Categorie

Jim Thompson

Traduttore: A. Martini
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Pagine: 254 p. , Brossura
  • EAN: 9788806209322

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Guido da Milano

    02/01/2016 01.55.38

    Assolutamente singolare (e molto distante dal genere noir odierno), Colpo di Spugna (del 1965) è un romanzo atipico nella produzione di Thompson. Senza dubbio la figura dello sceriffo paranoico che narra in prima persona le vicende era già stata trattata dall'autore in L'assassino che è in me (del 1952), ma mentre quest'ultimo romanzo (il primo che diede notorietà a Thompson) affascina per la rappresentazione coerente di una mente malata (forse la prima in assoluto del noir americano), in Colpa di Spugna sembra prevalere la visione di "un male di vivere" che affligge non solo il protagonista ma anche l'intera provincia americana. Molto bella anche la trasposizione cinematografica fatta da Tavernier (con un sempre grande Philippe Noiret nella parte dello sceriffo) nel 1981 (vinse l'Oscar come miglior film straniero), anche se l'ambientazione è spostata dal Texas di inizio secolo ad una colonia francese prima della seconda guerra mondiale. Tra i due libri cambia anche il linguaggio: teso e cupo Nell'assassino che è in me, ironico (sovente sconfinante volutamente nel grottesco) e sincopato, in Colpa di Spugna. In ogni caso, due classici dell'hard-boiled, nella versione assolutamente personale di Thompson (definito il Dostoevskij dei romanzi pulp...).

  • User Icon

    Fruncillo Angelo

    17/09/2014 19.33.49

    Thompson martella continuamente sulla amoralità dei suoi personaggi, il linguaggio duro, espressionista mette bene in mostra la "leggerezza" del male. Che dire bel libro...

  • User Icon

    BRUNELLA PREDIERI

    13/09/2014 17.40.55

    se non siete appassionati di letteratura noir e vi imbattete in questo romanzo per caso, rimarrete folgorati: linguaggio espressività concisione agganciano anche un lettore recalcitrante, come me all'inizio. La visione di una realtà psicologica e sociale che non può lasciare indifferenti, un quadro espressionista o uno dei migliori film dei primi fratelli cohen

  • User Icon

    Luciano

    26/04/2014 20.43.00

    Ho letto tutti i romanzi di Thompson. Questo é senz'altro il migliore in assoluto.

  • User Icon

    Guido

    18/04/2014 00.20.09

    C'è ben poco da aggiungere a commento di un libro a suo tempo scelto per il millesimo numero della celebre Série Noire e per un autore come Thompson che con Chandler, Hammett e Cain forma il "poker" d'assi praticamente fondatore dell'hard-boiled. Solo un consiglio ai lettori interessati alle radici del noir in salsa americana: per apprezzare appieno Colpo di spugna (Pop. 1280-1964) è meglio leggere prima L'assassino che è in me (1952) dello stesso autore, di cui Colpo di spugna rappresenta essenzialmente una "naturale" evoluzione. Se no si rischia di fraintendere l'umorismo cinico, grottesco e disperato di quest'ultimo libro.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione