Nuove storie dalla corte di mio padre

Isaac Bashevis Singer

Traduttore: M. Biondi
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
In commercio dal: 21 marzo 2003
Pagine: 240 p.
  • EAN: 9788850203123
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    01/11/2013 21:28:57

    Il Beth-Din, una istituzione ormai scomparsa, era l'antico tribunale rabbinico: il luogo nel quale si cercava di coniugare la Legge della Torah scritta, e della Torah orale o Talmud, con la vita di tutti i giorni. A Varsavia, ai primi del Novecento, il Beth-Din era presieduto dal padre di un grande scrittore, Isaac B. Singer. Il Beth-Din aveva la sua sede nella casa in cui abitava la famiglia Singer, Via Krochmalna, situata nel ghetto, che con i suoi cortili, i suoi animali domestici, le botteghe, i bordelli, le case di preghiera, si può ben dire appartenga lla storia della letteratura ebraica scritta in yiddish. La porta si spalancava, e , dal buio, entrava in casa chi veniva a chiedere un giudizio. La descrizione del postulante, o dei contendenti, costituisce la prima parte del racconto: mogli, mariti, giovani esaltati, promessi sposi, spose mancate, spose zoppe, anziani coniugi in vista di divorzio, poveri, ricchi. In casa ci sono tre persone: il rabbino, sua moglie e, nascosto dietro i libri per ascoltare non visto, il piccolo Isaac B. Singer. L'esposizione della controversia è il nucleo centrale della narrazione, la storia. Una riflessione finale, del padre, della madre e del fanciullo, o un aggiornamento di li a qualche anno a seguito della sentenza, è l' epilogo. Il modello ripetitivo è fondamentale: il lettore ha l'impressione di assistere a una celebrazione liturgica eterna. D-o è buono, molto buono. Gli uomini sono molto fragili, peccatori, imperfetti. Così D-o, poiché è inquieto con gli uomini, tarda a mandare loro il Mashiach (il Messia promesso). Però, nell' attesa, non rinuncia a guardare gli uomini dall'alto, a scrutare tutte le loro debolezze e, magari, a dettare qualche parola di saggezza o di perdono. Insomma, D-o è lontano ma anche vicino alla sua creatura di fango: la condanna e la protegge. In quest'ambiguità della misericordia e della lontananza, nella penombra morale, è nascosta una luce pura e infinitamente saggia.

  • User Icon

    Fabrizio Porro

    01/11/2013 20:51:47

    Il Beth Din, una istituzione ormai scomparsa, era l' antico tribunale rabbinico ovvero il luogo ove si cercava di coniugare la legge della Torah scritta, e della Torah orale o Talmud, con la vita di tutti i giorni. A Varsavia, ai primi del Novecento, il Beth Din era presieduto dal padre di un grande scrittore yiddish, Isaac B. Singer. Il Beth Din aveva la sua sede nella casa in cui abitava la famiglia Singer: una strada, Via Krochmalna, situata nel ghetto, che con i suoi cortili, i suoi animali domestici, le botteghe, i bordelli, le case di preghiera si può ben dire appartenga alla storia della letteratura ebraica scritta in yiddish. La porta si spalancava e, dal buio, entrava in casa chi veniva a chiedere un giudizio. La descrizione del postulante, o dei contendenti, costituisce la prima parte del racconto: mogli, mariti, giovani esaltati, promessi sposi,spose mancate, spose zoppe, anziani coniugi in vista di divorzio, poveri, ricchi. In casa ci sono tre persone: il rabbino, sua moglie e, nascosto dietro i libri per ascoltare non visto, il piccolo Isaac B. Singer. L'esposizione della controversia è il nucleo centrale della narrazione, la storia. Una riflessione finale, del padre, della madre e del fanciullo, o un aggiornamento di li a qualche anno a seguito della sentenza è l' epilogo. Il modello ripetitivo è fondamentale: il lettore ha l'impressione di assistere a una celebrazione liturgica eterna. D-o è buono, molto buono. Gli uomini sono fragili, peccatori, imperfetti. Così D-o, poiché è inquieto con gli uomini, tarda a mandare loro il Mashiach (il Messia promesso). Però, nell'attesa, non rinuncia a guardare gli uomini dall'alto, a scrutare tutte le loro debolezze e, magari, a dettare qualche parola di saggezza o di perdono. Insomma, D-o è lontano ma anche vicino alla sua creatura di fango : la condanna e la protegge. In quest'ambiguità della misericordia e della lontananza, nella penombra morale, è nascosta una luce pura e infinitamente saggia.

Scrivi una recensione