Categorie

Simone Turri, Daniela Mecca

Editore: GDS
Collana: Ombra e misteri
Anno edizione: 2015
Pagine: 236 p. , Brossura
  • EAN: 9788867820450

60° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Thriller e suspence - Thriller

Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Simona Santaga'

    16/03/2017 10.36.59

    Un Thriller davvero mozzafiato, ricco di suspense e molto scorrevole nella lettura, davvero un ottimo libro

  • User Icon

    Cremo

    24/11/2016 09.20.19

    Non voglio sindacare le opinioni altrui , mi limito a quello che è il mio pensiero, cioè che la media delle valutazioni per questo libro va abbassata. Tutto succede sempre velocemente, si capisce chi è il colpevole di tutto a metà libro, i personaggi sono ridicoli. C'è un'idea di fondo abbastanza buona ma per niente sviluppata, un tentativo di emulare gli autori americani, mi viene in mente un McFadyen che avrebbe dato un'ombra diversa all'idea. Sembra un racconto di quelli che trovi gratuiti in internet e che concorrono ad un concorso online, invece è un libro in vendita.

  • User Icon

    Rossana

    22/11/2016 08.43.14

    Se tornassi indietro lo leggerei molto prima.. thriller mozzafiato, scorrevole per niente scontato con un finale pazzesco. Non mi rimane che leggere anche "anime dannate" e augurare agli autori buon lavoro...

  • User Icon

    Silvia

    22/10/2016 14.56.34

    Ho appena finito di leggere questo romanzo.Che dire...davvero coinvolgente ben scritto e soprattutto non scontato.I personaggi ti fanno diventare da lettore a protagonista in prima persona.Vivi le loro stesse emozioni e paure.E la conclusione e'davvero il meglio.Che dire...consigliatissimo!Ora aspettiamo il prossimo libro!

  • User Icon

    Giancarla

    03/10/2016 13.46.12

    Il genere thriller è il mio preferito, letture , film, serie Tv. Ho letto il libro di Simone Turri e Daniela Mecca più che volentieri mi ha affascinato, il ritrovamento delle vittime descritto in maniera superba , descrizione dei luoghi e dialoghi coinvolgenti.Detective Sunderland / Gomez aspetto con impazienza la Vs prossima indagine. Consiglio vivamente la lettura

  • User Icon

    Nadia B

    11/06/2016 19.34.04

    ho letto questo libro e l'ho trovato molto adrenalinico ed appassionante fino all'ultima pagina. Ti fa vivere le stesse emozioni dei personaggi, Bellissimo!! Lo consiglio agli appassionati del genere thriller

  • User Icon

    Michela

    29/04/2016 17.27.15

    IL TATUATORE Tra le mie letture predilette, il romanzo thriller occupa un posto davvero speciale; avventurandomi tra le righe de IL TATUATORE di Simone Turri e Daniela Mecca, sono stata catapultata in un mondo di misteri e suspense. La lettura, scorrevole ed intrigante, mi ha entusiasmato e coinvolto nella vicenda. Omicidi efferati e crudeli sono protagonisti del romanzo dall' inquietante epilogo. Lo consiglio!!!

  • User Icon

    daniela

    03/04/2016 19.37.16

    Il romanzo si fa leggere, la storia regge ed è abbastanza verosimile sotto vari aspetti,alcuni punti,nelle storie personali dei vari personaggi,lasciano spazi vuoti (credo intenzionali da parte degli autori, forse per sviluppi futuri). Da divoratrice di thriller devo dire che questo tipo di serial killer mi mancava nella vasta gamma di psicopatici letterari incontrati nella mia lunga carriera di lettrice. Mi ha un po' deluso la parte finale, un'uscita di scena poco teatrale e non coerente con la teatralità mostrata in precedenza.Il tutto però viene subito superato grazie alla curiosità suscitata dall'unico mistero irrisolto:Lo sapremo nella prossima puntata?la parola agli autori.

  • User Icon

    Emilia Benini

    20/01/2016 18.50.55

    Ho letto questo thriller tutto d'un fiato,è un libro entusiasmante che ti prende e non smetteresti più di leggere. Lo consiglio vivamente a tutti gli appassionati del genere perché è un opera veramente splendida

  • User Icon

    Maria Gloria Liconte

    29/10/2015 20.18.51

    Il tatuatore inizia con un vero pugno nello stomaco,un brutale omicidio che costringe subito l'agente James Sunderland a riprendere il contatto con la realtà,anche se non ha risolto i propri guai interiori. E prosegue in quest'altalenante percorso fra indagine su quello che diventa subito un serial killer stravagante r spietato e il tentativo di riemergere dall'inferno personale in cui è precipitato. Il ritmo incalza il lettore e un personaggio inquietante sinsinua a poco a poco nella sua mente,fino all'incredibile epilogo. Da non perdere!!!

  • User Icon

    Giulia

    20/10/2015 16.27.49

    grazie a questo libro, ho potuto apprezzare un genere che solitamente non leggo. La trama è molto coinvolgente e ti lascia col fiato sospeso fino alle ultime pagine. lo consiglio a tutti coloro appassionati del genere e non. Assolutamente da leggere

  • User Icon

    Thomas

    30/08/2015 09.41.23

    Chissà cosa leggono i recensori che parlano di thriller come se fosse un Deaver o un Fitzek. Forse neanche li conoscono e non hanno letto mai niente di serio. Le cose che loro citano, non le ho trovate in questo romanzo. Thrilling, psicologia.. è ben altra cosa. Leggo un sacco di thriller da molti anni, penso di aver capito come funziona.. mi sembra così frettoloso questo racconto. Succede tutto in un lampo, senza troppe spiegazioni.. indagini, dialoghi sempliciotti, situazioni inverosimili, eppure si tratta di agenti dell'FBI. Gli agenti dell'FBI senza fare chissà che indagini e scoperte, si fissano su delle persone a turno e continuano a dire che sicuramente son loro i killer con accuse immotivate, interrogatori sbrigativi, una sicurezza senza avere un movente e prove certe.. poco inverosimile, non succede praticamente mai neanche in film e telefilm americani, figuriamoci nei libri dei grandi scrittori USA. I dialoghi sono un pò troppo superficiali, l'FBI si rende ridicolo troppo facilmente e danno subito un nome al killer.. in realtà non succede mai neanche questo. E comunque perchè l'indagine è riservata a due agenti dell'FBI col capo che dice sempre di rischiare il posto? La polizia dovrebbe indagare semmai, così come il lavoro del medico legale con l'autopsia e gli accertamenti scientifici...Dov'è stata la polizia? Non conta, non viene prima di tutti, e poi se il caso si complica si chiama l'FBI? Gli agenti, nonostante i gravi fatti, scherzano e spesso son poco seri o si arrabbiano subito, anche questo non è da Fbi. C'è uno smodato uso dei punti esclamativi nei dialoghi, non c'è motivo di usarli sempre, così sembrano dialoghi da social network. Altra cosa, un agente dell'FBI alle prese con un caso importante che si prende le pause e va in vacanza? Inutile ambientare un romanzo negli USA e metterci l'FBI senza conoscerlo, viene fuori un pasticcio, troppo spesso ridicolo ed esilarante.

  • User Icon

    loredana

    29/08/2015 16.24.03

    Un bellissimo libro un crescendo piano piano, un libro che si fa leggere, che porta il lettore nella parte più oscura di noi, lasciando fino alla fine l'incertezza chi lo legge lo consiglio bravi!

  • User Icon

    Elisa

    19/08/2015 10.52.36

    Ecco un modo per appassionare una lettrice occasionale come me che non ha mai tempo per se, ma solo per la famiglia ed il lavoro. Il Tatuatore non fa di certo parte del mio genere letterario, ma mi ha decisamente appassionato, incuriosito, intrigato e stupito. Avvincente triller-noir da portare anche sotto l'ombrellone e leggere tutto d'un fiato, trama non banale, bensì coinvolgente dalla prima all'ultima pagina. Leggettelo ve lo consiglio.

  • User Icon

    marco

    15/08/2015 10.48.44

    splendido romanzo, nella tradizione delle coppie di investigatori che amo di più... tra Criminal Minds e Criminal Intent... fino al colpo di scena finale... lo consiglio vivamente!

  • User Icon

    Gelateria Italiana

    13/08/2015 13.31.42

    E' un Thriller nel vero senso della parola: molto dettagliato nella descrizione di avvenimenti,scene,gesti ed emozioni macabro in alcune circostanze (altrimenti che Thriller sarebbe? SENSAZIONALE : é l'aggettivo giusto che mi sento di attribuire...denso di colpi di scena e di circostanze "inaspettate" Chi ha deciso di attribuire a Simone Turri e Daniela Mecca l'appellativo di "Coppia del brivido",ci ha visto lontano e molto bene Complimenti per la stesura del libro,per il linguaggio...per la trama (fantastica,oserei dire) e complimenti per aver saputo trasmettere quel "noir" che ogni lettore di Thriller si aspetta Lo consiglio...agli appassionati

  • User Icon

    Vanira

    29/07/2015 12.27.36

    La capacità di descrizione è fenomenale. Gli autori sono in grado di descrivere oggetti, persone e luoghi in modo accurato e dettagliato, quasi come se il lettore fosse parte integrante del romanzo e riesca a vedere con chiarezza quello che sta leggendo. I particolari e i dettagli sono il loro forte, specie per quanto riguarda la descrizione psicologica dei personaggi. Il ruolo del narratore onniscente è altrettanto ottimo, permette di avere una visione totale e impeccabile riguardo a tutto ciò che avviene nel romanzo. Questo romanzo ha tenuto il fiato sospeso fino all'ultimo capitolo, dove si è perfettamente compreso chi fosse il colpevole, e questa è una delle cose che più mi piacciono sia a livello di scrittura, sia a livello cinematografico. Hanno dato modo al lettore di poter "indagare" assieme ai protagonisti e, quindi, renderli partecipi di ogni evento presente nel testo. Colpo di scena sul colpevole, avrei detto fosse stato un altro, quindi mi ha sorpreso molto. Assolutamente da trasporre a livello cinematografico. Questo romanzo ha i tratti caratteristici di "Saw - L'enigmista" sia per quanto riguarda la psiche del colpevole, nonchè assassino, sia per quanto riguarda la dinamica efferata delle torture, quindi mi piacerebbe che James Wan, produttore/sceneggiatore di Saw e di alcuni tra i più importanti film horror, avesse l'occasione di leggere questo libro. Mi piacerebbe che un altro grande del cinema, nonchè grande produttore hollywoodiano, JJ Abrams, leggesse questo libro, perchè tutti i flashback presenti in quest'ultimo fanno tornare alla mente "Lost": flashback molto dettagliati, che vanno e vengono nella mente dei protagonisti, facendo sì che vi sia un'andirivieni continuo tra passato e presente utile a capire le azioni e la psiche dei personaggi. Sono convinta che non sia finita qui: il finale che ti lascia l'amaro in bocca (inteso come finale aperto) è sempre uno dei migliori.

  • User Icon

    LUIGI

    19/07/2015 11.13.48

    Thriller dalla trama avvincente e ben articolata che "cattura" il lettore dal primo all'ultimo capitolo non cadendo mai nel banale: quando sembra che la soluzione del caso sia a portata di mano, con un abile colpo di scena viene rimesso tutto in discussione, mantenendo vivo il "pathos" e l'interesse di chi legge fino alla fine. Lo stile chiaro e scorrevole della narrazione, la cura dei dettagli nel descrivere luoghi e personaggi, unitamente ad un'attenta analisi della psiche dei protagonisti da parte dagli autori, danno vita ad un "set" cinematografico nel quale il lettore si sente contemporaneamente attore e spettatore. Consiglierei questo libro sia agli amanti del genere sia ai neofiti.

  • User Icon

    Fanny Duvall

    17/07/2015 14.10.48

    Ho da poco finito di leggere questo thriller dai confini angoscianti e surreali, poiché l'attenzione scenica che i due scrittori Simone Turri e Daniela Mecca, hanno dato ai personaggi, sono riusciti a far sì che il lettore, costituisse come per inerzia il terzo occhio visivo, rendendo ogni azione si angosciante, ma coinvolgente insieme. Bravi soprattutto nel cogliere la tensione per tutto il tempo della lettura, rimanendo con il fiato sospeso fino all'ultima riga. Complimenti davvero e lo consiglio vivamente.

  • User Icon

    Sonia

    06/07/2015 17.09.35

    Mi sono bastati due giorni per leggere "Il Tatuatore"; anzi, due notti. Due notti insonni di pura tensione, ansia e uno spasmodico senso di attesa per il momento in cui avrei scoperto il volto del killer. L'ho seguito, desiderato, odiato e, più volte, quasi afferrato; ma è stato lui a trovarmi, in quell'ultima pagina quando, esausta, ho potuto finalmente chiudere gli occhi? ultima delle sue vittime. Amante di libri horror, di thriller ne ho letti davvero tanti; opere famose o racconti di giovani artisti. "Il Tatuatore" ti rapisce, ti mescola ai personaggi della sua trama, ti spinge a condividerne curiosità e paure, fino al colpo di scena finale: un brevissimo, interminabile istante di suspense, capace di alimentare la fantasia di pragmatici e mentalisti e di esaltare le emozioni dei più romantici ? come sono io. Una capacità di disegnare i personaggi degna di Allan Poe, l'Intensità di Faletti e alcuni colpi geniali tipici di Jo Nesbo, sono i caratteri che più mi spingono a consigliare questo thriller; lo consiglio agli appassionati del genere e a chi, leggendolo, lo diventerà presto.

Vedi tutte le 21 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione