Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Doctor M

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Francia; Italia
Anno: 1989
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 16 liste dei desideri

€ 8,00

Venduto e spedito da OCCHIO AL FILM

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una serie di suicidi mette in allarme la Berlino degli anni Novanta. Le indagini portano a scoprire che il responsabile è un enigmatico dottor Marsfeldtche ipnotizza le vittime prescelte con l'immagine di una bella ragazza che manda in onda sul suo network.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Produzione: IIF Home Video, 2010
  • Distribuzione: RAI Cinema
  • Durata: 90 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: foto; biografie; filmografie
  • Claude Chabrol Cover

    "Regista, sceneggiatore e produttore francese. Appassionato di letteratura poliziesca fin dall’infanzia trascorsa nella provincia francese, ancora studente alla facoltà di lettere collabora ai «Cahiers du Cinéma» insieme a A. Bazin, J.-L. Godard, F. Truffaut e E. Rohmer con il quale, nel 1957, scrive a quattro mani un saggio su A. Hitchcock di cui entrambi sono entusiasti ammiratori. Nel 1958 sceneggia, dirige e produce (grazie a un’eredità ricevuta dalla moglie, l’attrice S. Audran) Le beau Serge (1959), intenso melodramma dalle atmosfere poliziesche, preciso e puntuale nella descrizione dell’ambiente sociale e ricco di notazioni psicologiche, che viene premiato al Festival di Locarno ed è spesso citato come capostipite della futura Nouvelle vague. Il successivo I cugini (1959) mostra ancora... Approfondisci
  • Jennifer Beals Cover

    Attrice statunitense. Matricola a Yale, interpreta l'operaia aspirante ballerina in Flashdance (1983) di A. Lyne, ruolo che le regala una enorme popolarità, poi ridimensionata dalle rivelazioni sull'uso di una controfigura nelle scene di danza più atletiche. Dopo La sposa promessa (1985) di F. Roddam, non riesce più a trovare parti da protagonista. Interpreta sé stessa in un breve cammeo in Caro diario (1993) di N. Moretti e partecipa a Four Rooms (1995) nell'episodio diretto da A. Rockwell. Approfondisci
  • Alan Bates Cover

    Attore inglese. Dopo una lunga attività teatrale, esordisce nelle file del Free cinema con una piccola parte in Gli sfasati (1960) di T. Richardson, ma a donargli notorietà internazionale è il ruolo del cinico arrampicatore sociale in Il cadavere in cantina (1964) di C. Donner. Attore eclettico, dotato di un fisico atletico con un caratteristico volto dagli occhi intensi, dimostra notevoli doti di sobrietà e finezza interpretativa: è l'operaio protagonista di Una maniera d'amare (1962) di J. Schlesinger, il giovane ebreo vittima dei pregiudizi in L'uomo di Kiev (1968) di J. Frankenheimer, il sensuale e ambiguo amante nello «scandaloso» Donne in amore (1969) di K. Russell, l'amante proletario di una giovane aristocratica in Messaggero d'amore (1971) di J. Losey, il marito in crisi della violinista... Approfondisci
Note legali