Ultime lettere di Jacopo Ortis

Ugo Foscolo

Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 25
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine: XLI-199 p., Brossura
  • EAN: 9788811360926

65° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Classica (prima del 1945)

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,32
Descrizione
Fuggiasco da Venezia, dopo Campoformio, Jacopo si isola sui Colli Euganei. Qui conosce Teresa e se ne innamora, ma sa che questo è un amore impossibile, perché Teresa è promessa a Odoardo. Jacopo si mette in viaggio per l'Italia, senza una meta e ovunque vede la tragedia dell'oppressione straniera, né lo consolano le bellezze naturali o la saggezza del vecchio Parini, incontrato a Milano. La tragica conclusione è una denuncia al mondo di una doppia delusione.

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 8,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Silvia

    09/10/2018 19:14:12

    Lo lessi forzatamente al liceo, senza capire perchè fosse ritenuto un romanzo particolarmente meritevole: noioso, prolisso, pessimista e teatralmente drammatico fino alla nausea. Mi è capitato di rileggerne dei passi recentemente, da plurilaureata, con una certa curiosità... ma ancora non comprendo perchè mai si debba continuare a proporre questo romanzo ai ragazzi della scuola dell'obbligo. Forse per incentivare il disamore verso la lettura? Anche in età adulta infatti non l'ho trovato migliorato di una virgola, resta un polpettone monotono, pessimista, impostato con una teatralità esagerata. Il Foscolo, a mio parere, va ricordato e celebrato per ben altre opere.

  • User Icon

    Space

    22/08/2017 19:27:51

    Pur non amando particolarmente Foscolo, gli riconosco di aver creato un ottimo scritto: la storia resta interessante per tutto il tempo, i sentimenti di Jacopo sono descritti davvero bene e il suo amore per Teresa non può non far riflettere il lettore. Importante quanto emergano gli ideali di Ugo e quanto il suo cuore sia dilaniato. Da leggere e rileggere il colloquio con Parini.

  • User Icon

    Sandor Krasna

    26/09/2010 15:44:06

    Non ne vorranno allo sprovveduto lettore i professori e gli amanti (sic), ma forse si meriterà l'elogio dei futuri parrucconi dirigenti usciti un poco a stento dal ginnasio sospirando Baudelaire e maledicendo papà che non paga loro le vacanze.

  • User Icon

    Enrico

    23/07/2010 22:54:01

    Prima di leggere questo libro avevo assegnato al Leopardi il titolo di pessimista numero uno. Oggi, alla luce di quanto ho letto in questo libro, Leopardi il primato se lo contende col Foscolo. Libro deprimente. Non c'è nulla di confortante. La vita, leggendo questo libro, è un sacrificio. Un supplizio. Libro deprimente. L'unica cosa bella è la copertina di questa edizione. Non lo consiglio. So che sto toccando un mostro sacro, ma non me ne vogliano gli amanti e i professori.

  • User Icon

    francesca santucci

    31/08/2000 07:11:41

    “C’è là dentro un cuore ansioso di vita , un fremito costante d’entusiasmo e di fede” (Paparelli). Intere generazioni si sono appassionate alle vicende dell’infelice protagonista del romanzo epistolare di Ugo Foscolo, Jacopo Ortis,un giovane patriota esule dalle nobili aspirazioni, puro ed appassionato, che, disilluso e tradito nei suoi due massimi ideali,la patria e l’amore,perviene al suicidio. Le ultime lettere di Jacopo Ortis ,considerato il primo romanzo del Romanticismo italiano, si pone come l’espressione dei tumulti giovanili del poeta, non solo perché nella figura di Jacopo è possibile riconoscere le inquietudini, i sentimenti, gli slanci, gli ideali, le delusioni e le amarezze di Ugo, ma anche perché sempre i giovani più sensibili di ogni tempo hanno ritrovato nella sua intensa vitalità, nella prorompente passionalità, i loro stessi entusiasmi. Tutta la vita del poeta ,dedita alle Lettere ma mai lontana dall’azione concreta, fu caratterizzata da sentimenti intensi, amori tumultuosi, e gesta spettacolari ,soprattutto lo animavano la passione della vita e l’amor patrio ,un sacro furore che lo spingeva ad impegnarsi con tutte le sue forze per cambiare la società in cui non si ritrovava, perciò la sua biografia può essere paragonata a quella di un uomo del Risorgimento: romantica, densa di avvenimenti ,di decisioni eroiche e di scoramenti, di illusioni e delusioni. Fortissima nella vita di Ugo, disordinata ,trascorsa vagando da una terra all’altra, senza affetti duraturi e senza stabilità economica , la pulsione alla libertà, pulsione che confluirà direttamente nel libro e lo renderanno il romanzo della libertà. Fu proprio l’ amore per la libertà che spinse Ugo ad acclamare da poeta e servire da militare Napoleone Bonaparte, salvo poi pentirsene quando ,col trattato di Campoformio ,dimentico delle sue promesse, Napoleone cedette Venezia all’Austria. Svanirono così tutte le speranze, e l’entusiasmo si mutò in un odio acerrimo che avrebbe guidato l’agire del poeta per tutta la vita.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione