Categorie

Charles Stross

Traduttore: S. Proietti
Editore: Armenia
Collana: Nuova Galassia
Anno edizione: 2007
Pagine: 413 p. , Brossura
  • EAN: 9788834420102

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    marcostraz

    27/09/2014 14.31.05

    Sinceramente mi ha deluso molto, l'ho trovato troppo contorto, fine a sè stesso, sfilacciato...

  • User Icon

    Filofìlo

    30/05/2013 14.21.42

    Un libro che rigurgita effetti, ma vuoto di cause.

  • User Icon

    Piccia

    05/10/2008 09.24.36

    Questo libro contiene delle idee a dir poco geniali, che difficilmente troverete in altri libri di fantascienza. L'autore è un visionario in grado di spingere la fantasia ai confini più estremi, arrivando a teorizzare scenari futuristici di portata così ampia da lasciare senza fiato. Peccato che, partendo da queste affascinanti idee, Stross abbia cercato di ottenere un libro riversando tutto in un enorme calderone, sperando che tutto si sistemasse al suo posto dopo un paio di giri di mestolo. Il risultato invece è un racconto mal strutturato, disorganizzato, confuso, in cui idee brillanti sono buttate qua e là a casaccio, in mezzo ad una trama che stenta a reggersi in piedi. Peccato, un'occasione sprecata. Il racconto in sé è mediocre, ma ne consiglierei la lettura anche solo per vedere cosa è riuscito ad inventarsi l'autore. Vi ritroverete a pensarci su anche molti giorni dopo la conclusione del libro!

  • User Icon

    Jericho

    10/06/2008 21.00.42

    Visionario oltre ogni limite, Stross qui da fondo a tutto se stesso. La struttura a racconti tiene abbastanza, anche se il primo è nettamente superiore ai seguenti, un puro capolavoro. Gli do 4 solo perchè pian piano si perde un po'

  • User Icon

    Loris

    19/09/2007 16.49.55

    Il romanzo e' una finestra sul futuro e al contempo e' la sintesi di decenni di fs, letteraria e cinematografica. Capita di tutto in queste 400 pagine, talmente dense di idee e spunti da provocare nel lettore una sorta di vertigine cognitiva. Le linee guida principali conducono al concetto di singolarita' tecnologica e alla riflessione sulla postumanita', quando si potranno varcare i limiti della rete neurale umana, generando infinite domande sul nuovo senso da attribuire a concetti come identita' ed esperienza. Stross usa una lingua che attinge ai gerghi tecnologici ed economici, garantendosi un'originalita' di stile che all'inizio puo' risultare ostica. Per chi resiste, il premio e' un affresco maestoso in cui ogni elemento alla fine trova la giusta collocazione.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione