Opere - Sylvia Plath - copertina

Opere

Sylvia Plath

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: A. Ravano
Editore: Mondadori
Collana: I Meridiani
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 15 ottobre 2002
Pagine: CLXVIII-1811 p., Rilegato
  • EAN: 9788804503187

23° nella classifica Bestseller di IBS Libri Classici, poesia, teatro e critica - Poesia - Antologie di poesia

Salvato in 97 liste dei desideri

€ 80,00

Solo una copia disponibile

+ 7,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il volume dei Meridiani raccoglie l'intera opera poetica di Sylvia Plath, con testo a fronte, secondo l'edizione definitiva dei "Collected Poems" curata da Hughes nel 1981. Sono inoltre inclusi nel volume il romanzo autobiografico "La campana di vetro" e un'ampia selezione di racconti e di pagine tratte dai "Diari". La raccolta, curata da Anna Ravano, contiene un'introduzione firmata da Nadia Fusini.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Davide

    21/09/2019 14:36:04

    Sylvia Plath è, a ragione, una dei poeti più noti di sempre, sia per i suoi testi, sia per la sua tragica storia. Il peso del suo privato con un altro famoso poeta, Ted Hughes, non è da considerarsi però solo, appunto, come un fardello, perché, da poetessa confessionale qual era la Plath, nelle sue poesie trasuda per forza di cose tutta la sua vita. "Per le radici dei capelli mi afferrò un qualche dio/ sfrigolai nei suoi volt azzurrini come un profeta nel deserto./ Le notti sparirono di scatto come palpebra di lucertola/ un mondo di giorni bianchi e nudi in un’orbita senza ombra./ Una noia d’avvoltoio mi affissò in questo tronco./ Se lui fosse me, farebbe ciò che feci." Basterebbero questi versi, una magistrale trasposizione dell'esperienza dell'elettroshock, a dare l'esempio della capacità della Plath di rendere bello l'orribile, di rielaborare anche il dolore più grande, di comunicare tutto e di più, ad ogni costo. Grandiosa.

  • User Icon

    sissi 77

    06/02/2003 15:24:14

    in una parola fantastica !un talento ai massimi livelli .mi sono avvicinata per puro caso a questa autrice incuriosita da alcuni riferimenti alla sua travagliata esistenza letti su un quotidiano.consiglio di avvicinarsi ad essa cominciando subito dalle opere per entrare appieno nell'atmosfera plathiana (mi si conceda il termine ).un 'artista di razza che ha saputo cogliere e rappresentare le nevrosi collettive di un' epoca !sicuramente una lettura triste ma avvincente che permette di analizzare e meditare un po 'la fatica di vivere . . con kerouac la + grande del panorama americano del 900

  • Sylvia Plath Cover

    Poetessa statunitense. Dopo gli studi universitari allo Smith College, ottenne una borsa di studio in Inghilterra dove conobbe il poeta Ted Hughes, che sposò nel 1956. Le durezze della vita domestica e lo scarto tra la prigionia della condizione femminile e l'ardore della ispirazione poetica le si rivelarono presto insopportabili. Morì suicida a soli 31 anni. Al momento della morte aveva già pubblicato la raccolta "Il colosso" (1960) e il romanzo autobiografico "La campana di vetro" (1963). Ma il meglio della sua produzione, raccolto dopo la morte a cura del marito nel volume "Ariel" (1965), in "Alberi invernali" (1971) e "Attraversando l'acqua" (1971), appartiene al periodo estremo e più solitario della sua vita.Assurse a simbolo di tutte le rivendicazioni femministe. Approfondisci
Note legali