Categorie
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 199 p., Brossura
  • EAN: 9788804637424
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,75

€ 9,00

Risparmi € 2,25 (25%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Enomis78

    18/02/2015 14.31.00

    Tra tutti i libri di Corona al momento questo è quello che mi è piaciuto di meno anche se devo dire le pagine finali mi sono piaciute molto.

  • User Icon

    zombie49

    08/09/2014 23.11.14

    Un'anziana donna vive in una stanza in penombra, circondata da statue di legno che accarezza delicatamente. Le ha scolpite un uomo selvatico, un amante segreto con cui mai si è potuta mostrare al mondo. Un legame profondo, accomunati da un'infanzia dolorosa e da un'esistenza dura e faticosa tra i monti, li ha uniti attraverso anni di incontri dolci e fugaci. Ora, al tramonto della vita, il sentimento si è trasfigurato in sogno, non hanno più bisogno di parole, comunicano attraverso il bosco e i suoi animali. Fino all'ultimo giorno, non più temuto ma liberatorio, lontano dalla società degli umani. La presenza femminile rimane sempre, come nella descrizione iniziale, nell'ombra, è l'uomo, il protagonista. E' un racconto ampiamente autobiografico, nonostante la premessa "Ogni riferimento... " e leggendo si capisce il perché: tra le pagine è nascosto l'accenno a una fiaba nerissima, di cui l'autore sembra quasi promettere il seguito. Un libro diverso dagli altri dello scrittore ertano, una riflessione sulla vecchiaia e sulla morte, sul desiderio di isolarsi dal mondo, di deporre le armi con cui sempre lo ha combattuto, ma forse un po' ripetitivo. La vita scorre e passa sopra di noi, sassi nella corrente. Ogni uomo è solo e tutto ciò che fa, scrivere, scolpire, scalare, amare e odiare, lo fa x se stesso ed è destinato a scomparire nella polvere dell'oblio. Alla fine, Corona non racconta quasi nulla, solo le proprie riflessioni e la propria filosofia, ma il libro mi è piaciuto, forse perché condivido molti suoi punti di vista. La solitudine in comunione con la natura, generosa o spietata, è più appagante della chiassosa comunità degli umani. Lo stile è affascinante, con periodi brevi, semplici e incisivi.

Scrivi una recensione