-15%
Diluvio di fuoco - Amitav Ghosh - copertina

Diluvio di fuoco

Amitav Ghosh

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Neri Pozza
Collana: Le tavole d'oro
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 22 ottobre 2015
Pagine: 703 p., Brossura
  • EAN: 9788854502222
Salvato in 39 liste dei desideri

€ 15,72

€ 18,50
(-15%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Diluvio di fuoco

Amitav Ghosh

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Diluvio di fuoco

Amitav Ghosh

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Diluvio di fuoco

Amitav Ghosh

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 18,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Capitolo finale dell’epica trilogia della Ibis, con la sua imponente ricostruzione storica e il suo ritmo da avvincente romanzo d’avventura, Diluvio di fuoco mostra come la grande narrativa sia in grado di illuminare il senso più profondo degli eventi della Storia attraverso le vite e il destino di personaggi indimenticabili.

«Un capolavoro… Diluvio di fuoco non è soltanto il frutto di un’immaginazione letteraria, ma anche l’esercizio di una profonda e originale riflessione storica» - Chris Clark

«Il capitolo finale di una straordinaria trilogia» - Guardian

È il 1840 a Canton e l’opera del commissario Lin, inviato dall’Imperatore a porre fine al contrabbando dell’oppio per salvare le terre del Celeste Impero, ha già mutato il volto della città. Dell’antica Fanqui-town, l’enclave straniera, è rimasto poco o nulla. La factory britannica, un tempo l’edificio più affaccendato e grandioso dell’enclave, è chiusa e sbarrata, le verande deserte, le lancette dell’orologio del campanile ferme. I mercanti inglesi sono stati espulsi; non prima, però, d’aver consegnato l’intero carico celato nelle stive delle loro navi. Le confische imperiali cinesi, tuttavia, non passano affatto sotto silenzio a Londra. Troppo importante l’oppio per le casse della regina, e troppo grandi e innumerevoli le opportunità di profitto in quella zona del mondo, per non scatenare una guerra sotto l’insegna della libertà di commercio. Gli uomini della Ibis – ciurma, passeggeri e coolies – si ritrovano nel cuore del conflitto sotto bandiere diverse, a rappresentare le opposte culture, tradizioni, costumi in gioco in quel confronto globale. Convinto che una spedizione britannica, favorita dal denaro dei mercanti, possa non soltanto generare enormi profitti, ma inaugurare anche un nuovo tipo di guerra in cui gli uomini d’affari siano protagonisti a pieno titolo, il proprietario della Ibis, Mr Burnham, spedisce la goletta, carica d’oppio, nelle acque del Mar Cinese Meridionale. E nomina commissario di bordo l’americano Zachary Reid, risoluto nel suo nuovo compito al servizio degli inglesi, ma sempre ossessionato dal ricordo dell’enigmatica Paulette Lambert. Neel, l’ex raja di Raskhali caduto in rovina e artefice di una rocambolesca fuga dalla Ibis in compagnia di un gruppo di detenuti, i famigerati coolies, sceglie, invece, la sponda opposta, e a Canton figura tra gli informatori di rilievo del commissario Lin, e del suo tentativo di dotare la marina del Celeste Impero di imbarcazioni adeguate al confronto con la potente flotta britannica. Perso ogni contatto col padre, Raju, il figlio di Neel, parte alla volta di Canton deciso a ritrovarlo e finisce arruolato come pifferaio nella Bengal Native Infantry, il corpo dei sepoy nelle cui fila milita, orgoglioso e impettito nella sua impeccabile divisa, l’havildar Kesri Singh, fratello di Deeti, la vedova ribelle. Il giovane lascaro Jodu, infine, convertitosi agli insegnamenti del Profeta, decide di combattere dalla parte degli infedeli che adorano idoli e animali piuttosto che di quelli che adorano macchine e bandiere.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,83
di 5
Totale 6
5
2
4
2
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giamba

    16/05/2017 16:39:32

    Ultimo libro della serie dell’Ibis. Troppe le vicende narrate, troppi i personaggi di cui occorre ricordarsi la storia e la provenienza. Si fa veramente fatica a seguire l’intreccio e la trama del romanzo. Finale piuttosto deludente.

  • User Icon

    Gianfranco

    31/08/2016 08:42:55

    Ho letto tutti e tre i libri in breve tempo, inframmezzandoli con poche altre letture per non perdere il filo della storia, e pur essendo passati più di 2 mesi dalla conclusione continuo a portare con me i tanti personaggi di questa epopea. 1800 pagine in tutto non sono poche, a volte (soprattutto nel secondo volume) il ritmo rallenta un pò e il tutto diventa pesante, ma resta un'opera meravigliosa, che ti prende e ti entra dentro, lasciandoti una grande nostalgia e un senso di vuoto nel momento in cui termina, e ne senti subito la mancanza. Splendide le descrizioni, eccezionale il linguaggio e complimenti ai traduttori che hanno saputo trasmettere una musicalità unica, e perfetta la caratterizzazione dei personaggi. Impegnativo ma ne vale la pena! Bellissimo

  • User Icon

    Leonardo de chanaz

    06/07/2016 23:12:09

    Innanzitutto complimenti per la traduzione. Linguaggio ricco e brillante. Il romanzo che chiude la trilogia di Amitav Gosh, è pirotecnico nel finale e gli intrecci, sempre a tre fili, questa volta sono pieni di colpi di scena. Qui introduce una versione più carnale dell'amore, in una dose molto godibile e con delle astuzie deduttive davvero originali. La storia è potente, l'analisi dei motivi che scatenano la guerra è così attuale che fa pensare alla Colombia dei narcos. Solo che qui i narcos sono gli inglesi, Mi ha affascinato e lo consiglio.

  • User Icon

    ales

    13/03/2016 23:22:11

    E' finita, la trilogia giunge al termine dopo una lunga attesa. Finale col botto? Forse, Ghosh difficilmente delude, certo è che le lacune sono molte. In ogni caso si fa leggere senza noia e con parecchi colpi di scena. Menomale

  • User Icon

    giorgio g

    04/03/2016 10:11:01

    Finalmente! Finalmente ho finito di leggere, con un sentimento di vero sollievo, la trilogia di Amitrav Ghosh, una trilogia che definirei, vista la nazionalità dell'autore, in salsa curry. E' tempo di bilanci: dopo un primo volume ("Il mare di papaveri"), ambientato sulle sponde dell' Hoogly che bagna Calcutta, nel quale si assiste alla partenza della nave Ibis che porta con sé i destini dei protagonisti ed un secondo ("Il fiume dell'oppio") lievemente più piacevole dove la scena si sposta alla Cina delle guerre dell'oppio ecco il terzo volume ("Diluvio di fuoco") in cui i diversi (troppi!) personaggi della saga si ritrovano tra Macao ed Hong Kong per andare incontro ai loro destini. Così Deeti, Zachary, Mr e Mrs Burnham, Ah Fatt, l'havidar Kesri Singh, Seth Bahram, Shireen, Paulette, Kalua, Jodu, Freddie Lee, il capitano Mee e innumerevoli altri concluderanno la loro storia, alcuni anche la loro vita su questa terra (non dirò chi per rispetto di chi vorrà avventurarsi nella lettura). Dirò soltanto che anche in questo volume finale della trilogia non mancano le descrizioni che fanno desiderare di abbandonare al più presto la lettura per dedicarsi ad un passatempo più piacevole. Aggiungo, per chi desiderasse approfondire l'argomento della nascita di Hong Kong, il bel libro, letto molti anni addietro, "Tai-Pan" di James Clavell e, per chi volesse un'informazione più aderente alla realtà storica delle guerre dell'oppio, l'altrettanto bel libro di Chang Jung "L'imperatrice Cixi". Ed ora mi dedicherò a letture più piacevoli!

  • User Icon

    roberto

    29/01/2016 16:31:16

    In termini di azione e ritmo mi pare il piu' riuscito della trilogia. Certo che con una pubblicazione ogni tre/quatto anni e' difficile mantenere una idea unitaria di tutta l'opera. Le scelte tecniche dei traduttori sono apprezzabili e valide (mantenere gran parte del grammelot linguistico in originale) ma per fare le cose bene era indispensabile aggiungere un minimo di glossario in coda al libro.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
Con la pubblicazione di Diluvio di fuoco, Ghosh porta a compimento la Trilogia dell'Ibis, il lavoro di un decennio, cominciato con la stesura di Mare di papaveri, uscito nel 2008, e proseguito con Fiume d'oppio nel 2011. Il primo volume si svolgeva tra le piantagioni e le fabbriche di oppio del Bihar e la città di Calcutta, per finire in mezzo all'Oceano Indiano, dove tutti i protagonisti si erano ritrovati a bordo della stessa nave, la Ibis appunto, diretta alle isole Mauritius con il suo carico umano di migranti, marinai lascari e deportati. Nel secondo volume tornavano in scena solo alcuni dei personaggi che avevano animato la storia, e la narrazione si concentrava invece su Seth Bahram, un mercante d'oppio di famiglia parsi, che si trovava a fronteggiare il blocco delle transazioni economiche voluto dalle autorità cinesi nel 1839. In Diluvio di fuoco la tensione che era montata nei mesi precedenti scoppia come una tempesta in quella terribile operazione militare che prenderà il nome di prima guerra dell'oppio, grazie alla quale gli inglesi strapparono Hong Kong alla Cina e imposero ai celesti l'acquisto dell'oppio che le autorità avevano cercato di bandire. La maggior parte dei personaggi dell'Ibis, cui si aggiunge un nuovo formidabile protagonista, il fratello di Deeti, Kesri Singh, si ritrova di nuovo, questa volta in Cina tra Canton e Hong Kong, a causa delle operazioni militari. L'oppio, che aveva segnato i loro destini con la forza di una congiuntura astrale, torna ad unirli, li fa scontrare, amare e odiare, e muta radicalmente le loro personalità: la pia Mrs Burnham diviene amante di due uomini, il buon Zachary (e questo è il momento più triste dell'intera vicenda) viene corrotto dalla ricchezza, Jodu diventa un fondamentalista, Nabob Kissin, come un novello Tiresia di eliotiana memoria, sembra l'unico che capisce la portata distruttiva di quello che avviene e cerca a modo suo di accelerare gli eventi verso la fine del Kali Juga, una sorte di apocalisse dopo la quale potrà cominciare una nuova età dell'oro. Chi era rimasto affascinato dalla vividezza dal dettaglio storico, che è una delle cifre stilistiche di Ghosh, non verrà deluso da Diluvio di fuoco. Mentre il primo volume conduceva il lettore nei campi e nelle fabbriche di oppio e il secondo lo portava nelle tredici hong, le residenze dei mercanti fuori dalla città di Canton, Diluvio di fuoco lo guida attraverso gli accampamenti dei sepoys – i soldati indiani al servizio degli inglesi – li segue nelle loro marce, nei loro alloggi fino sui campi di battaglia, dove il fischio delle palle si confonde con il suono dei pifferi usati per impartire gli ordini. I dettagli materiali sono tutti rigorosamente autentici, ma purtroppo non è giunto fino a noi alcun diario o alcuna lettera che ci possa illuminare su come si sentissero i soldati indiani impiegati nelle spedizioni fuori dal loro paese; così l'autore si è rivolto ai diari e alle lettere dei soldati indiani che avevano servito in Mesopotamia durante la prima guerra mondiale per non dipendere solo dalla propria immaginazione, sempre precisa e mai arbitraria. Diluvio di fuoco non solo conclude la storia dell'Ibis raccontando cosa il destino abbia in serbo per alcuni dei personaggi, ma dà anche un senso alla lettura della trilogia, cui ora possiamo guardare come opera compiuta e non più in fieri. Ogni parte di cui la narrazione si compone, dunque non solo i tre volumi, ma anche i capitoli al loro interno, acquista un significato più stabile grazie alla certezza dei rapporti con l'intero. Si può dire che con la pubblicazione di Diluvio di fuoco, anche Mare di papaveri e Fiume di fumo si comprendano meglio. Ciò di cui il lettore di Fiume di fuoco si rende conto con sorpresa è che, nonostante le oltre duemila pagine di narrazione, non si trova tra le mani un'opera che si debba leggere come un romanzo, ma piuttosto come una short story. Certamente la short story più lunga della narrativa mondiale (finora il record era probabilmente detenuto dall'Ulisse di Joyce), ma pur sempre una short story. È difficile dire se durante la stesura dei tre volumi della storia dell'Ibis la poetica di Ghosh sia mutata ovvero se l'autore avesse in mente fin ab initio i dettagli della vicenda e la forma dell'opera. Mare di papaveri appariva come la prima puntata di un romanzo storico molto ampio che, come il precedente Palazzo degli specchi, assumeva anche il carattere della narrazione famigliare e che avrebbe dovuto coprire la storia di molte vite in parecchi decenni. I primi capitoli di Fiume di fumo, con la storia di Seth Bahram, un personaggio mai incontrato prima, potevano essere una delle molte digressioni che Ghosh ama inserire nei suoi romanzi, ma con la conclusione del secondo volume si affermava l'idea che un romanzo storico famigliare di quella ampiezza non era sostenibile e che qualcosa andava cambiando nel progetto della trilogia. La scrittura di Ghosh aveva imboccato una via che esigeva non solo un immane sforzo immaginativo, ma insieme a esso una tale ricchezza e precisione di dettagli e una tale messe di informazioni storiche da rendere impossibile il progresso della narrazione o il suo compimento nell'arco di una normale vita umana. Sembrava quasi che Ghosh fosse in difficoltà con il suo stesso racconto, che qualcosa gli impedisse di procedere più spedito riassumendo e omettendo qualche dettaglio per giungere alla fine. Il rischio avrebbe potuto essere un romanzo senza proporzioni, come quelle serie enciclopediche che cominciano con A-B nel primo volume per concludersi con O-Z al volume tre. Ghosh invece ha saputo rendere la lentezza una caratteristica dominante della sua prosa, facendo di necessità virtù. Intendiamoci, la narrazione non è lenta: ci sono scene d'azione con un ritmo estremamente serrato, scene di battaglia che ricordano Guerra e pace, alternate a sequenze decisamente umoristiche, come la liason tra Zachary e Mrs Burnham o i disegni arcani di Nabob Kissin. La lentezza sta altrove, e anche in questo caso Ghosh ci ricorda Tolstoj, nel riempire la storia di personaggi le cui vite parallele si dipanano quasi ignare della portata storica delle loro piccole azioni. Perché i grandi movimenti storici, sembra sostenere Ghosh, sono il prodotto di tante piccole azioni orientate nello stesso verso senza che chi le compie si renda davvero conto della portata di quello che sta succedendo. La Trilogia dell'Ibis non è dunque la storia dei suoi personaggi, di Deeti, Zachary, Mr Burnham, Ah Fatt, Seth Bahram, Shireen, Paulette, Kalua… che pure appassionano il lettore. Il vero protagonista della trilogia è la storia, così come il paesaggio dei Sunderban era stato il vero protagonista del Paese delle maree. Come capita spesso nei racconti modernisti, Ghosh ha scelto una breve tranche de vie del suo personaggio principale, la storia appunto; un passaggio cruciale, epifanico, del suo sviluppo per dare il senso di una vita che proprio da quel momento verrà determinata. La storia della modernità dura diversi secoli e si dipana in diversi continenti: se la storia degli ultimi cinque secoli potesse essere un romanzo, la parte che ne racconta Ghosh non può che essere una short story. La narrazione della trilogia copre infatti circa tre anni della storia del mondo moderno, tre anni in cui non si sono verificate grandi scoperte geografiche, in cui non si sono combattute guerre mondiali, non si sono compiute grandi rivoluzioni. L'unico evento degno di nota è una remota guerra tra l'Inghilterra e la Cina, che andrà sotto il nome di prima guerra dell'oppio. Un evento che i più nemmeno sanno sia mai accaduto e di cui quasi tutti ignorano i dettagli. Perché allora, ci si può chiedere, Ghosh ha scelto di parlare proprio di oppio e di quel periodo? Perché esso è secondo l'autore uno dei momenti cruciali della modernità, quando l'Occidente ha imposto con la forza il "libero" scambio e il "libero" commercio all'Oriente. Il modello capitalista, consumistico e voluttuario che caratterizza le economie moderne, e che sta conducendo il pianeta al collasso, si è affermato esattamente in quegli anni, quando l'occidente ha esportato il proprio modello di vita imponendolo all'Asia. La modernità, le guerre mondiali, la globalizzazione, la penuria di risorse energetiche, e persino il surriscaldamento del pianeta dipendono tutto sommato dalla spinta propulsiva e aggressiva del capitalismo ottocentesco. Se l'autore di una short story riesce a dare il senso di una vita raccontandone solo poche ore, questo è possibile grazie alla sua capacità di rendere l'intensità di quelle ore. Ghosh immagina l'intensità di quei pochi anni di storia raccogliendo dettagli con una cura quasi maniacale e componendo con essi un gran numero di vite diverse. Poiché non vi è personaggio in un racconto che non sia fatto di parole, anche a queste Ghosh ha dedicato la stessa cura che ha rivolto alla storia navale o militare. Le lingue e i linguaggi, con i loro impasti sonori sottendono diverse culture, diverse ideologie, diverse sensibilità e non sono certo la parte meno affascinante della ricerca storica di Ghosh, anche se forse la più ardua da tradurre. Molto bene hanno fatto allora i due traduttori, Anna Nadotti e Norman Gobetti, a confermare anche per il terzo volume un modo di lavorare destinato a fare scuola, lasciando parti del testo come sono nell'originale e facendo riferimento non a un italiano letterario standard bensì ai molti possibili italiani: tecnici, gergali e letterari del passato e del presente. Sarebbe interessante leggere il diario di bordo dei due traduttori; la ricerca e l'invenzione linguistica sono un riflesso della ricerca storica e dell'invenzione romanzesca tout court e un tale diario ci sarebbe davvero prezioso.   Alessandro Vescovi
  • Amitav Ghosh Cover

    Scrittore, giornalista e antropologo indiano. Ha studiato a Oxford e vive tra la sua città natale e New York. Considerato «uno dei più grandi scrittori indiani» (la Repubblica), è autore di numerosi libri di cui si citano: Il cerchio della ragione (Garzanti, 1986), Le linee d’ombra (Einaudi, 1990), I fantasmi della signora Gandhi (Einaudi, 1996). Per Neri Pozza ha pubblicato: Il paese delle maree (2005, 2015), Circostanze incendiarie (2006), Il palazzo degli specchi (2007), Il cromosoma Calcutta (2008), Mare di papaveri (2008, 2015), Il cromosoma Calcutta (2008), Lo schiavo del manoscritto (2009), Il fiume dell'oppio (2011), Diluvio di fuoco (2015), La grande cecità (2017), L'isola dei fucili (2019). Approfondisci
Note legali