Strawberry. Stop - Luciano Troisio - copertina

Strawberry. Stop

Luciano Troisio

Scrivi una recensione
Illustratore: C. Marini
Editore: LietoColle
Collana: Aretusa
Anno edizione: 2008
Pagine: 112 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788878483576
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 11,05

€ 13,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
  • User Icon

    Gian Paolo grattarola

    15/06/2008 22:08:45

    In Strawberry-stop, raccolta di poesie il cui titolo evoca il nome di un suggestivo locale di Bali dove vengono servite fragole declinate in ogni possibile variante culinaria, Luciano Troisio allinea i temi centrali della sua poetica avvolgendoli in un alone di nostalgia smaliziata ed ironica. Egli si promena tra gli scenari policromi del paesaggio esotico, sgambetta “per giungle e pagode” senza tirare la manica al lettore, ma ponendosi esattamente in mezzo come un anonimo cronista di stravaganze. L’oriente da lui perlustrato e resocontato è un lembo di terra dove pudore ed indecenza s’incontrano nel luogo delle possibilità infinite. I suoi versi sono veri e propri resoconti di viaggio attraverso i quali vediamo transitare un microcosmo di immagini e di sensazioni, istantanee di ricordi, di luoghi e di personaggi. Tra bagliori impressionistici e richiami domestici Troisio è un uomo perplesso e disponibile, che non perde mai di vista poche, essenziali verità.I suoi dubbi danno l’impressione di proteggere le sue certezze, di tenerle al caldo, in un punto centrale, irraggiungibile e tuttavia malinconico della sua persona. I suoi versi non seguono le rotte di un viaggiatore svagato abbacinato dalla consistenza cedevole di una diffusa sensualità fatale, ma il solco coerente di un cronista curioso provvisto di strategie di resistenza. Una sgomenta, perplessa percezione si allarga sulla pagina come una colata di cera. Ma un attimo prima che si trasformi nello spettacolo di se stessa, una mano ferma e paziente interviene, mettendo a tacere l’informe bellezza di una vasta malinconia carica d’infausti presagi. La sua opera è un ossimoro visivo che riesce a far convivere la bellezza ed il raccapriccio, la proiezione sdoppiata di una realtà che è insieme evocativa ed allucinante.

Note legali