La donna perfetta

Ira Levin

Editore: BEAT
Collana: SUPER BIS
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 28 agosto 2018
Pagine: 183 p.
  • EAN: 0001121469066
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

È il 1972, e New York un luogo sporco e pericoloso per crescerci dei figli. Così Joanna Eberhart, moglie, madre e fotografa, si trasferisce con la famiglia nell'idillica cittadina di Stepford. Joanna una giovane americana degli anni Settanta, figlia di un'epoca in cui le femministe mettono al bando busti, giarrettiere e reggiseni e si ribellano all'ingrato destino di graziosi angeli del focolare. Naturale dunque che, una volta a Stepford, stringa amicizia con Bobbie e Charmaine, le sole donne che, arrivate anche loro da poco nella ridente cittadina, appaiono emancipate e brillanti come lei. Nella linda Stepford, infatti, le mogli sembrano tutte stranamente calme e organizzate, deliziose e avvenenti, come splendide bambole agghindate in modo impeccabile. Bambole insulse che adorano fare shopping, pulire la casa e piegarsi senza batter ciglio ai voleri dei loro uomini. Un weekend trascorso in compagnia dei rispettivi mariti restituisce tuttavia a Joanna un'altra Bobbie e un'altra Charmaine: due zombie carine e benvestite che, come due perfette mogli di Stepford, scodinzolano servizievoli al seguito dei loro uomini. Un evento inspiegabile, misterioso quanto il circolo maschile che si erge sulla collina di Stepford frequentato dal marito di Joanna. Si dice che uno dei membri sia un esperto di materie plastiche, un altro un pioniere della tecnologia robotica. Introduzione di Chuck Palahniuk.

€ 6,45

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Anna Elisa

    20/09/2018 11:52:25

    Ho letto da poco questo libro di Ira Levin dopo aver apprezzato la trasposizione cinematografica con Nicole Kidman che ancora oggi rimane uno dei miei film preferiti. La storia è quella della piccola comunità di Stepford che sembra essere rimasta congelata negli anni'50, dove le donne sono tutte bellissime, casalinghe perfette concentrate solo sulla casa e sulla famiglia, senza altre aspirazioni se non utilizzare i migliori prodotti per cucinare e pulire le loro dimore. Joanna e il marito Walter insieme ai due figli, si trasferiscono in questa cittadina e Joanna comincia a sentire un forte senso di disagio nell'avere a che fare con queste creature/mogli che sembrano uscite da una pubblicità, impeccabili, che non hanno cognizione di cosa sia l'indipendenza e l'emancipazione femminile. Quando anche la sua amica Bobbie, unica donna che sembra "normale" a parte lei, sembra essere trasformata in una perfetta "moglie di Stepford", Joanna farà di tutto per venire a capo del mistero che pesa sulla cittadina, e per scoprire cosa accade nel Club degli uomini sulla collina, alle cui riunioni anche Walter sembra ormai prendere parte. La lettura è stata scorrevole: la scrittura di Levin è diretta, pulita, e la cosa che ho più apprezzato, come anche nella Jackson, è che niente è apertamente spiegato. Le descrizioni e le conversazioni tra i personaggi mettono il lettore in uno stato di inquietudine sempre crescente che all'inizio del racconto è appena accennato, ma che man mano comincia a soffocarlo tra sospetti e paure, esattamente come accade alla protagonista. Sicuramente leggerò altro dell'autore, soprattutto mi incuriosisce tantissimo "Rosemary's Baby". Lettura super consigliata.

Scrivi una recensione