Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 68 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il gioco di Santa Oca
17,10 € 18,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+170 punti Effe
-5% 18,00 € 17,10 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Circolo Blissett
14,90 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
18,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
18,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
18,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Circolo Blissett
14,90 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
18,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
18,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
18,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Il gioco di Santa Oca - Laura Pariani - copertina
Chiudi

Descrizione


Finalista al Premio Campiello 2019
Un romanzo di ribellione e libertà, la storia di un sogno di giustizia e di una donna coraggiosa che sfida le convenzioni del suo tempo.

Autunno 1652. Un pugno di uomini, stanchi di subire le angherie dei nobili e dei soldati che razziano i paesi della brughiera lombarda tra una battaglia e l’altra, si raccoglie intorno a Bonaventura Mangiaterra, un capopopolo che affascina i suoi compagni con la Bella Parola, una versione personale e ribelle delle storie della Bibbia. Bonaventura diventa presto una leggenda tra i contadini e i poveri: ha carisma, saggezza e una lingua sciolta con cui predica la libertà, in breve la sua banda cresce di numero e forza, minacciando il potere costituito. Per fermare la rivolta, l’Inquisizione e i nobili della zona schierano infide spie e un esercito poderoso, ma quando riusciranno ad arrivare a Bonaventura, una sorpresa metterà in discussione tutte le loro certezze. Vent’anni dopo, la cantastorie Pùlvara ripercorre le stesse brughiere che hanno vissuto l’epopea di Bonaventura e della sua banda. La donna si era unita in gioventù a quegli uomini valorosi travestendosi da maschio e ora, in cambio di ospitalità, racconta ai contadini le loro imprese. Mano a mano che quelle gesta eroiche rivivono nelle sue parole, Pùlvara si avvicina sempre di più, come in un gioco che diventa reale, al mistero della vita di Bonaventura Mangiaterra.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
28 febbraio 2019
272 p., Brossura
9788893447775

Valutazioni e recensioni

4,7/5
Recensioni: 5/5
(10)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(7)
4
(3)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
valeria71
Recensioni: 4/5

La Pariani è stata brava a ricreare la lingua lombarda del XVII secolo ed immagino che il risultato sarebbe piaciuto molto ad Umberto Eco. Bisogna lasciar scorrere un po’ le pagine prima di venire conquistati dai personaggi e dal gioco linguistico messo in scena dall’autrice, con una abilità certo poco frequente di questi tempi. In ogni caso è un libro che ripaga la pazienza del lettore, anche con un finale inaspettato.

Leggi di più Leggi di meno
luigi
Recensioni: 5/5

Meraviglioso. Un lavoro sulla lingua eccezionale, che non appesantisce per nulla la narrazione. Intelligenza, amore per il racconto e per l’umanità con le sue storture, giocosità infinita. Che bello che esistano ancora libri così!

Leggi di più Leggi di meno
Julien
Recensioni: 4/5

Originale nella trama, che si concentra sui disagi e sulla durezza della vita dei contadini, e nella struttura, caratterizzata da due piani temporali che si alternano. Lo stile è congeniale all'ambientazione ed è forse la parte che ho preferito, insieme al finale inaspettato e vincente.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,7/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(7)
4
(3)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Lo scorso 31 maggio, Il gioco di Santa Oca è diventato il primo dei cinque finalisti della 57° edizione del Premio Campiello. Colpiscono subito i colori densi e compatti, il taglio moderno della copertina rispetto al contenuto, che s’indovina subito diverso.
Fin dalla sinossi si intuisce il doppio sviluppo della trama: una linea segue, nell’autunno del 1652, l’avventura di un gruppo di ribelli – briganti, disperati – guidati dal rivoluzionario Bonaventura Mangiaterra; un’altra segue, vent’anni dopo, le peregrinazioni della calcante Pùlvara per quelle stesse terre.
Il romanzo procede dunque lungo due vie, alternando i capitoli su Bonaventura e su Pùlvara, distinti anche stilisticamente.

I primi, che seguono quasi giorno per giorno l’evoluzione della banda di Mangiaterra e il suo declino, sono composti da una pluralità di voci che compongono un dossier di testimonianze – l’impressione è rafforzata dall’indicazione precisa della data, del nome del testimone e della sua professione.
Questa scelta fa sì che la trama si delinei un pezzetto alla volta, tramite scarti nel passato e nel futuro. Il lettore deve dunque unire i pezzi per conto suo.

Filo conduttore di questa narrazione è il personaggio di Giosafatte Vulpe, incaricato di trovare e disperdere i ribelli, la cui indagine lo porta a interrogare contadini, ostesse, amici d’infanzia del mitico Bonaventura. Si forma così il ritratto di un capobanda leggendario, ma si assiste, allo stesso tempo, al funzionamento di una società ancora profondamente iniqua, alla vita di un territorio piagato dalle carestie, dalle paludi, ma anche dalle pestilenze, dalle scorribande dei soldati – imperiali, spagnoli, francesi.

I capitoli dedicati a Pùlvara, invece, sono lineari. La donna, ormai vecchia, attraversa la brughiera lombarda per chiudere i conti con il passato. Le tappe del suo viaggio sono scandite dalle tessere del gioco di Santa Oca – in cui riconosciamo, ovviamente, il nostro gioco dell’oca. Ci sono invece estranee le implicazioni cosmologiche e profetiche del gioco, le simbologie che vi stanno dietro. Se l’avventura di Mangiaterra ha un sapore a metà tra l’avventura e il thriller, il viaggio stanco di Pùlvara rappresenta un’esegesi, una spiegazione sulle forze che governano l’universo e le vite umane.
Nonostante si svolga vent’anni dopo la fine di Bonaventura, la storia di Pùlvara non ne svela – non subito – il finale, offuscato, mascherato dalle reticenze, dai rimorsi della protagonista.

Il tratto più caratteristico de Il gioco di Santa Oca è senza dubbio la lingua. I dialoghi sono spesso in dialetto, ma i lombardismi punteggiano anche la narrazione. L’impressione iniziale è di avere di fronte una cronaca dell’epoca; solo più tardi ci si rende conto dell’inequivocabile modernità della lingua. In questo modo la lettura è forse più lenta, ma la lingua non arriva al punto di ostacolare la comprensione del testo.
La scelta dell’autrice è senza dubbio felice: nei capitoli dedicati a Bonaventura, il dialetto delinea meglio i rapporti tra i personaggi – chi parla italiano, chi non conosce altro che il dialetto orale – e rende la narrazione più ricca e colorita; nei capitoli dedicati a Pùlvara abbiamo una commistione tra italiano e dialetto e tra terza e prima persona che ci portano ad aderire meglio alla mentalità della protagonista.

In conclusione, Il gioco di Santa Oca è un romanzo breve, ma decisamente gradevole, originale nell’impianto e nella trama che vira dal sociale al sovrannaturale – che si impone senza chiasso, appare e scompare come le creature della palude spesso nominate nel libro.
È stato un piacere leggere un romanzo capace di coniugare due dimensioni, al punto da non poter dire con certezza se si tratti di una storia totalmente realistica, se le apparizioni e le maledizioni e i presagi siano veri o semplice suggestione.

Sonia Aggio

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Laura Pariani

1951, Busto Arsizio

Laureata in Filosofia della Storia a Milano, vive a Turbigo (Milano). Ha insegnato in una scuola superiore fino al 1998. Ha scritto e disegnato storie a fumetti negli anni Settanta ed esordisce come scrittrice nel 1993 con la raccolta di racconti Di corno o d'oro (pubblicata poi da Sellerio) con cui vince il Premio Grinzane Cavour e il Premio Piero Chiara. Oltre che scrittrice è anche sceneggiatrice cinematografica. Le sue opere sono state tradotte in varie lingue. Per Einaudi ha pubblicato Dio non ama i bambini (2007), Milano è una selva oscura (2010), La valle delle donne lupo (2011). Ricordiamo anche La spada e la luna. Quattordici notturni (Sellerio, 1995), Il pettine (Sellerio, 1995), Il paese delle vocali (Casagrande, 2000), La straduzione (2004, Rizzoli),...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore