Categorie

Paolo Barnard

Collana: Futuropassato
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 346 p. , Brossura

35 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Attivismo politico - Terrorismo, lotta armata

  • EAN: 9788817010641

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    FreeWest

    07/01/2016 18.56.49

    Basta gregge! Io esco dal coro. Un nuovo tassello contro i valori universali creati dall'occidente contro l'integralismo che assale l'Europa dal medio oriente. Viva la libertà dell'occidente.

  • User Icon

    Sebastiano C

    15/06/2013 12.32.21

    Inchiesta giornalistica d'eccezione. Barnard con esperienza ed impegno è riuscito a trovare i documenti, segreti, veri e fotocopiati accanto alle sue tesi, con i quali è riuscito a dimostrare come la storia è tutt'altro che oggettiva, ma raccontata in questo caso dalle nazioni che dominano la scena internazionale. Il terrorismo è sempre esistito, ma mai è stato combattuto quando camminava strettamente con gli interessi economici e finanziari degli USA. E' un libro non Anti Americano, ma dimostra come chi ha odio verso l'America non lo fa per strane ideologie, ma l'odio seppur "ingiustificato e non tollerato" è conseguenza ed effetto delle cattiverie degli altri, in questo caso di noi Occidentali, avari di un benessere basato purtroppo anche sul malessere degli altri.

  • User Icon

    Francesco

    12/04/2013 01.17.22

    Barnard è un vero giornalista, ha fatto e fa vera informazione. Un libro che non ha ricevuto lo spazio che doveva, un libro in cui Paolo denuncia i crimini commessi dai sionisti: crimini sempre oscurati in occidente. Un occidente di cui in questo libro si evince la parte criminale ingiustamente mai mostrata e condannata. Ritengo che questo libro debba diventare un testo scolastico.

  • User Icon

    j

    06/11/2012 12.29.20

    Un libro fondamentale, lo dovrebbero far leggere nelle scuole... smaschera tutte le ipocrisie dell occidente, personalmente sono rimasto a bocca aperta da quello che ho scoperto.. impressionante

  • User Icon

    giorgio

    11/11/2010 13.04.10

    Sono pochi quelli rimasti fuori dal coro, quelli che fanno vera informazione. Barnard è uno di questi, purtroppo viene messo da parte appunto per le cose che denuncia, come tutti gli altri. Un libro che dovrebbero leggere tutti per capire quanto male noi occidentali stiamo facendo a tutti i poveri del mondo in primis ma anche a noi stessi.

  • User Icon

    fabriziocardinale@tin.it

    11/11/2009 09.56.19

    testo molto interessante

  • User Icon

    Johnny

    15/09/2009 23.47.30

    Un testo fuorviante nella sua interpretazione della Storia contemporanea. Io chiedo a Paolo Barnard: gli ebrei,recuperata la loro Patria da appena 60 anni, dovrebbero semplicemente porgere la guancia ai nemici del Vicino e Medio Oriente, che ne minacciano l'esistenza? Dovrebbero restare indifesi come lo furono durante la Seconda Guerra Mondiale? Lo sa, Paolo Barnard, cosa successe DOPO il ritiro militare americano dal Vietnam?Centinaia di migliaia di profughi,i boat-people, a mollo nei mari dell'Estremo Oriente, per sfuggire ai "fratelli comunisti".Quando la Signora Thatcher,nel 1980, parlò del problema umanitario all'allora premier sovietico, egli le rispose, sprezzante, che si trattava di drogati(!!!). Terzani, resipiscente del suo Antiamericanismo, che furoreggiò nell'Europa e nel mondo, capì l'abbaglio intellettuale di simpatizzare coi vietcong,ignorandone la sanguinarietà.

  • User Icon

    Alessandro

    24/03/2009 12.02.36

    Un ottimo lavoro, scritto in modo molto scorrevole e integrato con interessante documentazione. Sicuramente un lavoro accessibile a tutti, e al tempo stesso preciso nella citazione delle fonti e ricco di approfondimenti. Il libro acquista tanto più valore se si considera che tra i giornalisti italiani, ma in generale tra i giornalisti, son ben pochi quelli capaci quanto Barnard di dare una lettura così disincantata e ricca di profondità storica di certi fenomeni politici e sociali contemporanei. In questo, ricorda soprattutto certe celebri opere del giornalismo anglosassone. Mi auguro che abbia una vasta diffusione, perché i lavori di questo tipo sono, a mio avviso, altamente educativi. Per informarsi e conoscere si possono trovare diversi libri di storia, scritti da specialisti degli orientamenti più diversi, ma per rimanere saldi e consapevoli al cospetto del mare di notizie, spesso intenzionalmente e accuratamente artefatte, che ci travolgono quotidianamente, torna utile anche abituarsi al giornalismo serio e sano, che indirettamente evidenzia le colpevoli e gravi mancanze di gran parte del mercato dell'informazione.

  • User Icon

    Matteo

    12/11/2007 19.38.13

    Un testo inquietante per la radicale lucidità e per la forza della documentazione blindata... In certe parti davvero insuperabile... leggetelo!

  • User Icon

    Roberto

    16/10/2007 18.19.37

    libro molto fluente e interessante...finalmente un libro di vera informazione, da consigliare a tutti coloro che non si rassegnano all'idea di credere alle "notizie" dei media quotidiani, a dire il vero ormai anche scomparse! comunque Barnard, e anche Fornoni nell'ultimo capitolo, riescono a rivelare cose fin'ora sentite troppo poco e troppe poche volte! voto alto meritato!

  • User Icon

    Gianmarco

    18/06/2007 18.08.57

    Un plauso a Barnard per aver dato voce a verità scomode e sempre tenute nascoste per non ledere gli interessi dei famigerati "esportatori di democrazia" (???). Quelle contenute nel libro sono notizie che dovrebbero comparire su tv e giornali per far comprendere alla gente come gira realmente il mondo. I terroristi non sono solo islamici, ma anche e forse soprattutto occidentali.

  • User Icon

    daniele

    16/01/2007 18.27.55

    Libro decisamente da consigliare! Contiene molte informazioni indedite per noi grande pubblico dei media. Molto documentato. Complimenti all'autore.

  • User Icon

    Pierluigi

    15/01/2007 13.03.44

    NOn credo si debba aggiungere altro alle precedenti recensioni degli amici lettori. Basta guardare i voti. Su 10 rece 9 votano il massimo. Ho letteralmente divorato il libro in 2 giorni e devo dire che anche se molte cose le conoscevo già (almeno sul conflitto arabo-israeliano) è stato davvero un pugno nello stomaco. Lo consiglio a tutti gli ipocriti di ispirazione "liberista" o "neocon" che non sanno guardare oltre il naso di Emilio Fede. Leggetelo! Magari ricominciate a mettere in moto il cervello! Che credo vi si sia leggermente atrofizzato a furia di credere alle favolette del Cavalier Banana e dei suoi cari amici.

  • User Icon

    Davide

    02/12/2006 09.14.47

    In questo libro l'autore si occupa principalmente di Stati Uniti, Israele, Gran Bretagna e Russia. Nella copertina c'è scritto: Se vogliamo sconfiggere il terrorismo dobbiamo smettere di essere terroristi. E fermare Stati Uniti, Israele, Gran Bretagna e Russia. Le prove, le storie e i documenti. Particolarmente interessante è l'utilizzo da parte dell'autore di rapporti top secret della Cia, per avvallare le sue tesi(infatti riesce benissimo ad avvallarle ndr). Questo è un libro che non può mancare nel bagaglio di chi ama l'informazione alternativa(che è, di solito, la più corretta)contro l'informazione bombardante dei mass-media. Molto utile ed interessante l'analisi storica del conflitto israelo-palestinese, poichè è un'analisi abbastanza sintetica ma comunque molto precisa ed utile. Inoltre il libro tratta la questione delle dittature in America Latina e l'innegabile coinvolgimento americano... Questo è un libro coraggioso, ritengo il più coraggioso che io abbia letto negli ultimi anni, ma soprattutto è un libro di denuncia delle politiche estere di quei paesi da noi considerati sani e democratici che oggi si sono messi nella "Guerra al Terrorismo Globale", ma che forse sono i primi ad essere veramente terroristi(particolarmente interessante la strage di El Mozote finanziata dagli americani di cui si parla nel libro ndr). Questo libro ve lo consiglio vivamente sia per le sue denuncie che per la sua validità storico-giornalistica. Cordialmente Davide Santoro

  • User Icon

    Alberto

    25/11/2006 14.23.57

    Se ne sentiva il bisogno di un libro di tale qualità. Gli argomenti trattati non sono particolarmente nuovi, ma quello che rende eccezionale questo libro, è la cura e l'approfondimento con cui sono stati esposte tutte le argomentazioni e le accuse rivolte verso le politiche estere dei paesi occidenta, la documentazione in proposito è impressionante e proveniente da fonti inattaccabili. Se ci si vuole fare un'idea seria e ponderata su una parte importante della situazione globale odierna, questa è una lettura vivamente consigliata!

  • User Icon

    nisia spedicato mamma di ale rascazzo

    28/10/2006 23.38.19

    Bravo Barnard!Libro coraggioso illuminante le menzogne mediatiche sulle guerre e i potenti mistificatori che le promuovono.L ho letto col cuore e con la mente di Ale.

  • User Icon

    Saveria

    10/10/2006 19.53.06

    sconcertante ma molto istruttivo,quanto meno per rispetto di quelle popolazioni continuamente vittime dei poteri forti. Da leggere per capire.

  • User Icon

    ezio

    03/10/2006 02.53.28

    Indispensabile per chi non ha la minima idea(la grande maggioranza di noi)su cio' che accade in medio Oriente:vera luce in un buio di falsa informazione quotidiana da parte di ogni giornale sia cartaceo che televisivo.

  • User Icon

    biagi

    16/09/2006 16.33.21

    un libro di denuncia,ben scritto e fluente.affronta vari temi sui quali a parer mio inneggia ad un approfondimento!per un incipit e per uno schiaffo in faccia è idoneo!

  • User Icon

    pietro

    06/09/2006 18.05.53

    Un'analisi lucida, seria e approfondita. Fonti precise e tutte verificate (e citate integralmente). Veramente un libro ben fatto ed utilissimo in questi mesi di guerre.

Vedi tutte le 23 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione