Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì

Katherine Pancol

Traduttore: R. Patriarca
Editore: Bompiani
Collana: Vintage
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 886 p., Brossura
  • EAN: 9788845278396
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 8,10

€ 15,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Blue Holmes

    21/10/2016 15:22:42

    Ho letto i precedenti libri di questa cronologia e sono arrivata alla conclusione che questo libro che il 2°, ma specialmente questo, siano una forzatura di quasi tutti i personaggi. La protagonista Josephine, nel primo libro l'ho amata per la sua forza d'animo, nel secondo l'ho sopportata malgrado la sua stupidità da bonaria donna e in questo libro l'ho disgustata per il crogiolarsi e lamentarsi della vita e della sua esistenza. Altri personaggi invece si sono evoluti in positivo e sono diventati interessanti, come la figlia Hortense... Detto questo il libro a mio parere è un complesso di paranoie mentali di ogni singolo protagonista (e ce ne sono molti) che ti stanchi di leggeere dopo le prime 120 pagine poichè ne hanno più di te. dopo aver letto le paranoie mentali nei primi libri, adesso basta. non c'è piu fantasia... l'autrice l'ha esaurita e si vede con questo libro. i personaggi completamenti cambiati, le scene inverosimili, i paesaggi noiosi, le storie dentro alle storie senza senso.. mi sono detta boh. Non lo consiglio, come nemmeno il secondo. Solo il primo merita una divertente lettura, poichè aveva un minimo di umorismo. Da umorismo a depressione... quindi ciao! Katherin Pancol ha provato ad allontanarsi da Josephine che la rappresenta, ma in questo libro è riuscita a renderla noiosa come lei.

  • User Icon

    Giuliana

    12/01/2016 23:33:00

    Dopo l entusiasmante lettura dei primi due volumi ero ansiosa di affrontare l ultima opera della trilogia. A mio parere questo terzo libro e' un gradino sotto rispetto ai primi due libri, pur restando una lettura piacevole ed appassionante. Permangono gli episodi alquanto surreali che erano già presenti nei precedenti volumi, ma che ripetuti X l ennesima volta possono far innervosire il lettore. Ho apprezzato che a fine lettura tutti i tasselli abbiano una loro collocazione, cosa che molto spesso non accade lasciando il lettore con l amaro in bocca.

  • User Icon

    dani70

    30/05/2013 11:31:01

    "La vita è come un valzer e bisogna danzare con lei". Questa frase rappresenta la riflessione finale dei protagonisti di questa trilogia. Alla fine giustizia è stata fatta e l'amore ha trionfato. Ho trovato simpatica la storia di Cary Grant, il romanzo è scorrevole e meglio del secondo. Questa trilogia mi ha fatto molta compagnia e tutto sommato è stata una lettura piacevole.

  • User Icon

    fulvio

    23/11/2012 22:52:26

    poche parole: è un libro brutto. Noiosa la trama, poco credibili ed irritanti i personaggi così tanto caratterizzati da sembrare grotteschi. Ricorda quei romanzi d'appendice che venivano pagati un tanto a pagina e per questo gli autori riempivano le parti di aria fritta pur di guadagnare di più. Da evitare, soldi mal spesi.

  • User Icon

    Roberta

    19/11/2012 10:06:57

    Sono arrivata alla fine della trilogia della Pancol, e ammetto di sentirmi un pochino triste come gli scoiattoli di Central Park al lunedì, quando rimangono soli, senza nessuno che dia loro da mangiare o cerchi la loro compagnia. Perché un po' ai personaggi di questi romanzi mi ci ero affezionata. Un legame che era nato già con il primo libro, e che aveva saputo conquistarmi con la sua trama, i suoi personaggi. Poi con "Il valzer lento delle tartarughe", in cui l'autrice ha dato una svolta noir alla trama. E poi questo, in cui si tirano un po' le somme di tutto, in cui i protagonisti trovano finalmente il loro spazio e il loro posto nel mondo. Questa trilogia mi e' piaciuta, Josephine, Hortense, Zoe' mi hanno accompagnato per un lungo periodo e in loro compagnia ho apprezzato una buona lettura.

  • User Icon

    Valeria

    14/10/2012 09:49:46

    Un libro snervante. L'ho finito solo per puntiglio, ma potevo risparmiare tempo e denaro! Tutta la trilogia è davvero noiosa: personaggi tagliati con l'accetta, banali, prevedibili e senza il minimo sforzo di una seppur minima indagine psicologica. Sembrano libri scritti da una adolescente neppure troppo capace.

  • User Icon

    Gisella

    24/07/2012 13:18:45

    Mi è piaciuto molto il primo, premettendo che è una lettura piacevole da vacanza, questo secondo è veramente insulso, quasi fastidioso. I personaggi vengono esaperati nelle loro caratteristiche fino a diventare insopportabili e soprattutto si dilunga in descrizioni di situazioni che che saltavo a piè pari per quanto erano noiose. Certo non leggerò il terzo libro della trilogia.....non vedo veramente la necessità di fare una trilogia....si pecca di presunzione!

  • User Icon

    Effe

    22/05/2012 15:41:54

    Ho letto i primi due, e ho trovato piacevole il primo, meno piacevole ma sopportabile il secondo. Questo, terzo e - grazie a Dio - ultimo, è un romanzo di una tale inutilità che l'ho abbandonato a metà, cosa che odio e non faccio mai. I personaggi sono insopportabili macchiette senza spessore, la protagonista è una donnetta piagnucolosa, la trama è senza senso, la società che viene descritta è una serie di beceri luoghi comuni. I soldi più sprecati della mia vita.

  • User Icon

    silvia

    11/02/2012 23:28:14

    Non ho letto gli altri libri della trilogia e sinceramente, dopo questo, non ci tengo affatto. Poco scorrevole, poco avvincente, poco tutto. Il personaggio di Junior è irreale e assolutamente patetico, specie visto il genere del libro! Un bambino di due anni che filosofeggia, parla latino, legge libri da universitari e s'innamora... ma per favore!!! L'unica parte bella del testo è quella legata a Cary Grant, ma son poche pagine! Il libro in una parola? Dimenticabile!

  • User Icon

    Marta

    13/01/2012 18:07:57

    Questo libro mi è piaciuto molto. Ero stata attratta dal titolo, senza sapere che si trattasse di una trilogia, quindi l'ho letto senza aver letto i precedenti. L'ho trovato forse un po' lento all'inizio, ma poi il ritmo è diventato sempre più incalzante e non sono più riuscita a staccarmi dalle pagine del libro. In generale mi è piaciuto molto. Ho fatto solo un po' fatica a collegare nomi a persone, ma forse è perchè non avevo letto i precedenti. Ad ogni modo lo consiglio, e nel frattempo mi sono già comprata gli altri in modo da finire la saga (al contrario...).

  • User Icon

    max

    26/10/2011 18:18:41

    Lettura che fa piacevole compagnia. Più che un inizio e una fine si ha l'impressione di essere dentro o fuori da questo racconto. Chissà magari anche cento pagine in meno non avrebbero tolto nulla.

  • User Icon

    Teresa

    16/10/2011 15:04:51

    Conclusione un po' frettolosa, per questa trilogia che mi ha accompagnata nell'ultimo mese. Piu' brillante rispetto ai due precedenti, a tratti forse irreale, ma comunque una lettura piacevole. I personaggi ormai tenevano compagnia, ora mi aspetto un altro libro/puntata...

  • User Icon

    liliana valle

    27/09/2011 16:36:23

    Che dire ,il romanzo e' molto scorrevole come d'altronde i precedenti pero' la trama a tratti e' veramente improbabile e mi riferisco soprattutto alle doti di lettura del pensiero di Junior che peraltro insieme a Josiane e' il personaggio piu' simpatico.Ho trovato invece a tratti odiosa Hortense e pallosa Josephine mentre mi e' piaciuto molto l' intermezzo su Cary Grant.tutto sommato una lettura leggera e non impegnativa da spiaggia

  • User Icon

    MIKI

    24/09/2011 18:09:02

    Rispetto ai primi 2 della trilogia è forse un po' prolisso e ripetitivo, dovendo dare modo anche a chi non ha letto i primi 2 di capirci qualcosa...Ci si ritrova molto chi conosce un pochino Parigi, Londra e New York, anche se a volte queste tre magnifiche città sono solo lo specchio di vecchi clichés ormai un po' démodés...Forse l'insieme è anche farcito di troppa psicologia spiccia e di tanto amore che non sempre è il deus ex machina di tutti i problemi, come l'autrice vuol farci credere; sebbene come principio fondante sia nobile, a volte si scivola nel grottesco. Lo stile tutto francese è scorrevole, sebbene la traduzione a volte pecchi un po'. Il personaggio di Hortense potrebbe diventare l'icona, non proprio esemplare, dell'epoca attuale. Consiglierei la trilogia a chi non desidera una lettura impegnata, ma ha voglia invece di rilassarsi in compagnia di vicende, personaggi bizzarri e una tazza di thè.

  • User Icon

    eva

    23/09/2011 19:25:15

    buona la prima parte, noiosa e...concordo con Beppe, a tratti anche infantile tutta la seconda metà. Deludente!

  • User Icon

    lalla

    07/09/2011 14:25:21

    Che dire anche questo terzo volume è molto intenso ed ha una forza travolgente. Ricco di emozioni. E' bellissimo!!! Avrei voluto che non finisse mai!!!

  • User Icon

    Beppe

    22/07/2011 11:02:06

    Premetto che non ho letto gli altri libri dell'autrice (ho scoperto che questo libro è parte di una trilogia), l'ho trovato decisamente monotono e scontato. A tratti infantile.

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione