Essere o no scrittore. Lettere 1963-1988 - Vincenzo Consolo,Leonardo Sciascia - copertina

Essere o no scrittore. Lettere 1963-1988

Vincenzo Consolo,Leonardo Sciascia

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Archinto
Collana: Lettere
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 5 marzo 2019
Pagine: 96 p., Brossura
  • EAN: 9788877687395
Salvato in 16 liste dei desideri

€ 13,30

€ 14,00
(-5%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Essere o no scrittore. Lettere 1963-1988

Vincenzo Consolo,Leonardo Sciascia

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Essere o no scrittore. Lettere 1963-1988

Vincenzo Consolo,Leonardo Sciascia

€ 14,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Essere o no scrittore. Lettere 1963-1988

Vincenzo Consolo,Leonardo Sciascia

€ 14,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 14,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La corrispondenza tra Vincenzo Consolo e Leonardo Sciascia (1963-1988) permette di aggiungere interessanti dettagli al ritratto più noto dei due scrittori siciliani. Caduta l'iniziale barriera formale, subentra infatti nelle loro lettere una confidenza diretta e spontanea, che non censura i problemi di salute o quelli legati alla famiglia e soprattutto al lavoro.

La corrispondenza, prevalentemente letteraria, si fa così anche biografia del quotidiano. Tra i due corrispondenti, Consolo, pur nella sua garbata discrezione, è colui che più si mette a nudo, fiducioso di trovare nell'amico un ascolto attento e sensibile riguardo sia a problemi di etica relativi al ruolo dello scrittore, sia a indicazioni concernenti il lavoro, mentre Sciascia emerge, nella franca «dichiarazione d'amore» di Consolo, come il modello per eccellenza di scrittore e di intellettuale.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Consolo e Sciascia, Enzo e Leonardo, dialogavano attraverso le lettere, manoscritte o dattiloscritte, come gli scrittori d’oggi non fanno più. Si incontravano a casa dell’uno a Sant’Agata di Militello, o dell’altro, Caltanissetta, o s’incrociavano a Palermo («albergo Mediterraneo, Caprice, Flaccovio sono i luoghi in cui puoi trovarmi», raccomanda Sciascia a Consolo, amico e collega in un tempo in cui la telefonia mobile non era certo contemplata), o anche a Milano, quando il più giovane dei due si trasferì lì, iniziando a lavorare come addetto ai programmi culturali della Rai.

Si confidavano gioie e dolori privati, si concedevano chiacchiere letterarie (da Addamo a Piccolo, da Vittorini a Crovi, da Gadda a Morante, gli scrittori inevitabilmente sono protagonisti fra le righe), mai pettegolezzi, e riflessioni sulla ragion d’essere della scrittura. Un po’ più trattenuto, come da carattere, Leonardo Sciascia, più espansivo e audace, Vincenzo Consolo che non esita a scrivergli nel 1967, dunque ad amicizia consolidata: «A ogni tua nuova “cosa” provo sempre lo stesso piacere di tanti anni fa, quando, chiuso fisicamente e di “testa” nel mio natio borgo scipito, leggevo i tuoi primi libri e mi aprivo e apprendevo da questo mio scrittore e siciliano ideale del cuore della Sicilia. Non sorridere – nel tuo modo agghiacciante – di questa dichiarazione d’amore. La quale ora, del resto, si confonde tra quelle di chissà quanti altri».

Una corrispondenza, nata da un approccio iniziale del debuttante Consolo: nel 1963 aveva inviato al maestro di Racalmuto il suo primo libro, La ferita dell’aprile, che aveva suscitato sincero interesse in Sciascia. Corrispondenza che adesso è diventata un prezioso libretto, da centellinare, Essere o no scrittore. Lettere 1963-1988 (84 pagine, 14 euro). Le cinquanta missive (meno frequenti negli ultimi anni, quando s’infittirono le conversazioni telefoniche) provengono dall’archivio di Vincenzo Consolo e sono state messe a disposizione dalla sua vedova, Caterina Pilenga, e dalle figlie di Sciascia, Laura e Annamaria. Il volume è pubblicato dalla raffinata casa editrice Archinto, specializzata in epistolari, che ha affidato la curatela del carteggio fra Consolo e Sciascia a Rosalba Galvagno, saggista e docente universitaria (insegna Letterature comparate e Teoria della letteratura nell’ateneo di Catania), autrice anche dell’interessante introduzione, che spiega tutto il contesto di una duratura amicizia, vivificata, con questa pubblicazione, a trent’anni dalla morte di Sciascia e a sette da quella di Consolo.

Schiudere gli occhi su queste lettere di Consolo e Sciascia – l’ultima datata un anno e mezzo prima della scomparsa del più anziano – è un piacere, raccontano sì una grande amicizia, regalano acute letture critiche (un grande ed esaustivo pezzo di Sciascia su Il sorriso dell’ignoto marinaio, una profonda riflessione di Consolo su L’affaire Moro) spaccati familiari e dinamiche editoriali, ma soprattutto testimoniano una grande stagione della letteratura siciliana che, senza voler apparire nostalgici e passatisti, di sicuro non è ancora tornata. La stagione in cui Consolo e Sciascia scrivevano su testate nazionali e internazionali (entrambi amatissimi in Francia allora e ancora oggi, più che in Italia), lasciavano il segno nel dibattito, non solo culturale, tuonavano senza alzare la voce, armati solo della forza della scrittura.

Recensione di Salvatore Lo Iacono

  • Vincenzo Consolo Cover

    Terminate le scuole superiori, si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università Cattolica di Milano, ma si laureerà, con una tesi in filosofia del diritto, all'Università di Messina.Concluso il ciclo di studi universitari, fa ritorno in Sicilia, dove si dedica all'insegnamento nelle scuole agrarie. Nel 1963 esordisce con il suo primo romanzo, La ferita dell'aprile, sguardo sulla vita di un paese siciliano tormentato dalle lotte politiche dei primi anni del dopoguerra. I suoi riferimenti umani e letterari, in quella stagione, sono lo scrittore Leonardo Sciascia (che con la sua opera resterà stella polare lungo tutto il corso della carriera letteraria di Consolo) e il poeta Lucio Piccolo.Nel 1968, avendo vinto un concorso alla Rai, si trasferisce a... Approfondisci
  • Leonardo Sciascia Cover

    Scrittore e uomo politico italiano. Esordisce sotto il segno di una prosa poetica (Favole della dittatura, 1950; La Sicilia, il suo cuore, 1952) che lascia però presto il passo ad una vena che si rivelerà per lui più feconda. A dire dello stesso Sciascia, la sua cifra più autentica affonda infatti le radici in «una materia saggistica che assume i modi del racconto». Questa direzione è subito evidente fin da Le parrocchie di Regalpetra (1956) e Gli zii di Sicilia (1958), che mostrano come gli spunti di cronaca isolana si sappiano fare pretesto e cornice per indagare sul costume sociale e le sue degenerazioni.Esempi ancor più compiuti in tal senso saranno Il giorno della civetta (1961) e A ciascuno il suo (1966), che affrontano il tema... Approfondisci
Note legali