IBS presenta

Il caso Aldo Moro
Quarant'anni dalla vicenda

A quarant'anni dal sequestro di Aldo Moro, una delle pagine più brutte della nostra storia politica e sociale, abbiamo pensato ad una selezione di libri e film per comprendere meglio la figura del politico e il mistero intorno al suo rapimento e alla sua scomparsa.
Dal sequestro alla morte, ripercorriamo anche i 55 giorni che hanno cambiato la storia italiana attraverso saggi e testimonianze. Per non dimenticare il Presidente della DC e i cinque agenti rimasti coinvolti nell'attentato.

2 LIBRI E 1 FILM DA NON PERDERE

Per conoscere Aldo Moro e capire a fondo l'accaduto

SAGGI E TESTIMONIANZE

I libri scritti da Aldo Moro e i saggi sul suo sequestro, le motivazioni e le conseguenze

LIBRI VINTAGE

Per rivivere pienamente quegli anni, una selezione di libri rari e introvabili, in edizioni retrò, su Aldo Moro

CHI ERA ALDO MORO?

Un breve excursus per ripercorrere la vita di uno dei maggiori politici italiani

Aldo Moro è stato una figura di spicco nella politica italiana della seconda metà del Novecento. Tra i fondatori della Democrazia cristiana e suo rappresentante nell’Assemblea costituente, ne divenne segretario nel 1959. Attivo fin da giovane tra le file politiche, come presidente della FUCI e del Movimento laureati cattolici, ricoprì diverse cariche ministeriali (Grazie e Giustizia nel governo Segni, della Pubblica Istruzione in quelli Zoli e Fanfani e degli Esteri per diverse legislature) fino ad arrivare ad essere Presidente del Consiglio dal 1963 al 1968 e nel periodo 1974 – 1976. Grande politico e innovatore, era convinto che per migliorare la situazione italiana fosse necessario trovare un compromesso con il partito comunista. Nel giorno in cui si sarebbe dovuta firmare la fiducia al primo governo con il sostegno dei comunisti, Aldo Moro viene rapito dalle Brigate Rosse lungo la strada verso il Parlamento. Nella mattina del 16 marzo 1978, in via Fani, le auto in cui viaggiavano Aldo Moro e la sua scorta caddero in un agguato in cui persero la vita i cinque uomini delle forze dell’ordine: i tre agenti della Polizia  Raffaele Iozzino, Giulio Rivera, e Francesco Zizzi, e i due carabinieri Oreste Leonardi e Domenico Ricci. Tenuto in ostaggio per i successivi 54 giorni, le forze dell’ordine nazionali e internazionali non riuscirono a identificare il luogo in cui era detenuto. Esso fu identificato solamente tempo dopo il ritrovamento del cadavere di Moro, rinvenuto nel baule di una Renault 4 in via Michelangelo Caetani. Durante il periodo di prigionia, fu sottoposto a vari interrogatori e stilò una serie di dichiarazioni rimaste in gran parte ignote fino a molto tempo dopo la sua morte. Personaggio di importanza fondamentale per la politica di quegli anni, sono state poste molte domande sul perché del suo rapimento, sulle persone coinvolte e sulle conseguenze che ebbe la sua scomparsa. Il sacrificio di Aldo Moro e degli uomini della sua scorta, come per altre tragedie nella storia italiana e internazionale, rimane macchia indelebile della politica e della cultura nazionale.