Ovest e la ristrettezza (e ignoranza) mentale di Bryson quando liquida la storia del West come quella di contadini occupati solo a sparare.

  • User Icon

    Roberto

    18/02/2014 13:23:33

    Eccellente questo resoconto del viaggio che Bryson fece nella sua America, simpatico, ironico e divertente al punto giusto. Consigliato in particolar modo a chi pensa (o pensava, come me) che l'America sia il miglior mondo possibile.

  • User Icon

    fabrizio

    22/09/2013 23:59:57

    Molto interessante. Bill Bryson ci conduce in giro per l'America meno conosciuta con la consueta ironia e la solita semplicità descrittiva.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
  • Bill Bryson Cover

    Giornalista e scrittore statunitense. I genitori, William and Mary Bryson ebbero altri due figli, Michael e Mary Elizabeth. Iniziò gli studi presso la Drake University ma li abbandonò nel 1972 quando decise di girare per quattro mesi per l'Europa. Fece ritorno in Europa l'anno successivo, con il suo compagno di scuola Stephen Katz. Alcuni episodi di questo secondo viaggio vengono rispolverati in Una città o l'altra, che documenta un viaggio simile intrapreso da Bryson vent'anni dopo.Nel 1975 la coppia tornò negli Stati Uniti dove Bryson terminò gli studi. Nel 1977 si trasferirono nuovamente nel Regno Unito dove rimasero fino al 1995. Durante la sua permanenza nel Regno Unito Bryson lavorò come giornalista, prima per il The Times e più tardi... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali