Corali Schübler, preludi e fughe

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johann Sebastian Bach
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 29 ottobre 2012
  • EAN: 5028421943800

€ 10,90

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Preludio e Fuga BWV 541, 544, 545, 546, 547 548; Toccata e Fuga BWV 538, Corali Schübler BWV 645-650
Questo cofanetto doppio dedicato alla produzione organistica di Bach contiene la celebre raccolta dei Corali Schübler, brani da concerto basati sulle melodie dei corali delle cantate del sommo Cantor lipsiense e una scelta dei grandi preludi e fughe, dai quali è possibile apprezzare la sua insuperabile padronanza della tecnica contrappuntistica. Per eseguire con il giusto approccio filologico questi monumenti della produzione organistica settecentesca, Matteo Messori suona alcuni dei migliori organi storici della Germania, strumenti che Bach potrebbe aver suonato e dei quali apprezzava moltissimo le caratteristiche. Grazie a una intensa carriera concertistica e a una serie di registrazioni di alto livello (comprendenti tra le altre cose L’Arte della Fuga – BRIL 94061 – e il Clavierübung – BRIL 94201), Messori è oggi considerato tra gli organisti migliori d’Europa e uno degli interpreti più ispirati della produzione bachiana.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Johann Sebastian Bach Cover

    Compositore tedesco.La vita: da Weimar, a Cöthen, a Lipsia. Figlio di un violinista, ricevette la prima istruzione musicale dal padre e, dopo la sua morte (1695), dal fratello maggiore. Nel 1700 entrò a far parte, come soprano, del coro di S. Michele a Lüneburg, rimanendo al servizio di quella chiesa anche dopo la muta della voce, avvenuta l'anno seguente. Nel 1703 ebbe un breve incarico a Weimar come violinista nell'orchestra ducale; pochi mesi dopo divenne organista di chiesa ad Arnstadt. Nel 1707, colpito da dure critiche perché si era assentato senza permesso e perché sottoponeva a eccessive elaborazioni l'accompagnamento dei corali, si trasferì a Mühlhausen, presso la chiesa di S. Biagio. Nello stesso anno sposò sua cugina. Nel 1708 tornò a Weimar come organista di corte. Deluso nella... Approfondisci
Note legali