Topone PDP Libri
Salvato in 31 liste dei desideri
Essere senza tempo. Accelerazione della storia e della vita
7,02 € 13,00 €
LIBRO USATO
13,00 € 7,02 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
7,02 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
12,35 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
7,02 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Essere senza tempo. Accelerazione della storia e della vita - Diego Fusaro - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Viviamo nell'epoca della fretta, un "tempo senza tempo" in cui tutto corre scompostamente, impedendoci non soltanto di vivere pienamente gli istanti presenti, ma anche di riflettere serenamente su quanto accade intorno a noi. L'endiadi di essere e tempo a cui Martin Heidegger aveva consacrato il suo capolavoro del '27 sembra oggi riconfigurarsi nell'inquietante forma di un perenne essere senza tempo. Figlio legittimo dell'accelerazione della storia inaugurala dalla Rivoluzione industriale e da quella francese, il fenomeno della fretta fu promosso dalla passione illuministica per il futuro come luogo di realizzazione di progetti di emancipazione e di perfezionamento, la nostra epoca "postmoderna", che pure ha smesso di credere nell'avvenire, non ha per questo cessato di affrettarsi, dando vita a una versione del tutto autoreferenziale della fretta: una versione nichilistica, perché svuotata dai progetti di emancipazione universale e dalle promesse di colonizzazione del futuro. Nella cornice dell'eternizzazione dell'oggi resa possibile dalla glaciale desertificazione dell'avvenire determinata dal capitalismo globale, il motto dell'uomo contemporaneo - mi affretto, dunque sono - sembra accompagnarsi a una assoluta mancanza di consapevolezza dei fini e delle destinazioni verso cui accelerare il processo di trascendimento del presente. (Prefazione di Andrea Tagliapietra)
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2010
Tascabile
6 ottobre 2010
411 p., Brossura
9788845266041

Valutazioni e recensioni

2,6/5
Recensioni: 3/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(3)
Francesco
Recensioni: 1/5

Un libro pretenzioso e banale. Non solo rivanga un tema per niente nuovo e già battuto da circa un secolo a questa parte, ma non lo fa neanche in maniera originale (come invece fa Hartmut Rosa). Il tutto condito con i soliti luoghi comuni ''filosofici'' della reificazione, dell'alienazione, ecc.

Leggi di più Leggi di meno
AndreA
Recensioni: 1/5

Questo libro puo' piacere solo a chi non ha mai letto nulla di filosoficamente serio e pensa di essersi "elevato" per aver preso coscienza di problematiche che un medio studente liceale alle prese con la materia dimostrerebbe di sapere piu' approfonditamente. L'autore e', tra l'altro, vicino al Vattimo-pensiero, ovvero la grande pataccata contemporanea che si situa come "una nota a margine del pensiero di Nietzsche" (ma forse esagero, accostando il genio con la mediocrita' fatta pensiero). L'unico pensatore italiano contemporaneo si chiama Severino, gli altri finiranno nel dimenticatoio continuando a "dilettarsi" con la filosofia di cui sanno poco e male.

Leggi di più Leggi di meno
Federico
Recensioni: 5/5

Un bellissimo libro che discute con grande lucidità e rigore le radici storiche e filosofiche dell'accelerazione quasi esponenziale delle vicende socio-politiche e tecnico-scientifiche di questi due ultimi secoli; una accelerazione che ogni uomo ha avvertito e avverte sulla propria pelle come angosciosa fretta esistenziale. Nata con la Rivoluzione francese e la Rivoluzione industriale, oggi l'accelerazione, o fretta, nelle sue tre componenti (sociopolitica, scientifica ed esistenziale), non si protende più, come in passato, verso un futuro ritenuto migliore, ma si rivolge nichilisticamente in sé stessa, svuotata di ogni progettualità per il futuro. Vittime del Mercato globale, che si pasce voracemente del nostro quotidiano tributo consumistico, viviamo oggi in un eterno presente, posseduti da una angosciosa fretta che si avvolge su sé stessa senza speranza in un futuro diverso, perché forse ritenuto peggiore del presente. Una lettura appassionante che arricchisce.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

2,6/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(3)

Voce della critica

Il futuro su cui aveva scommesso la modernit・, "scrutato da noi che veniamo dopo quel futuro", si rivela essersi tramutato, fatalmente, "in un 'futuro passato' che ci siamo lasciati alle spalle". Gli effetti del progresso tecnico, cos・ come l'accelerazione dei ritmi introdotta dalle macchine, diventano letteralmente ingestibili e l'individuo, da loro produttore, ne diventa schiavo; il futuro sembra quindi essere tramontato, e la storia pare essersi pietrificata, "come se il suo 'flusso' fosse andato incontro a un improvviso 'congelamento'". Nell'epoca attuale, che ha smesso di credere nel futuro e nell'esigenza di accelerarne l'avvento, sopravvive solamente una fretta nichilistica, svuotata di ogni intenzionalit・ "futuro-centrica" e sciolta dal riferimento a ogni valore e a ogni progettualit・ trasformativa. Fusaro ha come maestri e ispiratori Enrico Donaggio e Costanzo Preve, ma deve molto anche a Gianni Vattimo. Scrive: "Secondo la formulazione di Gianni Vattimo, il postmoderno deve essere inteso non come un 'superamento' (ワberwindung) del moderno, ossia come una effettiva soluzione dei problemi da esso lasciati incompiuti, ma piuttosto come una consapevole quanto disincantata 'rinuncia' (Verwindung), come una messa in congedo della costellazione moderna in quanto tale: dunque, come una volontaria rinuncia alle promesse inevase della modernit・, in una rassegnata accettazione del mondo cos・ com'・". Fusaro sembra confluire in quella schiera di critici postmoderni che formulano diagnosi severissime, terribili, radicali, accompagnate per・ da una contestuale, convergente e complementare affermazione di immodificabilit・ della realt・ presente. Pur con enorme rammarico, essi ci invitano ad "acquisire consapevolezza", rassegnandoci'・ renderci pi・ tristi e pi・ saggi, lasciando sorgere, negli ''''''''

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Diego Fusaro

1983, Torino

Attento studioso della “filosofia della storia” e delle strutture della temporalità storica, con particolare attenzione per il pensiero di Fichte, di Hegel, di Marx e per la “storia dei concetti” (Begriffsgeschichte) tedesca. Ha curato l’edizione bilingue di diverse opere di Marx. Ha inoltre dedicato quattro studi monografici all’interpretazione del pensiero marxiano e ai suoi nessi con l’idealismo fichtiano e hegeliano: Filosofia e speranza (2005), Marx e l’atomismo greco (2007), Karl Marx e la schiavitù salariata (2007), Bentornato Marx! (Bompiani, 2009). Tra i suoi altri scritti si ricordano inoltre Il futuro è nostro. Filosofia dell'azione (Bompiani, 2014) Pensare altrimenti (Einaudi, 2017), Il nuovo ordine erotico....

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore