Origin. Ediz. speciale

Dan Brown

Editore: Mondadori
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
  • Pagine della versione a stampa: 560 p.
    • EAN: 9788852082900

    nella classifica Bestseller di IBS eBook - Narrativa straniera - Thriller e suspence - Thriller

    Disponibile anche in altri formati:

    € 15,99

    Venduto e spedito da IBS

    13 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      Enrico

      11/12/2017 08:41:51

      Davvero una delusione. Nulla a che vedere con gli altri libri e con le altee avvenute di Robert Langdon. In molti punti libro palloso, dove Brown spende pagine e pagine per parlare di concetti tanto fumosi ed assurdi che davvero fai fatica a leggere e seguire. Davvero con questo libro Brown ha toppato (almeno per me).

    • User Icon

      Alessandra Neri

      08/12/2017 08:34:56

      Il solito Dan Brown, adatto a chi non è abituato a leggere buona letteratura. Ma può essere un inizio. Grandi vendite come al solito e grande promozione, tutto come previsto. Lo trovo deludente, più o meno come gli altri di questo autore, che però è bravissimo ed ha trovato un filone di grande interesse.

    • User Icon

      Ros

      06/12/2017 15:41:43

      Chi è il vero protagonista di Origin ? Winston! una macchina dall’intelligenza bionica, inventata da Kirsch (a cui però sono dovute anche scelte inquietanti), che, è stato programmato per autodistruggersi tredici ore dopo la morte di Kirsch. È colei che tesse la trama dietro le quinte, il cuore della storia. Credo che se non fosse stato per i complotti e gli inganni escogitati da questa macchina avrei potuto definire il romanzo piatto. Concordo con chi ha affermato che il personaggio del professor Robert Langdon sia stato in assoluto il più noioso e poco avventuroso In conclusione posso dire che non è il più bel libro che abbia scritto Brown ma non mi sento di sconsigliarlo anche perché ho trovato una nota estremamente positiva. La risposta alla domanda DOVE ANDIAMO? è un messaggio ottimistico a favore degli sviluppi ipertecnologici e delle supermacchine informatiche che sempre più modificheranno la nostra vita. Sta all’uomo trovare il giusto equilibrio.

    • User Icon

      daniele

      05/12/2017 12:04:08

      Parabola discendente per Brown. In questo poi il finale è quanto meno imbarazzante. L'unico che si salva è il robot intelligente. Scritto bene per carità ma che fatica ad arrivare alla fine.

    • User Icon

      VINCE

      02/12/2017 11:33:43

      Mi sono pentito ancora una volta un libraccio , anzi una coltellata , impossibile da finire noioso scontato una trama assurda ....mai piu Dan Brown

    • User Icon

      Stefano

      30/11/2017 08:15:29

      Comincio dalla fine: spesso succede che dei bei romanzi abbiano un finale deludente; qui invece un romanzo deludente ha tutto sommato un finale interessante. A parte questo, il libro è davvero pessimo: noioso, scontato, pieno di luoghi comuni sulla religione e sulla scienza... per non dire della ciliegina sulla torta del rapporto gay politicamente corretto. Dimenticavo la cosa più irritante in assoluto: gli interventi di Winston, il vero protagonista del libro... beh, francamente patetico come escamotage per dare un senso alla storia.

    • User Icon

      archipic

      27/11/2017 12:52:38

      Non credo si possano dare più di 3 stelle a questo nuovo lavoro di Brown. La trama di per sè potrebbe anche essere interessante ma lo sviluppo risente di molte divagazioni teorico-scientifiche che francamente annoiano un po e narrativamente il tutto appare un po povero. Solo a tratti si riesce a percepire qualcosa dello stile dell'autore. Era lecito aspettarsi qualcosa di più.

    • User Icon

      Delusione

      20/11/2017 08:33:38

      I libri di Dan Brown hanno sempre un parto molto lungo, e questo si è fatto attendere forse anche troppo. Si è rivelato, però, il suo più brutto libro, peggio del "Simbolo perduto" che è tutto dire.

    • User Icon

      Terence

      18/11/2017 12:48:02

      Personalmente lo ritengo più brutto libro di Dan Brown. Il "Codice Da Vinci" e "La verità del ghiaccio" sono lontani anni luce. I gusti sono gusti, ma stavolta Dan Brown sfrutta una idea già utilizzata in un suo precedente lavoro, lasciando di stucco il lettore che pensa "Ancora una volta?". Inoltre questa storia, a causa di un elemento molto importante protagonista fino alla fine, non può essere catalogata nei thriller ma nel genere fantascienza. Molto deluso dal finale che non ha nulla di sorprendente. Lo stile narrativo di Dan Brown è comunque buono ma l'elevato livello di aspettativa per i libri di questo autore mi porta ad un pessimo giudizio di quest'opera.

    • User Icon

      Salvatore Caruso

      13/11/2017 20:28:42

      Sensazionalismo e vecchie teorie scientifiche confuse in un inutile calderone di nozionismo e saccenteria, contro strafalcioni grammaticali e ortografici presenti nella traduzione in italiano.

    • User Icon

      Frankie89

      10/11/2017 22:34:30

      Libro pesante, confusionario, poco scorrevole e poco interessante. Rispetto agli altri con Langdon protagonista (Inferno e Angeli e Demoni su tutti), sembra essere scritto da un altro scrittore. A tratti imbarazzante, è normale anche avere delle aspettative quando leggi determinati nomi; in questo caso non sono state deluse, di più !!!

    • User Icon

      francesco

      10/11/2017 15:18:14

      effettivamente la trama sembra un po' trascinata , e già fa metà libro il finale era prevedibile .. a me ha dato l'impressione di dover necessariamente raggiungere un determinato numero di pagine dilungandosi inutilemente

    • User Icon

      Elisa Rante

      10/11/2017 09:34:11

      ll più stupido e inutile libro di Dan Brown, che solitamente pur con le sue esagerazioni fumettistiche, si fa leggere e avvince. Questo è noioso oltre che pieno di banalità

    • User Icon

      Annalisa

      08/11/2017 20:32:06

      Finalmente dopo le ultime catastrofi letterarie di D Brown trovo una nuova storia che ha mordente..che crea attesa...questa volta son rimasta incollata al libro...mi è veramente piaciuto. Il brogliaccio narrativo è tendenzialmente il medesimo degli altri libri...omicidio...e da lì si parte con la storia...qua ci sono più storie nella storia. Ottima Potenza narrativa ritrovata e ottima conoscenza degli argomenti trattati.

    • User Icon

      Elena

      05/11/2017 21:03:35

      Illeggibile. Scritto male, narrazione spesso interrotta da tirate pseudo storiche o filosofiche che sembrano copiate da Wikipedia, trama sempre identica, ma senza il ritmo narrativo del Codice da Vinci. Veramente illeggibile, si fa fatica ad arrivare alla fine (che peraltro sembra raffazzonata).

    • User Icon

      n.d.

      05/11/2017 20:11:17

      Non il migliore libro della serie ma comunque una piacevole lettura

    • User Icon

      Laura Z.

      03/11/2017 20:09:46

      Sarà che per me Dan Brown equivale ad un marchio di garanzia, ma credo che anche volendo non riuscirei a dare meno di cinque stelline a questo scrittore. Non si tratta di un giudizio a prescindere, tutt'altro; ogniqualvolta leggo un suo romanzo rimango estasiata dall'immensa cultura che dimostra di possedere, nonché dall'incredibile capacità di tessere trame complesse, ma non per questo meno dettagliate o approfondite. Lo stile di scrittura, poi, è qualcosa di divino. Solo Dan Brown riesce a tenermi incollata a 500 e passa pagine prima di arrivare al nocciolo della questione e, sebbene in certi momenti abbia provato quasi frustrazione a causa dell'attesa, dall'altra ho trovato ogni tessera del mosaico narrativo perfetto nel posto in cui l'autore aveva voluto incastonarlo. Personalmente prediligo l'ambito artistico-letterario di opere come "Il codice Da Vinci" o "Inferno", ma proprio per questo devo dare atto all'autore di essere riuscito a catturare tutto il mio interesse di lettrice per una tematica a me meno affine come quella scientifico-matematica, facendomici addirittura appassionare. Lo consiglio a tutti.

    • User Icon

      Luana

      02/11/2017 15:25:10

      Solita diatriba religione-scienza, che naturalmente non può avere una conclusione; soliti inseguimenti attraverso le varie opere architettoniche e non, solita coppia (non più vincente) Langdon-giovane donna attraente; soliti personaggi allo sbando al servizio di questo o di quel gruppo religioso...insomma un libro quasi già letto! Sufficiente, non di più.

    • User Icon

      L'origine scomoda

      01/11/2017 13:57:35

      Appena terminata la lettura e, visto che ho incrociato molti pareri negativi, ovviamente a me è piaciuto, perchè a volte vado controcorrente e ne vado fiera. Non sto a dire che un libro mi è piaciuto solo perchè dicono tutti che è bello o viceversa. Comunque, tralasciando idee religiose perchè sono atea, i romanzi del Dan sono sempre contrastati e un po' contro religione e a me sta bene così. Lo schema è simile ai precedenti. Troviamo nuovamente Robert Langdon in mezzo ai guai, sempre single e circondato da belle donne che non si concedono (difatti l'ho soprannominato nontrombamai) sulla scena di un delitto. Edmond Kirsh, futurolo e genio dell'informatica, amico della calamita attira guai, sta per rivelare al mondo, in un museo di Bilbao, una scoperta sull'origine della specie che sconvolgerà l'umanità: "Da dove veniamo? Dove andiamo?" Prima che questi possa vuotare il sacco, viene freddato con la pistola da un ex militare spagnolo, che poi se la prenderà con Langdon e la bella Ambra Vidal,la direttrice del museo (che è pure fidanzata col principe ereditario. Povero Robert). I due, come succede in tutti i libri, scappano e decidono di scoprire quello che Kirsh aveva intenzione di rivelare. Naturalmente non lo dico qui.

    • User Icon

      Alinghi

      28/10/2017 11:43:41

      Libro mediocre, ben scritto ma trama banale, scontata, non sempre ben amalgamata. Finale scontato, viene dipinto un futuro che è gia il ns presente da anni. Qualche buono spunto c'è, attorno alle solite presenze quali Chiesa, misteri, donna bellissima, fuga. Pochi colpi di scena, ma nel complesso un libro leggibile

    Vedi tutte le 35 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione