Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

L' imputato - Eleonora Carta - copertina

L' imputato

Eleonora Carta

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Collana: First
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 30 giugno 2016
Pagine: 513 p., Rilegato
  • EAN: 9788854190733
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 6,90

spinner

Disponibile in 3 gg lavorativi

Solo una copia disponibile

+ 7,60 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


"Ti prego vieni subito. La vogliono uccidere. Vieni al Cimitero degli Impiccati".

È una giornata come tutte le altre quando l'avvocato Anna Ferrari riceve questa telefonata da uno sconosciuto. Poche parole, in un italiano incerto, che però Anna non se la sente di ignorare. Si precipita al cimitero, ma quando arriva ormai è troppo tardi: a terra giace il cadavere insanguinato di una donna. Le indagini scattano immediatamente e portano all'arresto di un ragazzo marocchino che si trovava nei pressi della scena del delitto e aveva addosso tracce di sangue. In commissariato Hamid si rifiuta di parlare e chiede solo dell'avvocato Ferrari. Anna decide di fidarsi di quel ragazzo che lavora da tempo al mercato, non ha precedenti e si professa innocente. Inizia così la sua personale indagine sulla vittima, una giovane somala che frequentava un centro di accoglienza. Ma le ricerche di Anna danno fastidio a qualcuno... Qualcuno che preferirebbe chiudere la questione facendo ricadere la colpa dell'omicidio su un imputato perfetto...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,33
di 5
Totale 3
5
0
4
1
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    roberta

    19/09/2019 16:40:29

    Anna Ferrari, avvocatessa, riceve una telefonata che le preannuncia una morte. Si ritrova sul luogo del delitto mentre arriva la polizia e l'uomo che l'ha chiamata viene arrestato. Indecisa se assumerne la difesa, si barcamena con l'amico poliziotto per far chiarezza sulle dinamiche del delitto. Un libro poco scorrevole, molto tecnico (in particolare quando parla dell'Islam e della sua dottrina), manca di suspence

  • User Icon

    vio

    07/03/2019 18:52:44

    Il libro inizia da questa strana telefonata. Le domande sono spontanee: perché lei? Perché avvisarla di un crimine? Perché non chiamare la polizia direttamente? Anna con queste domande e dubbi, inizia la sua indagine per capire come difendere quel ragazzo di cui lei si fida, crede innocente. Mette assieme indizi, parla con persone e cerca di conoscere meglio la comunità islamica di Torino e tutta la rete di persone che comandano, che usano gli altri, per poter trovare il responsabile della morte di quella ragazza e per poter scagionare il suo assistito. Le indagini diventano sempre più strane, per me. Si parte da un omicidio e si arriva a parlare di sofismo, filosofia e lettura e interpretazione del Corano, si parla di esoterismo, di organizzazioni simili alla massoneria, tutto nascosto, nessuno sa nulla, eppure qualcuno sa tutto quello che accade, dove e quando. Messaggi con minacce, aiuti che riceve da non si sa chi, inseguimenti e poi un’indagine che sembra da film americano stile FBI e CIA. Purtroppo le indagini procedono velocemente, senza delle spiegazioni e senza particolare attenzione ai personaggi, a cosa ne pensano, a come si sentono a intraprendere quel viaggio pericoloso. SI parla di alcuni personaggi senza però spiegare la loro relazione con la protagonista, senza dire ciò che è accaduto prima e cosa ha portato ad avere quel rapporto. Una trama interessante, un finale strano e diverso con tanto potenziale, però anche con tante domande ancora aperte, senza spiegazioni troppo precise e con poca attenzione verso certi personaggi.

  • User Icon

    SALVO

    19/09/2018 16:24:18

    Scritto BENE. avevo già letto "La consistenza dell'acqua" della stessa autrice e "L'imputato" mi è parso sicuramente più maturo e meglio articolato rispetto al primo. La vicenda sentimentale della protagonista è vissuta in maniera più adulta e meno isterica dell'altro. Intrigante ed attuale il riferimento alle nostre città ormai multietniche e all'incontro tra le diverse culture. Le descrizioni sono minuziose e non prolisse, i rimandi al primo romanzo sono voluti ma si può leggere tranquillamente anche senza aver letto il primo romanzo della serie. A mio parere la serie potrebbe evolversi in bene, ossia, ci sarebbero tanti punti che suggeriscono che la vicenda non si sia conclusa nel finale, che comunque è davvero appagante e non scontato a mio parere. Da leggere, sicuramente.

  • Eleonora Carta Cover

    Laureata in giurisprudenza, ha sempre creduto che sarebbe diventata un avvocato. Invece, vive tra Torino e la Sardegna e si dedica completamente alla scrittura. Del 2014 è La consistenza dell'acqua. Le indagini di Giovanni Rizzo e Cesare Sermonti, legal-thriller ambientato a Torino, edito per Newton Compton. Nello stesso anno il suo racconto "Ultima notte nella vecchia casa" appare nell'antologia Delitti di Capodanno (Newton Compton). Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali
Chiudi