DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Il fuggiasco

Massimo Carlotto

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 281,91 KB
  • EAN: 9788876419362
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Nel Fuggiasco Carlotto ci narra le sue peripezie nel periodo della latitanza, prima in Francia e poi in un Messico horror e canagliesco. (...) Come ci si comporta da latitanti? Come ci si muove, si cerca lavoro, si evitano i poliziotti, si dà appuntamento ai parenti? Il racconto è vivace, appassionato, ricco di incontri amicali e amorosi, ironico e, cosa rara, autoironico».
(Grazia Cherchi)

«Quello che attrae e convince (come se fosse un giallo di pura fiction) è l’intreccio tra la cornice che tutti abbiamo vissuto, la nostra autobiografia collettiva, e una vicenda dolorosa e solitaria...».
(Gianfranco Capitta – Il Manifesto)
3,41
di 5
Totale 22
5
3
4
8
3
8
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    byAx

    03/01/2017 10:23:42

    Carlotto racconta l'esperienza di 'latitanza per caso' fuori dal paese, in seguito al caso giudiziario di omicidio che l'ha investito a partire dal 1976, passando dal suo successivo rientro in Italia fino alla grazia avvenuta nel 1993. Una vicenda autobiografica disperata — che per forza di cose sconvolge la vita di chi la vive e di chi gli sta intorno — stemperata grazie al taglio autoironico che l'autore imprime alla narrazione, che però di per sé risulta sbrigativa in più di un'occasione, smorzando tensione e drammaticità degli eventi stessi.

  • User Icon

    angelo

    26/03/2016 12:08:18

    Ingredienti: una fuga dall'Italia per garantirsi la libertà, un viaggio senza bagaglio tra Francia e Messico con mille pericoli e paure, una vita da invisibile a contatto con nuove ingiustizie e soprusi, tanti incontri indimenticabili con persone vissute dalla parte sbagliata della storia. Consigliato: a chi ha fame e sete di giustizia terrena, a chi non si rassegna ai torti continuando a vivere e lottare.

  • User Icon

    Alessandro

    27/01/2016 16:38:21

    Massimo Carlotto racconta il suo esilio personale durato anni per un errore giudiziario. In questo dramma conosce persone e paesi nuovi...e

  • User Icon

    laura

    27/07/2012 18:21:45

    Molto noioso e spesso ripetitivo , inoltre ho trovato molto sgradevolo l'allusione riportata a pag.49 riferita a Pinelli "SUICIDA" nell'ufficio del commissario Calabresi. Mi risulta che poi che per l'omicidio dello stesso siano poi stati accusati i suoi compagni di lotta continua. TROPPO DI SINISTRA / ANCHE PEGGIO !!

  • User Icon

    Francesco Cutrì

    03/06/2012 18:23:23

    Il libro è l'autobiografia di Massimo Carlotto .Nello stesso , l'autore parla dei suoi anni d'esilio in Francia ,in Spagna ed , in ultimo ,in Messico . La narrazione è ricca di monologhi lunghissimi quanto soporiferi . Si stenta ad arrivare alla fine anche a causa dell'estrema lentezza del racconto . Conosco un Carlotto di gran lunga migliore .

  • User Icon

    marcello

    03/06/2012 09:51:49

    Interessante sopratutto\ se letto oggi, tempi nei quali la lotta armata e la giustizia sono argomenti di nuovo a rischio sociale. Scritto molto bene

  • User Icon

    Franco

    09/02/2012 10:10:05

    Bravo Carlotto. Letto velocemente. Franco

  • User Icon

    laura

    21/06/2009 11:11:53

    Un libro che racconta le vicende del "latitante per caso" con uno stile originale e ironico. Una lettura piacevole e interessante.

  • User Icon

    Laura

    20/02/2007 10:29:23

    E' il secondo libro che leggo di Carlotto, anche questo l'ho trovato molto bello, soprattutto perchè è la sua storia..incredibile come abbia potuto sopportare tutto questo..grande coraggio e grande carattere!

  • User Icon

    Nico

    11/11/2006 15:41:06

    Ogni volta che passavo in libreria vedevo i suoi libri e mi dicevo: prima o poi dovrò leggerli. Sentivo a pelle che questo autore mi sarebbe piaciuto. Un giorno sono entrato in libreria ho visto quale fosse il suo primo libro ed ho iniziato con "il fuggiasco". Le mie sensazioni erano giuste.

  • User Icon

    Roberta

    17/10/2006 09:19:07

    Dopo le irregolari mi sono avventurata in questa storia che ha dell'incredibile, non so come lui abbia potuto reggere per così tanti anni. Lo consiglio e poi riflettete su come la giustizia italiana possa fare certi errori.

  • User Icon

    Giuliopez

    01/09/2006 18:46:10

    Il mio esordio con Carlotto comincia, ovviamente, dal suo primo libro. Splendido!

  • User Icon

    robirò

    15/05/2006 13:22:19

    se nn fosse che è una storia vera e "vissuta" si potrebbe dire che è un bravo narratore...considerato che è "la sua vita".. beh semplicemente unico! Nn conoscevo il "caso Carlotto" ma ora ho le idee più chiare, nn riesco ancora ad affinare il mio giudizio sui fatti ma la narrazione è sicuramente ottima, "piacevole" anche se di piacevole nn c'è nulla in tutta la sua storia.. Penso sia un ottimo monito per la NOSTRA GIUSTIZIA! delle volte i libri servono anche da insegnamento: speriamo che sia colto!!

  • User Icon

    Okkio

    10/04/2006 15:06:44

    Probabilmente il meno avvincente di Carlotto, ma sicuramente il più personale ed emozionale. Molto interessante per capire la vita di latitante e, per chi come me non ha fatto in tempo a seguirlo, per entrare in contatto con il 'caso Carlotto'. Non un noir, non un romanzo, ma un racconto di vita.

  • User Icon

    guido

    22/07/2005 11:44:12

    La prima opera di carlotto. Diventerà un grande ma qui ancora non lo è.

  • User Icon

    Manuela

    18/01/2005 11:48:21

    veramente molto interessante. E' il suo primo libro che leggo ma tra breve mi rifarò di tutti gli altri... :)

  • User Icon

    Antonio - www.antoniomaccioni.it

    16/01/2005 21:03:42

    E' un libro, prima di tutto, da leggere. Ed è sempre bello pensare che dietro ai libri ci sono le persone.

  • User Icon

    MARIO JERRY

    22/04/2004 09:05:11

    rende molto bene l'idea di cosa sia la latitanza e l'esilio.leggerò anche gli altri libri che ha scritto

  • User Icon

    moneo

    20/10/2003 10:52:44

    E' un libro molto personale, molto bello per chi vuole conoscere le vicende della latitanza di Massimo Carlotto. Come romanzo non è il massimo, perchè la storia non risulta avvincente, ma è piena di vita, di emozioni e di sentimenti, descritti da parole e toni pacati. Si capisce che pur avendo buon fine il caso Carlotto ha segnato indelibilmente la vita di Masimo Carlotto, che racconta ciò che ha vissuto con rassegnazione, senza mai esprimere la felicità di una vittoria. Da questa battaglia ne è uscito comunque sconfitto. Pensa alla sua morte fumando una sigaretta in silenzio e solitudine. Una telefonata dell'avvocato gli comunica che finalmente è stato graziato. Sia accende una sigaretta in silenzio e solitudine. Pensa che forse ora è il caso di smettere di fumare.

  • User Icon

    Latinese

    09/10/2003 18:31:32

    La parte della latitanza è talmente affascinante che non riesci a staccarti. Ma qua e là ci sono delle perdite di tensione e di tono, l'ansia di giustificare e spiegare, di rendere conto di quel che s'è fatto... comprensibile, ma rovina il libro in quanto libro. Si perde per strada in momenti in cui ti ha catturato con una forza non comune. Chissà se prima o poi ci tornerà su, a riaggiustarlo...

Vedi tutte le 22 recensioni cliente
  • Massimo Carlotto Cover

    Nel 1976, giovane universitario e militante di Lotta Continua, scopre casualmente a Padova il cadavere senza vita di Margherita Magello, colpita da 59 coltellate, e viene accusato dalla polizia dell’omicidio dopo essersi recato volontariamente a testimoniare.Dopo il processo d’appello e prima della sentenza fugge all’estero e si dà alla latitanza, trasferendosi poi in Messico e iscrivendosi all’Università. Viene catturato e riportato in Italia, sino alla grazia che il Presidente della Repubblica gli accorda nel 1993, grazie anche al favore dell'opinione pubblica. Massimo Carlotto, libero, diventa scrittore. Esordisce nel 1995 (scoperto dalla scrittrice e critica Grazia Cherchi) con il romanzo-reportage Il fuggiasco, pubblicato da e/o e ispirato alla sua... Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali