Categorie

Ben Dattner, Darren Dahl

Traduttore: M. Vegetti
Editore: Rizzoli Etas
Collana: Management
Anno edizione: 2011
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: XXVI-216 p. , Rilegato
  • EAN: 9788817052658

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luigi Casalatina

    06/12/2011 13.20.33

    Il testo parte con una cruda verità: siamo istintivamente portati a sopravvalutare i nostri meriti e a scansare le colpe; valutiamo gli altri spesso sulla base di stereotipi o preconcetti; abbiamo l'istinto naturale a puntare il dito verso gli altri quando si tratta di trovare il colpevole; abbiamo predisposizione genetica a trovare il capro espiatorio, sia esso un individuo o un altro team/funzione dell'azienda. Da queste premesse l'autore parte per condurci a una più ragionevole gestione degli aspetti riguardanti il riconoscimento dei meriti e le attribuzioni di colpe. Il punto di partenza è prendere atto del nostro modo geneticamente "distorto" di valutare il nostro apporto e quello degli altri. Pur non proponendo soluzioni altamente originali (i punti sono sempre i soliti, sviluppati da una letteratura ormai strabordante: costruire fiducia, essere coerenti con quanto di dice, utilizzare per se stessi gli stessi parametri di valutazione che si applicano anche agli altri, valutare i comportamenti degli altri tenendo conto del carattere, del ruolo, della situazione contingente della persona e in ogni caso non pervenire mai a conclusioni affrettate), il testo costituisce una lettura interessante e piacevole, che può offrire più di qualche punto di riflessione.

Scrivi una recensione