Poesie scelte - Giosuè Carducci - copertina

Poesie scelte

Giosuè Carducci

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: L. Baldacci
Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Anno edizione: 1984
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 giugno 1992
Pagine: LXXX-280 p.
  • EAN: 9788804244646
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 9,00

Venduto e spedito da Lin Bookstore

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 7,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

1
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Piero Giombi

    03/06/2013 18:34:58

    Il libro è, per quanto riguarda la prefazione, una derisione di Carducci. Per pochissimi euro in più potete avere l'edizione integrale delle poesie di Carducci, edizioni Newton & Compton. Secondo me, Carducci vale molto più di D'Annunzio, rivalutato per questioni di bassa politica. Almeno Carducci era sincero nella sua retorica (opinione di Benedetto Croce).

  • Giosuè Carducci Cover

    (Valdicastello, Lucca, 1835 - Bologna 1907) poeta italiano. La vita e le opere Suo padre, carbonaro, era medico condotto e Giosue trascorse la fanciullezza in Maremma, prima a Bolgheri e poi a Castagneto. Nel 1849 la famiglia si stabilì a Firenze, dove C. frequentò le scuole degli scolopi; cominciava intanto a delinearsi la sua formazione umanistica attraverso una serie sterminata di letture: tra i latini Orazio, Virgilio, Ovidio; tra i moderni Alfieri, Foscolo, Leopardi; e in tale linea s’inseriva anche, precoce, l’avversione per Manzoni e il manzonismo. Nel 1853 entrò alla Scuola normale di Pisa, dove si laureò nel 1856 con una dissertazione sulla poesia cavalleresca. Passò quindi a insegnare retorica alla scuola secondaria di San Miniato al... Approfondisci
Note legali