Categorie

Alan Weisman

Traduttore: N. Gobetti
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 376 p. , Brossura

2 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Argomenti d'interesse generale - Problemi e processi sociali - Impatto sociale delle calamità

  • EAN: 9788806201760

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Loredana

    19/06/2014 09.28.26

    Veramente molto ben scritto e strutturato. Interessante -e affascinante - ben oltre il sensazionalistico titolo e la drammatica copertina. Non unicamente scientifico e tecnico, ma estremamente scorrevole con tempi e ritmi da romanzo. I contenuti sono veramente sorprendenti, le informazioni raccolte sullo stato di salute del nostro pianeta vengono esposte tramite un atlante geografico-politico che l'autore percorre in un viaggio affascinante senza mai usare la retorica dell'allarmismo. Pur tuttavia ci fa capire, in modo onesto e senza strumentalismi, che per il nostro pianeta allarmarci dovremmo davvero. Amarlo un po' di più. Voto massimo per forza.

  • User Icon

    Marco 75

    16/02/2012 15.51.08

    Un libro che ti apre (anzi ti spalanca) gli occhi e che rivela cose che nessuno vorrebbe sapere. Appassionante come un romanzo e sempre molto chiaro anche quando tratta argomenti complessi, questo libro ci mostra fino a che punto possa spingersi la stupidità umana e ci rivela che il distruttivo impatto dell'uomo sul pianeta terra è ormai arrivato ad un punto di non ritorno. Un libro essenziale, a tratti sconvolgente.

  • User Icon

    Marco

    31/10/2010 23.35.38

    L'argomento mi interessava dopo aver visto in TV il documentario tratto da questo libro. Ci sono passaggi che fanno riflettere su quanto scriteriato sia il genere umano, ma nel complesso l'ho trovato un po' noioso. In ogni caso tanto di cappello al lavoro dell'autore.

  • User Icon

    sofia

    02/09/2010 11.20.19

    Un ottimo libro, affascinante, ben documentato, anche avvincente nonostante sia molto tecnico. Pone interrogativi profondi senza diventare pesante o accusatorio. Lo consiglio vivamente.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione