Categorie

Orhan Pamuk

Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2001
Pagine: 493 p.
  • EAN: 9788806157999

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    dany

    04/04/2008 11.01.17

    bellissimo. se ha vinto il nobel c sarà 1 motivo...

  • User Icon

    Giorgio

    02/09/2006 13.01.20

    E' un libro bellissimo...è la prima volta che leggo un tipo di libro in "narrazione multidiagetica", e oltre che trovarlo innovativo mi ha affascinato la ricchezza delle descrizioni del luogo, delle abitudini alimentari... Molto affascinante.

  • User Icon

    nadia bianchi

    03/07/2006 23.34.45

    Libro che di sicuro affascina per tutto quello che gira intorno al giallo:quasi un trattato sulle diversità tra occidente/oriente, sulla fusione di queste due culture, sulla laicità dell'uno e la religiosità dell'altro, sull'iconoclastia o meno. Interessante, stimolante, ricco di immagini,barocco. Forse per molti aspetti ripetivo e troppo prolisso: la leggenda di Sirin,ad esempio, quante volte è stata descritta?

  • User Icon

    BIBI

    03/12/2005 21.03.32

    Davvero Bellissimo.... visionario come un sogno! Un libro da 1000 e una notte!

  • User Icon

    Giulia

    03/12/2005 19.18.12

    Bello! Bello! Vale la pena, merita perchè ti conquista. Ambientazione e situazioni visionarie come un racconto delle Mille e una notte! Consigliatissimo!

  • User Icon

    alberto

    23/01/2002 22.58.13

    Libro straordinario. La storia viene raccontata da più voci in ogni capitolo con uno sforzo di soggettivizzare il punto di osservazione di ciascuno: uomo, donna animale o oggetto. E' più di una trovata, é una dimensione dell'espressione che dimostra il talento inventivo e narrativo di Pamuk. Geniale l'idea di costruire le differenza fra due mondi attraverso il contrasto tra due concezioni della rappresentazione: la tradizionale miniatura dei paesi islamici che esprime il punto di vista oggettivo di occhio di dio e la concezione pittorica degli europei della fine del 1500 che esaltano la rappresentazione come occhio dell'uomo sul mondo. Da non perdere.

  • User Icon

    natalia

    13/11/2001 17.00.01

    Sarebbe stato un libro affascinante, con 200 pagine in meno. Bella la vicenda del contrasto tra miniatura-iconoclastia-islam vs. ritratto europeo-cristianesimo. Però prolissa la continua ripetizione di: 1)descrizione della miniatura del maestro tale e talaltro 2) narrazione delle leggende o vicende storiche illustrate nelle miniature 3) tutti 'sti nomi di sultani, pascià, kahn, visir, effendi e compagnia bella dei quali vengono ripetute svariate volte le gesta. Se avessi dovuto leggere una volta di più la storia di Sirin che si innamora di Cosroe guardandone il ritratto appeso a un albero avrei dato di matto. A parte questa lentezza (che pregiudica), bella la vicenda amorosa e anche la vicenda "gialla".

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione