Editore: Einaudi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 379,02 KB
  • Pagine della versione a stampa: 192 p.
    • EAN: 9788858427880

    23° nella classifica Bestseller di IBS eBook - Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 9,99

    Venduto e spedito da IBS

    10 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    L'acqua ha sommerso ogni cosa: solo la punta del campanile emerge dal lago. Sul fondale si trovano i resti del paese di Curon. Siamo in Sudtirolo, terra di confini e di lacerazioni: un posto in cui nemmeno la lingua materna è qualcosa che ti appartiene fino in fondo. Quando Mussolini mette al bando il tedesco e perfino i nomi sulle lapidi vengono cambiati, allora, per non perdere la propria identità, non resta che provare a raccontare. Trina è una giovane madre che alla ferita della collettività somma la propria: invoca di continuo il nome della figlia, scomparsa senza lasciare traccia. Da allora non ha mai smesso di aspettarla, di scriverle, nella speranza che le parole gliela possano restituire. Finché la guerra viene a bussare alla porta di casa, e Trina segue il marito disertore sulle montagne, dove entrambi imparano a convivere con la morte. Poi il lungo dopoguerra, che non porta nessuna pace. E così, mentre il lettore segue la storia di questa famiglia e vorrebbe tendere la mano a Trina, all'improvviso si ritrova precipitato a osservare, un giorno dopo l'altro, la costruzione della diga che inonderà le case e le strade, i dolori e le illusioni, la ribellione e la solitudine. Una storia civile e attualissima, che cattura fin dalla prima pagina.

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      FioFrancesca

      17/01/2019 11:42:25

      L'ho finito ieri sera.Un romanzo storico bellissimo.Una narrazione asciutta e pulita.Convolgente dal primo all'ultimo capitolo.Consigliato

    • User Icon

      Michi

      15/01/2019 13:36:47

      Consigliato! un libro scorrevole e piacevole, fra racconti di vita familiare e paesana ed emozionanti descrizioni dei luoghi e delle vicende. il tutto sullo sfondo storico del fascismo e della seconda guerra mondiale, raccontato tramite esempi reali evitando inutili digressioni storiche. Il talento di Balzano sta nel sovrapporre un racconto delicato ed emozionante, al contempo scorrevole ed interessante, inglobandolo storicamente, e in maniera perfetta, all'interno dell'atmosfera storica del periodo in cui il libro è ambientato. Un libro bellissimo. Letto in pochissimi giorni.

    • User Icon

      Mariella73

      29/12/2018 09:23:02

      Libro ben scritto e molto scorrevole. Un bel romanzo che racconta un pezzo importante della storia del nostro paese. Consigliato.

    • User Icon

      Aledifra

      26/12/2018 16:27:45

      Letto in due giorni. Una storia intensa, intima che emoziona fin dalle prime pagine. Un romanzo che, tra eventi storici, personaggi reali e inventati , racconta un po' della nostra Italia e delle vita nelle terre di confine durante gli anni del fascismo/nazismo. Consigliato.

    • User Icon

      Luca

      19/12/2018 14:43:44

      Libro molto intenso e ben scritto. Letto d'un fiato. Una storia magistralmente costruita. Libro bellissimo e consigliato

    • User Icon

      Laura

      15/12/2018 15:07:58

      Restare. Restare e attendere un ritorno. Restare e lottare contro l'avanzare di un progresso che porta distruzione. Restare e resistere.

    • User Icon

      Carmen

      13/12/2018 23:57:32

      Bellissimo libro ambientato nella seconda guerra mondiale..la protagonista,trina subisce la scomparsa della figlia,la guerra,la fuga,la diga...tutto raccontato in modo scorrevole semplice ma ad effetto.tanto da farmi venir voglia di visitare questi paesaggi di montagna..

    • User Icon

      Paola

      12/12/2018 12:32:54

      Balzano è sempre una garanzia di ottima lettura. Una storia di amore per la terra. Una storia d’altri tempi, ma poi non così lontana, che ci riporta a come eravamo. Per mantenere viva la memoria di un assurdo capitolo della nostra Storia, così da non riviverlo mai più.

    • User Icon

      Sara

      10/12/2018 20:33:11

      Spettacolare, da leggere tutto d'un fiato, vivendo in questa terra di confine, il libro diventa da subito molto sentito

    • User Icon

      Simona Massara

      05/12/2018 19:52:47

      Mi è veramente piaciuto molto , lo consiglio i! Marco Balzano mi ha portata in un periodo storico con personaggi resi duri dalla guerra e dai problemi dovuti alla costruzione della diga che spazzera via Curon , storie e ricordi ! Letto d un fiato !

    • User Icon

      teresa

      04/12/2018 18:39:16

      Teresa Chiarella 5 agosto · Un romanzo essenziale, che non fa uso di inutili metafore per descrivere fatti, situazioni e sentimenti. I diversi sentimenti di odio, amore, dolore, paura sono sussurrati, non urlati. I protagonisti veri o di fantasia raccontano la storia di una valle e della costruzione di una diga a discapito degli abitanti. La vicenda diviene il pretesto per parlare della storia, dell’arroganza del potere e dell’ipocrisia della politica. Un bel libro.

    • User Icon

      serafini lino pasqualino

      27/11/2018 15:03:24

      libro che fa riflettere sull'etnie dei sud-tiroles, sentirsi tedeschi ed essere di nazionalità italiana.sentirsi apolidi e dover rimettersi alle volontà altrui.trama interessante e storicamente ben documentata, da leggere.

    • User Icon

      Danila

      22/11/2018 16:33:24

      Libro che mi ha tenuta ancorata a sé, scritto in maniera sublime, storia incredibile, cruda, forte, commovente. La guerra ha devastato un intero Paese, lo sapevamo e forse lo stiamo dimenticando: che incredibile errore!

    • User Icon

      Renzo Montagnoli

      27/10/2018 09:32:48

      Chi percorre la val Venosta, diretto al passo Resia, a un certo punto, all’incirca a 1.500 m. s.l.m., si imbatte in un grosso lago, il più grande della provincia di Bolzano, un lago alpino ottenuto con uno sbarramento artificiale. Fin qui niente di strano, se non si notasse un campanile che emerge dalle acque, meta di tanti fotografi. Quella guglia aguzza risale al 1357 ed era la caratteristica preponderante della parrocchiale di Curon; intorno e sommerso c’è un paese, Curon Venosta, 163 case e 523 ettari di terreno che era adibito soprattutto a frutteto. Gli abitanti ingaggiarono una battaglia per conservare intatto il loro luogo, ma fu tutto inutile. Ed è di questo, o meglio anche di questo che parla il bel romanzo (Resto qui) di Marco Balzano, finalista al premio Strega 2018. Con l’escamotage di una lettera che una madre (Trina) intende inviare alla figlia, scomparsa durante il famigerato ventennio senza lasciare traccia, ci viene raccontata la storia di un periodo particolarmente fosco per il Sud Tirolo che va grosso modo dall’avvento del fascismo agli anni dell’immediato dopo guerra. Per quanto possa sembrar strano, il sacrosanto diritto dei tirolesi di non vedere calpestata la loro cultura non poteva trovare miglior difensore di un italiano, cioè Marco Balzano. Si arguisce fra le righe l’intenso lavoro di ricerca effettuato, di cui l’autore parla nella Nota finale, con l’aiuto anche di alcuni sud tirolesi, come si evince dai ringraziamenti che chiudono il libro. La serietà con cui sono state esaminate le fonti, la presenza frequente in loco di Balzano finiscono con il dare a quest’opera una struttura propria del romanzo storico, ma con un calibrato ricorso alla fantasia, Resto qui, capace di avvincere dalla prima all’ultima riga, è un gran bel romanzo.

    • User Icon

      Silvano

      22/10/2018 12:54:27

      Ho soggiornato anni fa due volte a San Valentino alla Muta vicino alla vecchia Curon, ho guardato e fotografato anch'io come un deficiente il campanile nell'acqua senza preoccuparmi di conoscerne la storia, grazie a questo romanzo ho avuto l'occasione di capire le vicende di quella zona di confine, dell'Alto Adige e della Montecatini (conosciuta quasi per caso un anno fa in un viaggio in Dancalia ,Etiopia) nell'epoca fascista. Romanzo molto bello ne consiglio vivamente la lettura

    • User Icon

      LEOPOLDO ROMAN

      21/10/2018 16:28:03

      Chiunque sia passato per il passo di Resia non può essere rimasto insensibile al magico fascino che sprigiona quel campanile, che svetta solitario in mezzo alle acque del lago. A me ha evocato un passato di tragedie: quello di tanta gente, che in nome del progresso ha dovuto in poco tempo abbandonare radici, affetti e qualcuno anche la vita. Ebbene Marco Balzano ha ricostruito incredibilmente bene quella vicenda storica che però, e state bene attenti, non è la protagonista vera del romanzo, che è invece la storia di Trina, una ragazza del posto, sognatrice, ribelle, istruita, ma legata indissolubilmente alla sua terra che non ha mai voluto abbandonare. Un difficile rapporto con il figlio nazista; tanta nostalgia per una figlia fuggita lontano cui inevitabilmente “pensa senza pensarla” ed alla quale scrive una lettera immaginaria, che è poi il romanzo; un marito che conduce una lotta solitaria contro l’invasione della diga, dopo aver trascorso come disertore di una guerra, nella quale non credeva né prima né dopo l’8 settembre, un lungo periodo sulle montagne, peraltro assieme a Trina. Il tutto inserito nella difficile convivenza fra italiani, spesso d’importazione fascista, e nativi di lingua madre tedesca, non tutti simpatizzanti di Adolf. Insomma un bel libro da leggere ed anche rileggere e che, per me, meritava di vincere il premio Strega.

    • User Icon

      ant Lomell@libero.it

      17/10/2018 17:25:22

      L'io narrante è Trina, una donna altoatesina che è orfana della figlia, scomparsa in circostanze misteriose che si chiariranno poi man mano nel romanzo, ed è alla figlia che si rivolge la madre in una sequela di ricordi, aneddoti, storie e digressioni varie, a riguardo sia della sua famiglia e anche e soprattutto del suo paese natale cioè Curon, il famoso luogo della Val Venosta,col campanile che spunta dal lago. Ambientato principalmente negli anni della seconda guerra mondiale, il romanzo parla naturalmente delle contraddizioni del territorio sopra elencato, cioè una popolazione di lingua madre tedesca costretta dal regime fascista a cambiare usi, modi e soprattutto lingua, in questa guerra strisciante tra popolo e potere s'insinua nelle genti del posto anche la paura per gli effetti innaturali che avrebbe potuto avere la diga che è in costruzione. In questo limbo di paure e sopravvivenze estreme si sviluppa un ottimo testo, concludo estrapolando un passaggio che mi ha colpito «Se per te questo posto ha un significato, se le strade e le montagne ti appartengono, non devi aver paura di restare». Bello

    • User Icon

      Giorgi75

      11/10/2018 09:59:46

      Ho visto la copertina di questo libro parecchie volte nelle librerie, ma, letta la trama non mi attirava forse perchè l'ho classificato come "romanzo storico" e a me di solito non piacciono.. Ho però avuto l'occasione di ascoltare l'autore a "Pordenonelegge" e mi ha davvero colpito, sia lui (giovane insegnante di italiano bravissimo), sia la storia di Trina e Erich, che anche se non è una "storia vera", tutto il contesto e il contorno sono accaduti realmente e questo mi ha incuriosita. Infatti il libro mi è piaciuto molto, io che di storia so poco, lo consiglio veramente perchè ti fa vivere veramente per 170 pagine in quel periodo storico della Guerra e in un paese di confine come l'Alto Adige, che io non conoscevo. Lo consiglio anche per una lettura in classe con gli alunni.

    • User Icon

      jc58

      09/10/2018 09:44:38

      Una storia nella storia, sconosciuta ai più, un approccio stimolante per la capire le vicende dell'Alto Adige/Sud Tirolo nel secolo delle guerre e delle leggi razziali

    • User Icon

      Lorenzo

      23/09/2018 13:03:28

      "Resto qui" è una lettera sincera e diretta scritta da una madre alla propria figlia. Scritta per il bisogno di raccontarle una vita intera. Una vita senza di lei. Una vita difficile, in un luogo difficile come le Alpi fra Italia e Austria, in un periodo difficile come la guerra ed il primo dopoguerra. Fa da sfondo la vita montana fatta di masi con mucche e pecore, le montagne ed i boschi. Il susseguirsi delle stagioni, la neve in inverno ed i prati fioriti in primavera. Quindi ecco che la vita semplice di una ragazza, che studia con le amiche e fa progetti sul futuro, presto viene travolta da forze enormi che sconvolgono il mondo. Prima arriva il Fascismo, che impone la lingua italiana, distruggendo il suo sogno di insegnare e le scuole clandestine sono l'unica alternativa per resistere. Poi arriva la guerra ed un marito al fronte. Al suo ritorno con lui disertore, deve fuggire dalla morte sulle montagne, fra le minacce del freddo della fame e dei tedeschi. Una battaglia fra parenti e amici. Persone amiche diventano nemiche, altre prendono strade verso destini lontani, altre ancora non ti abbandonano mai. Ma la vita non si stanca mai e silenziosamente ed inesorabilmente si fa avanti anche il progresso, che vuole inondare la vallata con una moderna diga. Una lotta continua contro gli eventi ed una voglia continua di raccontarlo. Così Trina in ogni sua parola, in ogni sua riga in questa lettera appare proprio come il campanile che ancora oggi svetta nel lago di Resia con il suo monito. Contro tutto e nonostante tutto "Resto qui".

    Vedi tutte le 173 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione