Categorie

Rainbow Rowell

Traduttore: F. Merani
Editore: Piemme
Anno edizione: 2017
Pagine: 538 p. , Rilegato
  • EAN: 9788856655032

Età di lettura: Young Adult.

Scopri tutti i libri per bambini e ragazzi

34° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Rosa

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Le prime pagine del libro

Mi dirigo da solo verso la stazione degli autobus.
I miei documenti sono sempre un problema quando me ne vado. Per tutta l'estate non ci è concesso neanche raggiungere a piedi il supermercato senza accompagnatore e il permesso della Regina, mentre in autunno mi basta firmare per lasciare la casa famiglia.
«Frequenta una scuola speciale» spiega una delle impiegate all'altra mentre firmo per andarmene. È seduta con la collega in un gabbiotto di plexiglass e le restituisco i fogli attraverso una fessura nella parete. «Una specie di riformatorio» sussurra.
L'altra donna non alza nemmeno lo sguardo.
È così ogni settembre, anche se non torno mai due volte nella stessa struttura.
Il primo anno è stato l'Arcimago in persona a prelevarmi per condurmi a scuola, appena ho compiuto undici anni. Ma l'anno dopo mi ha detto che potevo benissimo farcela da solo a raggiungere Watford. «Hai ucciso un drago, Simon. Figuriamoci se non puoi affrontare una lunga camminata e un paio di autobus.»
Io mica volevo ucciderlo, quel drago. Non mi avrebbe fatto del male, non credo. (A volte me lo sogno ancora. Il modo in cui il fuoco l'ha consumato dall'interno, come una bruciatura di sigaretta su un foglio di carta.)
Arrivato alla stazione, mangio una barretta Aero alla menta in attesa del mio primo autobus. Dopo quello me ne toccherà un altro e, dopo ancora, un treno.
Una volta salito sul treno, provo ad addormentarmi con la valigia sulle ginocchia e i piedi sul sedile di fronte, ma qualche fila più indietro c'è un uomo che continua a fissarmi. Sento i suoi occhi strisciarmi su per il collo.
Potrebbe essere un pervertito. O un poliziotto.
O magari un cacciatore di taglie che sa quanto vale la mia testa...
Cambio vagone e neanche ci riprovo ad addormentarmi. Più mi avvicino a Watford, più divento irrequieto. Ogni anno mi verrebbe da saltar giù dal treno e spararmi dritto fino a scuola con un incantesimo, anche se rischio di finire in coma.