Categorie
Traduttore: A. Cellerino, M. Ruffa
Curatore: G. Bergamini
Editore: Einaudi
Collana: I millenni
Anno edizione: 1992
Pagine: XX-805 p.
  • EAN: 9788806127374

€ 57,07

€ 67,14

Risparmi € 10,07 (15%)

Venduto e spedito da IBS

57 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


recensione di Invernizzi, A., L'Indice 1991, n. 7

Uscito nel 1987 presso Gallimard, il volume è una raccolta di studi apparsi in diversi periodici o pubblicazioni specialistiche che l'autore, il cui nome conta tra quelli dei grandi studiosi della civiltà mesopotamica, ha opportunamente adattato destinandoli a una più ampia cerchia di lettori colti.
L'operazione nulla toglie al rigore scientifico dei testi originali, rispetto ai quali viene essenzialmente alleggerito l'apparato critico, e non ne tradisce n‚ lo spirito n‚ lo stile, perché già nella versione originale di molti di essi poco pesa l'erudizione e la prospettiva del discorso è fondamentalmente problematica. La lettura è dunque di particolare diletto ed avvince per l'eleganza dello stile nell'affrontare il soggetto non meno che per la chiarezza del pensiero.
Recensendo il fascicolo del 1982 della rivista "Akkadica", contenente "Èloge d'une science inutile: l'Orientalisme" - qui tradotto con il titolo "Apologia di una scienza inutile" - osservavo che "ognuno, soprattutto non orientalista, dovrebbe leggere e meditare questa bellissima conferenza in questi tempi caratterizzati dai 'porte-flambeaux' del 'profit'. L'eminente assiriologo espone con profondità di pensiero e con pari eleganza di forma le sue riflessioni sulla necessità che l'uomo sente di conoscere il proprio passato, un passato che per l'Occidente risale in linea diretta alla civiltà mesopotamica". Non c'è che rallegrarsi che la sete di conoscenza sia prevalsa sulle ragioni del profitto e che non solo questo, ma molti altri scritti illuminanti sull'eredità lasciataci da Sumeri e Accadi, Babilonesi e Assiri, abbiano raggiunto un pubb1ico più vasto.
Il legame con noi può essere considerato il tema centrale che giustifica la raccolta. È una presenza assolutamente viva il quadro che emerge da queste pagine di una civiltà che non solo rappresenta un momento fondamentale nel cammino dell'uomo ma è, più in particolare, parte integrante del patrimonio culturale della nostra civiltà, anche se la visione classicistica che ha influenzato la nostra tradizione ha oscurato gli stretti legami del Mediterraneo con le civiltà dell'antico oriente e nella fattispecie della Mesopotamia.
I soggetti di ognuna delle sezioni in cui si divide la raccolta sono dunque affrontati con lo scopo di mettere in rilievo gli aspetti più squisitamente umani di questo patrimonio culturale, sia in relazione ai valori accettati da quell'antica società, sia nei nostri confronti, per quello che possono oggi esprimere. E questo, che si tratti degli studi consacrati all'assiriologia, o alla scrittura, alla sua storia, alla sua struttura e alla sua evoluzione, o alla mentalità, o alla religione in senso lato. Il discorso affronta questioni basilari dell'esistenza del singolo individuo o del sovrano, e quindi dell'intera società, attraverso penetranti commenti alle pratiche divinatorie o alle esemplificazioni dell'esercizio del potere giudiziario contenute nel Codice di Hammurabi. I temi della struttura del pensiero religioso, del sentimento di religiosità e della visione della morte e della vita post mortem, per quanto diverse siano le risposte ai problemi esistenziali, sono considerati con una partecipazione tale da gettare un ponte che supera direttamente le migliaia di anni che ci separano da quegli uomini.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    lucio

    09/08/2002 16.37.57

    E' il miglior libro immaginabile per lo studio e la conoscenza della civiltà mesopotamica, sia Sumera che Accadica. E' inoltre indispensabile per chi si dedica allo studio della Bibbia, a tal proposito si rivelerà una vera e propria miniera di conoscenza. Un'unica annotazione: la cosa migliore è accompagnarlo con l'acquisto dell'Epopea di Gilgamesh' di N.K. Sandars edita da Adelphi, ne risulterà un'autentica ed esauriente biblioteca di letteratura mesopotamica! lucio vitali

Scrivi una recensione