L'Egitto prima delle sabbie

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Franco Battiato
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Sony Music
  • EAN: 0889854642716

73° nella classifica Bestseller di IBS Vinili Musica italiana - Cantautori italiani

Salvato in 8 liste dei desideri

€ 21,51

€ 23,90
(-10%)

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 20,13 €)

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giovanni Galvagno

    07/03/2019 17:29:07

    Senza alcun dubbio, uno dei migliori dischi di Battiato, vincitore del Premio Stockhausen e ripreso dal grande compositore americano John Cage. Il materiale su cui si basa è esiguo, consistendo di una sola sequenza di note ripetuta per circa 20 minuti, con intervalli definiti da un sapiente e creativo rilascio del pedale, sul primo lato; sul secondo, un accordo con leggere variazioni ritmiche e talvolta armoniche per altri venti minuti circa. Personalmente, penso al lato a del disco, quando parlo di grandezza dell'opera. Il tempo viene dilatato e l'ascoltatore è trasportato in una dimensione altra, esterna. E' un bellissimo pezzo per pianoforte, lontanissimo dal Battiato pop al quale l'ascoltatore è abituato. Richiede un ascolto diverso dalla musica pop, per il fatto che non lo è. Ovviamente, se non piace, è un'altra cosa.

  • Franco Battiato Cover

    Nato in provincia di Catania, Francesco (detto «Franco») Battiato consegue la maturità scientifica ad Acireale. Il padre era scaricatore di porto a New York, e a seguito della sua scomparsa, il giovane si trasferisce a Roma, e poi a Milano. Di questo periodo Battiato ricorda: «Milano allora era una città di nebbia, e mi sono trovato benissimo. Mettevo a frutto la mia poca conoscenza della chitarra in un cabaret, il "Club 64", dove c’erano Paolo Poli, Enzo Jannacci, Lino Toffolo, Renato Pozzetto e Bruno Lauzi. Io aprivo lo spettacolo con due o tre canzoni siciliane: musica pseudobarocca, fintoetnica. Nel pubblico c’era Giorgio Gaber che mi disse: vienimi a trovare. Il giorno dopo andai. Diventammo amici». Con il compaesano Gregorio Alicata,... Approfondisci
Note legali