La città delle teste di pesce - Teresa Petruzzelli - ebook

La città delle teste di pesce

Teresa Petruzzelli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,58 MB
  • EAN: 9788893231565

€ 9,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Piccole migrazioni nella vita possono provocare grandi sconvolgimenti nell'anima. Questa è la storia di Ninnella (Anna), una giovane donna pugliese di umili condizioni che, lasciando il paese natale negli anni Sessanta per trasferirsi nella vicina “città delle teste di pesce”, perde ogni punto di riferimento per immergersi nel disordine esistenziale, specchio dell’età adulta. Andrà a vivere in una colorata e istrionica famiglia. Gli verrà presentato un uomo complicato, con cui si fidanza ma che in realtà vedrà pochissimo. Anna è una sorta di “innocente” gettata nel caos della vita urbana: la sua inadeguatezza è spiazzante, la sua ingenuità non le vieta di attraversare esperienze difficili e traumatizzanti. La forza di Anna è tutta nel candore e nella testardaggine della sua piccola anima, che le consentiranno di sopravvivere senza mai cadere nei tranelli del destino.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Grazia

    24/06/2017 07:19:40

    Non so se la presentazione del libro è dovuta all'autrice o all'editore in ogni caso leggere "gli verrà presentato" riferito a un personaggio femminile è uno schiaffo linguistico che mi ha fatto desistere dall'acquisto del libro la cui trama mi sembrava interessante. Il linguaggio parlato è una possibile scelta di registro ma è inadatto ad una presentazione ed è segno di dilettantismo.

Note legali