Categorie

Christopher Lasch

Traduttore: C. Oliva
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
Pagine: 216 p.
  • EAN: 9788807816475

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    15/06/2015 18.25.03

    Andrò contro i precetti di una recensione esaltata, ma parto dicendo che non andrebbe letto questo libro. E' una di quelle riflessioni talmente limpide e atroci sugli egoismi del capitalismo, sul dominio e le malattie di poteri insormontabili, sulle distorsioni eterne che alla fine spaccano il sociale in crude divisioni di ceto, in protettorati trasversali, in ereditarietà di classe, contro la storia dei popoli e del riscatto sociale autentico che sale e bussa dalle feritoie delle rivolte e delle democrazie...ecco, questo e tantissimo altro si potrà toccare in questo libro che penetra e visita l'anima di un lettore come una cannula infetta nel seno delle speranze. Capolavoro di pazzesca lucidità politica, atroce specchio sociologico di una realtà che, sebbene poggiata sulla storia americana, non tarda a mostrare profili di gigantesca somiglianza con la nostra degli ultimi anni. L'élite chiusa nel suo guscio d'avorio a tenere le redini del potere e a tirarle se qualcosa sfugge a un proprio attento controllo. La perpetua storia del forte che indirizza e decide sorti e scelte e del debole relegato ai margini di obbedienze necessarie. Non leggetelo, il piacere di un bellissimo approccio saggistico può rovesciarsi in un astio verso la eterne ingiustizie di sempre. Ma, fuori da queste fronde di paradosso, un capolavoro assoluto...sia chiaro.

  • User Icon

    Leonardo Renzi

    29/05/2011 23.42.31

    Libro ottimo, puntuale, mette da parte le astrazioni tipiche dell'intellettualismo europeo per andare al sodo. La recensione di Daniele ha messo bene in evidenza i temi trattati, io aggiungo un particolare che mi ha colpito: la passione di Lasch per la discussione civica prima che politica, perché la politica nasce prima di tutto da uno standard minimo di valori morali condivisi, ed è stato l'errore fondamentale del liberalismo ed ora del neo liberalismo (magari in salsa social-democratica) quella di credere che delle procedure di voto ed elezione "trasparenti" e "razionali", potessero sostituire quel minimo comun denominatore di valori condivisi che fanno sì che la discussione politica non degeneri in guerre di fazioni. Da leggere assolutamente, qualunque sia il vostro orientamento politico.

  • User Icon

    Daniele C.

    25/05/2003 18.38.32

    Davvero un bel libro. L'ultimo testamento di un grande critico della società, questo libro si inserisce nel contesto del confronto fra comunitaristi e liberal. Lasch descrive incisivamente i tratti che caratterizzano le élite che dominano la scena mondiale: “ Le loro fortune sono legate a imprese che operano senza badare ai confini nazionali e le loro preoccupazioni riguardano il buon funzionamento globale del sistema, non quello delle sue singole parti. La loro lealtà, se il termine non è anacronistico in questo contesto, è di tipo internazionale, più che regionale, nazionale o locale. I loro esponenti hanno molte più cose in comune con le loro controparti di Bruxelles o di Hong Kong che con le masse di americani non ancora allacciati alla rete della comunicazione globale”. E ancora "La nuova classe si considera una self made élite, che deve i suoi privilegi esclusivamente ai propri sforzi […]. Le élite meritocratiche hanno difficoltà a immaginare una comunità che si prolunghi tanto nel passato quanto nel futuro e comporti una consapevolezza degli obblighi intergenerazionali”. Quella che ci descrive Lasch è un'élite sradicata dalla storia e dalla comunità, i suoi membri hanno perso ogni legame col luogo di origine, sono cosmopoliti al 100% e per questo privi di una qualsivoglia forma di attaccamento a una realtà sociale. Dell'èlite dominante fanno parte le classi intellettuali, anch'esse assuefatte ad un sistema che garantisce il loro status: “Le classi intellettuali sono fatalmente estraniate dagli aspetti materiali della vita […]. L’unico rapporto che hanno con il lavoro produttivo è rappresentato dal consumo. Non hanno alcuna esperienza di come produrre qualcosa di solido e duraturo. Vivono in un mondo di astrazioni e di immagini, un mondo simulato che consiste di modelli computerizzati di realtà, un’ ‘iperrealtà’, come è stata definita, ben distinta dall’immediata tangibile realtà fisica in cui vivono gli uomini e le donne normali. La loro f

Scrivi una recensione