Accattone

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1960
Supporto: DVD

100° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Drammatico

Salvato in 58 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 7,27 €)

Nella degradata periferia romana un giovane sfruttatore di borgata decide di fare carriera anche come criminale. La sua prima impresa è destinata a concludersi tragicamente.
4,83
di 5
Totale 6
5
5
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    max

    13/05/2020 09:20:52

    Film poetico, toccante, magnifico. Con questa sua opera prima Pasolini entrò di diritto nella hall of fame dei registi più grandi di ogni epoca. In poche parole, fate entrare nelle vostre case questo grandioso capolavoro.

  • User Icon

    Dalle letteratura al cinema

    11/05/2020 20:35:07

    Per fortuna che ppp non era un mestierante, un neorealismo in ritardo ma non inferiore

  • User Icon

    L'Autore

    28/10/2019 22:40:01

    Mai vista un'opera prima del genere,fa invidia anche al miglior Scorsese(quello di RE PER UNA NOTTE e Taxi Driver per intenderci). Lo vidi tanti anni fa prima di dedicarmi alla recitazione,non ho mai dimenticato questa pellicola. Peccato che un grande regista come Pasolini sia stato così criticato e dimenticato. La storia di Cataldi (interpretato da Citti), in arte accattone è quella di un uomo medio italico che vive di espedienti(insomma è un omuncolo che cerca di tirare a campare come può), tradisce, sfrutta una donna di facili costumi, tenta di corrompere una donna per i suoi loschi scopi, si atteggia come un farfallone ma è solo un povero disgraziato fallito,combina guai con dei ladri e alla fine, perde la vita in modo davvero stupido. Film duro come dura è anche la vita di questo personaggio delle periferie romane e della borgata. Film veritiero sulla condizione italiana,tratta temi che sono ancora di grande attualità. Non fatevi scappare questa pellicola di questo grande regista super apprezzato in ogni paese del mondo(tranne che in Italia). CAPOLAVORO

  • User Icon

    L'Autore

    25/10/2019 20:32:35

    Mai vista un'opera prima del genere,fa invidia anche al miglior Scorsese(quello di RE PER UNA NOTTE e Taxy Driver per intenderci). Lo vidi tanti anni fa prima di dedicarmi alla recitazione,non ho mai dimenticato questa pellicola. Peccato che un grande regista come Pasolini sia stato così criticato e dimenticato. La storia di Cataldi (interpretato da Citti), in arte accattone è quella di un uomo medio italico che vive di espedienti(insomma è un omuncolo che cerca di tirare a campare come può), tradisce, sfrutta una donna di facili costumi, tenta di corrompere una donna per i suoi loschi scopi, si atteggia come un farfallone ma è solo un povero disgraziato fallito,combina guai con dei ladri e alla fine, perde la vita in modo davvero stupido. Film duro come dura è anche la vita di questo personaggio delle periferie romane e della borgata. Film veritiero sulla condizione italiana,tratta temi che sono ancora di grande attualità. Non fatevi scappare questa pellicola di questo grande regista super apprezzato in ogni paese del mondo(tranne che in Italia). CAPOLAVORO

  • User Icon

    STEFANO

    19/01/2019 19:09:41

    Grandissimo film di Pasolini in cui viene descritta egregiamente una città dilaniata sia economicamente sia moralmente dalla Guerra e dal post ricostruzione. Eccezionale l'interpretazione di Franco Citti . Il bianco nero dà risalto all'atmosfera del film.

  • User Icon

    Andrea

    01/11/2017 20:15:40

    Il film che segna l'inizio della carriera di Pasolini regista. Non si può prescindere dalla sua visione se si vuol conoscere la poetica di questo autore.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente

Esordio capolavoro dello scrittore Pasolini, una delle opere più rappresentative degli anni '60

Trama
"Accattone" è un "ragazzo di vita": ladro, teppista, magnaccia (quando può) ma un giorno si invaghisce della ragazza che intendeva derubare. Per lei si mette alla ricerca di un lavoro, ma la fatica lo stronca. Ritorna a rubare. Razzia un camion, ma la polizia gli è alle costole. Accattone fugge ma muore durante l'inseguimento. Prima prova registica di Pier Paolo Pasolini, lo scrittore, a quell'epoca, non aveva ancora quarant'anni ma era già molto noto, per i volumi di poesie, i racconti e le sceneggiature dei film di Fellini e Bolognini. Era anche tra i personaggi "pubblici" uno dei più vituperati d'Italia.

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Medusa Home Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 116 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area2
  • Pier Paolo Pasolini Cover

    Pasolini nasce a Bologna il 5 marzo 1922. Per tutta l’infanzia e l’adolescenza segue il padre, ufficiale di fanteria, nei suoi spostamenti, trasferendosi continuamente da una città all’altra del Nord Italia. Nel 1942 a causa della guerra si rifugia nel paese materno, Casarsa in Friuli. Sin da giovane, inizia a scrivere poesie, alternando testi in italiano e in friulano. Nel 1942 esce il suo primo libro Poesie a Casarsa. Nel corso della sua vita l’attività poetica costituirà una costante e porterà alla pubblicazione di alcuni dei più importanti testi della letteratura italiana del Novecento. Nel 1950 Pasolini è costretto a lasciare il Friuli e si trasferisce a Roma. Nel 1955 esordisce nella narrativa con Ragazzi di vita. Parallelamente,... Approfondisci
  • Franco Citti Cover

    Attore italiano. Legato all’universo di P.P. Pasolini e alle sue variazioni, consolida in oltre quaranta film una carriera da autodidatta. Dopo la rivelazione folgorante della maschera di Accattone (1961), in perfetta aderenza al «primitivismo» fotografico del regista, segue la parabola creativa del suo mentore dando volto a Edipo (Edipo re, 1967) e a variegate figure nella «Trilogia della vita». Prosegue intanto con vitalità tragica e autentica nella caratterizzazione di personaggi del sottoproletariato, inaugurando con Ostia (1971) il cinema viscerale e istrionico del fratello Sergio, di cui resta naturale protagonista fino a I magi randagi (1996). Approfondisci
Note legali