Categorie

Levante. Smirne, Alessandria, Beirut: splendore e catastrofe nel Mediterraneo

Philip Mansel

Traduttore: G. Petrillo
Editore: Mondadori
Collana: Le scie
Anno edizione: 2016
Pagine: 470 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788804661344
Disponibile anche in altri formati:

€ 27,20

€ 32,00

Risparmi € 4,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

27 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello


Quest’opera non è una analisi storica dettagliata ed esauriente sull’evoluzione della regione, è il tentativo ben più ambizioso di catturare lo spirito levantino attraverso la descrizione di tre porti chiave: Smirne, Alessandria e Beirut.

Il Levante, per gli occidentali, indica le terre comprese nel Mediterraneo orientale tra la Grecia e l’Egitto. Non solo. Philip Mansel, storico che da sempre ha rivolto i propri interessi nello studio delle corti e del mondo ottomano, eleva la definizione di mera area geografica ad un simbolo carico di contenuti.
Il Levante diventa così una mentalità, un mondo, un sogno. Quest’opera non è una analisi storica dettagliata ed esauriente sull’evoluzione della regione, è il tentativo ben più ambizioso di catturare lo spirito levantino attraverso la descrizione di tre porti chiave: Smirne, Alessandria e Beirut. Tre città dunque, autentiche protagoniste dai riflessi volutamente sfuggenti in un incessante cammino dagli albori della modernità ai giorni nostri.
La cornice temporale è ampissima, ciò giustifica la volontà dell’autore di non perdersi nelle problematiche geopolitiche che comunque vengono sapientemente introdotte all’occorrenza. L’interesse di Mansel è rivolto al Levante inteso come laboratorio sperimentale di coesistenza religiosa ed interetnica nel mezzo di splendori e catastrofi. La descrizione di un mondo completamente estraneo al retroterra circostante, nel quale si sono intrecciate le vite di uomini diversi nella religione e nella lingua ma dalla stessa volontà di condividere la “fragranza della libertà”.

Tra le pagine, attraverso una narrazione efficace e mai banale, emerge con prepotenza il fascino delle suggestioni di una interazione continua tra mondi diversi. Tre porti, tre snodi commerciali immersi nel fortissimo intreccio di culti e di chiese, moschee e sinagoghe. Smirne (Izmir), autentica “perla del Levante” costantemente ambita dalle mire espansionistiche europee e dai retaggi della cultura greca. Alessandria, metropoli dal grande passato e dalle forti ambizioni di rivaleggiare con Costantinopoli. Beirut, piccolo porto dalla grande vivacità commerciale che si è trasformata, con la nascita del Libano, in una splendida capitale.
In questo affresco sociale, nel quale si avvicendano le storie di ambasciatori, dragomanni e governatori Mansel ridefinisce il concetto stesso di levantinismo: non più dunque nella sua accezione negativa basata sulla spregiudicatezza commerciale, ma come stile di vita autenticamente cosmopolita. Una mentalità non priva da un approccio pragmatico e continuamente minacciata dal fervore nazionalista nascente, descritto nelle sue radici e fondamenta.

Uno dei migliori pregi dell’opera di Mansel è proprio questo, e cioè la sua straordinaria attualità nelle tematiche mediorientali: che cos’è lo spirito levantino se non il primo tentativo di globalizzazione scevro da ogni estremismo religioso-culturale? Viene così lanciata l’ultima sfida a Beirut, unica città multiconfessionale rimasta, ed un invito al Levante intero di riacquistare le proprie origini.


Indice

Introduzione

I. I vigneti di Pera
II. Smirne, occhio dell'Asia
III. Smirne: ecciedi e gioia di vivere
IV. Alessandria, chiave dell'Egitto
V. Alessandria: pretese imperiali
VI. Beirut, la repubblica dei mercanti
VII. Alessandria: i consoli e i khedivè
VIII. Alessandria: gli anni dell'Inghilterra
IX. Beirut, gioiello della corona del sultano
X. Smirne: greci e turchi
XI. Città alla deriva
XII. Catastrofe e liberazione
XIII. Alessandria, regina del Mediterraneo
XIV. L'egizianizzazione
XV. Beirut: nascita di una capitale
XVI. La Parigi del Medio Oriente
XVII. La danza della morte
XVIII. Nuovi Levanti

Note
Bibliografia
Ringraziamenti
Crediti fotografici
Indice dei nomi