-15%
I napoletani - Francesco Durante - copertina

I napoletani

Francesco Durante

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Neri Pozza
Collana: Bloom
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 17 novembre 2011
Pagine: 333 p., Brossura
  • EAN: 9788854505292
Salvato in 11 liste dei desideri

€ 14,45

€ 17,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

I napoletani

Francesco Durante

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


I napoletani

Francesco Durante

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

I napoletani

Francesco Durante

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 17,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In teoria, esiste un'identità napoletana forte, sedimentata nel corso di oltre due millenni, irrobustita da una grande tradizione culturale, contaminata dagli apporti più vari, fissata in una lingua ricchissima, in una copiosa letteratura e in migliaia di famose canzoni. In pratica, esistono i napoletani di oggi, afflitti da tanti problemi annosi e irrisolti, e animati da incrollabili speranze di riscatto. Hanno conservato una buona parte del loro retaggio storico e culturale, e sono in fondo "antichi" come la loro città, però tendono sempre più rapidamente a conformare i loro comportamenti e desideri, il loro immaginario e perfino il loro modo di esprimersi a quelli degli abitanti di qualsiasi altra città del mondo. Francesco Durante divide il suo libro in due parti intitolate per l'appunto "Teoria" e "Pratica", sforzandosi di farle dialogare, di mostrare come la seconda riesca ancora a esibire qualche elemento di originalità inequivocabilmente partenopea. Ne nasce un libro vivace e curioso, fondato su una ricchissima documentazione che disegna percorsi sorprendenti nella storia e nella cronaca di Napoli. Un libro che riesce a tenersi a distanza di sicurezza dal luogo comune e che continuamente sollecita e appaga la curiosità del lettore intorno al "mistero" della napoletanità che, nonostante tutto, nonostante la sua possibile riduzione a una condizione puramente spirituale o fantasmatica, ancora sa parlarci con accenti di profonda umanità.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Fra i tanti destini di Napoli rientra anche quello di essere stata raccontata, almeno fino a tre quarti dell'Ottocento, quasi esclusivamente attraverso le scritture dei suoi visitatori. A riprova: mentre le altre grandi capitali del XIX secolo (Parigi, San Pietroburgo, Londra, Vienna) diventavano incubatrici di romanzo e romanzieri, Napoli si limitava a offrirsi come occasione di resoconto o materia di stucchevoli baedeker. Tant'è vero che, intorno alla città, veniva a costituirsi e consolidarsi un intero genere letterario: la memorialistica da viaggio che ha, come tratto identificante, quello di essere memoria e scrittura degli "altri". Vale a dire dei viaggiatori stranieri nel loro rapporto con un esotismo alle porte dell'Europa. Ciò mentre i grandi letterati napoletani (da Basile a Marino fino a Vittorio Imbriani) davano vita alle loro ubriacanti avventure nella favola, nel mito, nella forma più stravagante ed eterodossa. Cosa ne è derivato? L'invenzione di Napoli, ormai inscindibile da ogni tentativo di riepilogare e reinterpretare la città. È questo il motivo per cui I napoletani di Francesco Durante, libro solo in apparenza asistematico, non può esimersi dal fare i conti, nella sua sezione introduttiva, con la letteratura da viaggio e le sue mitografie da Grand Tour, anche sulla scia della lezione di Attanasio Mozzillo e Gino Doria. Sta di fatto, però, che negli ultimi quaranta, cinquant'anni la proporzione fra narrazioni coloniali e autoctone si sia invertita, dando luogo a un proliferare di scritture locali cui si fa fatica a tenere dietro (e a tenere insieme, vista la loro lussureggiante pluralità). L'impressione, in un certo senso, è quella di un'esuberanza euforica derivante dalla prospettiva di emanciparsi dal condizionamento – dal malocchio, verrebbe da dire − dello sguardo altrui, per impadronirsi di uno sguardo proprio. Un processo che avrebbe trovato il suo compimento, sotto il profilo della risonanza editoriale, in Gomorra. Ed è proprio rapportandosi al racconto-reportage di Saviano, del resto, che Durante definisce, per contrasto, il senso e il tono del suo stesso lavoro. Lo fa, con un tocco di understatement, attribuendo alla propria fatica lo status di allegato al macrofenomeno editoriale Gomorra. Ma pecca di modestia derubricandosi in questo ruolo. Perché, in verità, sia I napoletani che il suo precedente e fortunato Scuorno andrebbero, casomai, inquadrati come un complemento al best seller di Saviano. In primo luogo perché Durante, con un gioco di lenti e messe a fuoco che alternano oggi e ieri, cerca di dare una profondità storica "di lunga durata" a quanto, in Saviano, si risolveva programmaticamente nel piano tutto narrativo e sincronico del qui e ora. In secondo luogo perché Saviano affrontava il monstrum della città e del suo incombente, minaccioso retroterra prendendoli di petto, in un corpo a corpo senza esclusione di colpi reciproci. Laddove Durante preferisce insinuarsi nelle sconnessure che rendono Napoli così incongrua o nelle giunture delle narrazioni che l'hanno reinventata e deformata. Volendo sintetizzare in una formula, se Gomorra ambiva a essere la rappresentazione di un inferno, la Napoli di Durante si configura piuttosto come l'esplorazione di un purgatorio. E la metafora purgatoriale prende corpo proprio in una delle sezioni meglio risolte del libro. Quando l'autore, dispiegando tutti gli strumenti del narratore-cronista di gran razza, evoca la lenta, combattuta risalita di Gaetano Di Vaio verso un'ipotesi di luce: dalla predestinazione a un ruolo di deviante di piccolo cabotaggio fino all'attuale condizione di film-maker e produttore. Qui il registro di Durante, che è stato per diverse pagine quello di un excursus storico-letterario denso di corporalità, succhi e sapori, si approssima a una docu-fiction ben lontana dalle rappresentazioni di Napoli come feticcio negativo, di volta in volta da patire o, invece, da esorcizzare. Sotto questo profilo Durante non è un osservatore che si torca dal pathos né, tantomeno, uno scrittore che torca il viso dall'altra parte. Semmai, tiene a conservare una propria, inconfondibile andatura da flâneur disincantato ma niente affatto cinico, sia quando annusa le budella della letteratura erotica napoletana, sia quando si avventura nei budelli dei Quartieri Spagnoli. In quest'ultimo caso armato principalmente della capacità interpretativa di un antropologo ben consapevole, con Aby Warburg, che "Dio si nasconde nei dettagli" (come pure il demonio, aggiungerei). Un antropologo che non condanna né assolve in modo aprioristico; che non si scandalizza, ma è ben lontano dal compiacersi; che conosce come pochi le mitografie sulla "furfanteria" napoletana e, proprio per questo, ne risulta ampiamente immunizzato. Un antropologo immunizzato, ma non mitridatizzato rispetto ai veleni di Napoli, che riesce sempre a riconoscere come tali (provando a scomporne, quando possibile, la micidiale formula chimica). Ne risulta, alla fine, un procedere in equilibrio e in bilico, molto simile al passeggiare con un monociclo lungo la tensione di filo, oscillando fra gravità e levità visti come contrappeso l'una dell'altra. Il tutto, però, senza far trasparire la fatica e fingendo, anzi, che questa esibizione di alta classe avvenga senza sforzo né pena. Si tratta, viceversa, di un numero che può diventare rovinoso. Durante, anche stavolta, non è caduto. Vladimiro Bottone
  • Francesco Durante Cover

    Francesco Durante nasce sull'isola di Capri, ma trascorre l'infanzia e l'adolescenza in Friuli, per poi laurearsi in letteratura italiana all'Università di Padova.La sua carriera di scrittore inizia nel 1974, quando viene assunto come giornalista dal quotidiano «Messaggero Veneto» di Udine; proseguì quindi nelle redazioni di altri quotidiani. Negli anni Ottanta, ormai giornalista affermato, diventa redattore capo di tre periodici: «Grazia», «D - la Repubblica della donne» e «Marie Claire». Tra il 2001 e il 2012 è a capo della redazione di Napoli del quotidiano «Corriere del Mezzogiorno».Alla carriera da giornalista si affianca quella di traduttore dall'inglese: sono sue le versioni italiane di sette romanzi di... Approfondisci
Note legali