L' anima del male - Maxime Chattam - copertina

L' anima del male

Maxime Chattam

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 4 febbraio 2009
Pagine: 482 p., Brossura
  • EAN: 9788817028479
Salvato in 14 liste dei desideri

€ 6,48

€ 12,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Joshua Brolin è un giovane detective tormentato e solitario capace di penetrare nella mente degli assassini fino a prevederne mosse e comportamenti. Ha lasciato l'FBI, un ambiente troppo gerarchico e burocratico per un tipo indipendente come lui, e ora insegue il male nelle strade di Portland. La città è sconvolta dal ritrovamento di cadaveri mutilati secondo un preciso rituale: mani tagliate di netto e viso sfigurato da messaggi cabalistici segnati con l'acido, simili a quelli che si lasciava dietro il cosidetto Boia di Portiand, fino al giorno in cui è stato ucciso. Joshua Brolin e Juliette Lafayette, la studentessa in psicologia che un anno prima stava per diventare una vittima del Boia, lottano contro il tempo per scavare nei meandri del male e trovare il mostro, che li sfida con lettere di minaccia in cui cita versi dell'Inferno dantesco. Un noir duro e agghiacciante che imprigiona il lettore nelle profondità del male.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,87
di 5
Totale 15
5
7
4
2
3
4
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Vincenzo

    08/01/2018 11:00:28

    Niente di indimenticabile ma neppure da disprezzare. Per questo genere gli ingredienti sono sempre un serial killer ben celato, un'indagine non sempre lineare, molti colpi di scena e personaggi convincenti. C'è tutto questo ben mescolato ma il sapore è quello di un dejà vu, ben raccontato ma pur sempre già visto.

  • User Icon

    andrea

    04/11/2017 12:44:59

    thriller interessante, crudo, non consigliato a chi si lascia impressionare facilmente. buona opera prima ma non eccellente. per tutta la durata del libro ho sempre avuto una fastidiosa sensazione di forzatura. dai dialoghi, alla storia personale dei personaggi, ad alcuni passaggi che sembra servano più ad allungare il brodo che non alla storia in sé. non c'è un lieto fine ed è positivo ma troppo scontato e affrettato il finale.

  • User Icon

    Filippo

    18/12/2015 10:31:59

    Sono stato tratto in inganno dalle numerose recensioni positive di questo libro. In realtà, l'ho trovato piuttosto scontato sia nello svolgimento che nel finale, con una caratterizzazione dei personaggi a tratti anche un po' ridicola (la storia d'amore tra i due protagonisti principali si intuisce fin dalle primissime pagine, così come la figura del giovane futuro procuratore che vuole dire sempre e comunque la sua sulle indagini diventa irritante), I dialoghi risultano spesso veramente elementari. Il finale, poi, è quanto di più lontano dalla realtà e dal buon senso si possa immaginare, con la ragazza scampata quasi per caso mesi prima da un brutale omicida che lo va a cercare da sola in un casolare abbandonato nel bosco (e ovviamente lo trova pronto ad accoglierla)! Ultima osservazione: se leggete la presentazione del libro nella quarta di copertina, sappiate che siete già arrivati a metà del libro!

  • User Icon

    Gabriele

    04/09/2015 22:55:59

    Strepitoso! Un autentico viaggio all'Inferno senza via di uscita (per il protagonista del romanzo e per il lettore)......

  • User Icon

    vittorio

    04/09/2014 22:15:56

    Strepitoso!! Il primo di Chattam che leggo...il primo dei tanti che leggero' in futuro!! Storia avvincente, una lama che penetra nella tua pelle, una storia veloce, adrenalinica, con personaggi ben curati, colpi di scena, violenza e suspance dalla prima all'ultima pagina.... Da leggere assolutamente!!

  • User Icon

    Massimo F.

    10/07/2013 16:40:30

    Indubbiamente quanto a ritmo e tensione si tratta di un thriller più che buono. L'autore è in grado di sviscerare (è proprio la parola giusta) da par suo la genesi e l'attuazione di efferati serial crimes, con una cura ed attenzione per i dettagli di assoluto rilievo. Peccato una parte finale (peraltro decisiva ai fini del racconto) un po' affrettata e con qualche passaggio discutibile. Comunque da leggere (per chi non è facilmente impressionabile..).

  • User Icon

    Lorenzo

    02/12/2011 19:50:47

    Bel libro. Scritto bene, ben delineata la psicologia dei personaggi. Esattamente ciò che ci si aspetta da un thriller.

  • User Icon

    stefano130

    28/07/2011 14:25:53

    appassionante e ottimamente scritto, questo noir è stato una vera e propria sorpresa. Tornavo a casa dal lavoro e riprendevo subito a leggere questo libro. L'ho consigliato a molti amici e tutti hanno avuto la stessa positiva impressione. da leggere assolutamente

  • User Icon

    simone

    14/02/2011 23:01:22

    Mi è stato consigliato da un amico amante del genere come me, devo dire che mi ha appassionato molto, molto scorrevole e un gran finale! Complimenti a Chattam! Consigliatissimo.

  • User Icon

    alfrespo

    13/02/2011 18:27:59

    Molto fluido, prevedibile ma con un finale inatteso. Mentre leggevo ho avuto il piacere di andare a guardare bene l'ambientazione: le descrizioni sono intriganti.

  • User Icon

    terry

    12/09/2010 21:40:42

    veramente intrigante, con suspense e una fine non proprio prevedibile. Grande thriller da leggere se amate la Reichs e la Cornweell. Non è mai banale anche se ci sono altri scrittori altrettanto interessanti.

  • User Icon

    marco77

    31/08/2010 19:47:43

    un grande scrittore, trhiller crudo ma mai banale ed ora sotto con IN TENEBRIS caro brolin!

  • User Icon

    Roby87

    17/07/2010 19:39:46

    Ottimo esordio di Chattam...storia credibile, suspance, colpi di scena, ottimi personaggi: gli ingredienti giusti per un buon thriller...peccato un po per il ritmo che rallenta in capitoli banali e inutili su Juliette e sulle continue (forse troppe) ripetizioni; peccato anche per la mancanza di humor che in un thriller, specie macabro come questo, nn guasta mai. Ho apprezzato moltol, invece, magari a differenza di altri lettori, la crudeltà del romanzo, le descrizioni, i dettagli, insomma è questo che rende un thriller veritiero!!! Nel complesso un ottimo libro, viene voglia di arrivare presto alla fine.

  • User Icon

    gabri23

    24/06/2010 20:14:56

    Lo sapete che cosa è il bello?. Voi vi potete sedere, che so...in metro??sull'autobuss?? o meglio. Sedetevi su una bella panchina in un giardino.Circondatevi di sconosciuti:bambini che giocano, pancioni alle prese con il jogging, anziani mano nella mano.Tutta questa in consapevole gente, non si potrà mai.E dico mai.Immaginare in che INCUBO piomberete, leggendo questo libro da urlo e sturbo.La gente sarà sempre là, al sicuro a vivere la propria vita. E voi lettori invece sarete qua.Qua in catene, a scontare le vostre colpe.Qua.Dritti, dritti all'INFERNO. Occhio ragazzi. Attenti a non bruciarvi.

  • User Icon

    wehrkelt

    22/09/2009 00:01:40

    Se amate la caccia ai serial killer più mostruosi, se pensate che la Cornwell e la Reichs siano troppo tenere, è il libro che fa per voi. Se invece amate il giallo d'indagine, tipo A. Christie o E. Queen,se non vi interessano le descrizioni di organi sanguinolenti, evitatelo accuratamente. Tra l'altro, la soluzione è così banale che sarebbe evidente dopo poco pagine anche per l'ispettore Clouseau, quello della Pantera Rosa.

Vedi tutte le 15 recensioni cliente
  • Maxime Chattam Cover

    Durante l'infanzia ha soggiornato a lungo negli Stati Uniti. A Portland nell'Oregon, in cui ha vissuto nel 1987, ha ambientato il suo primo romanzo. Dopo aver frequentato il liceo a Herblay, si è iscritto alla facoltà di lettere moderne all'università di Parigi, città in cui, sognando in quegli anni di fare l'attore, ha seguito dei corsi di recitazione, ottenendo anche piccoli ruoli in televisione o per la pubblicità. Nei primi anni Novanta inizia la sua attività di scrittore di romanzi con forti richiami a Stephen King. Scrive poi anche per il teatro, ma vede nei romanzi gialli e polizieschi il suo futuro di scrittore. Proprio per acquisire competenze, frequenta per un anno un corso di criminologia all'università... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali