Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Acciaio - Silvia Avallone - copertina

Acciaio

Silvia Avallone

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: Best BUR
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 21 maggio 2015
Pagine: 357 p., Brossura
  • EAN: 9788817081375
Salvato in 23 liste dei desideri

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Acciaio

Silvia Avallone

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Acciaio

Silvia Avallone

€ 12,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Acciaio

Silvia Avallone

€ 12,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (15 offerte da 11,32 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nei casermoni di via Stalingrado a Piombino avere quattordici anni è difficile. E se tuo padre è un buono a nulla o si spezza la schiena nelle acciaierie che danno pane e disperazione a mezza città, il massimo che puoi desiderare è una serata al pattinodromo, o avere un fratello che comandi il branco, o trovare il tuo nome scritto su una panchina. Lo sanno bene Anna e Francesca, amiche inseparabili che tra quelle case popolari si sono trovate e scelte. Quando il corpo adolescente inizia a cambiare, a esplodere sotto i vestiti, in un posto così non hai alternative: o ti nascondi e resti tagliata fuori, oppure sbatti in faccia agli altri la tua bellezza, la usi con violenza e speri che ti aiuti a essere qualcuno. Loro ci provano, convinte che per sopravvivere basti lottare, ma la vita è feroce e non si piega, scorre immobile senza vie d'uscita. Poi un giorno arriva l'amore, però arriva male, le poche certezze vanno in frantumi e anche l'amicizia invincibile tra Anna e Francesca si incrina, sanguina, comincia a far male. Silvia Avallone racconta un'Italia in cerca d'identità e di voce, apre uno squarcio su un'inedita periferia operaia nel tempo in cui, si dice, la classe operaia non esiste più.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,01
di 5
Totale 253
5
52
4
51
3
51
2
48
1
51
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    dana63

    14/04/2021 09:36:50

    Potente,doloroso,a tratti feroce e brutale, ma anche dolce e commovente. "Cosa significa crescere in un complesso di quattro casermoni da cui piovono pezzi di balcone e di amianto,in un cortile dove i bambini giocano accanto a ragazzi che spacciano e vecchie che puzzano?[...]in un posto dove è normale non andare in vacanza,non andare al cinema,non sapere niente del mondo,non sfogliare i giornali, non leggere i libri e va bene così?" Con uno stile allo stesso tempo asciutto e poetico,parla di periferia,quella di Piombino, dove "da una parte c'è il mare[...]dall'altra il muso piatto dei casermoni popolari", e in estate"il mare e i muri di quei casermoni [...]sembrano la vita e la morte che si urlano contro". Qui la vita ruota intorno alla Lucchini, l'acciaieria con la torre nera che "digerisce, rimescola, erutta" e le ciminiere "che sbuffano fuoco come i draghi";dove "il cielo è una voliera in cui [...]giravano i bracci delle gru,gialli,verdi,tonnellate di metallo vorticavano come uccelli". La vita della fabbrica e quella dell'uomo sono legate crudelmente a doppio filo. La fabbrica che dà lavoro e troppo spesso morte. In questa realtà si muovono le due giovani protagoniste,tra adulti rassegnati,violenti, frustrati spesso impegnati in attività illegali; tra scarsa igiene,scarsa cultura,scarso rispetto di sé e dell'altro, scarso interesse e consapevolezza di ciò che accade fuori dei loro caseggiati e della fabbrica. È la storia di due adolescenti, ma è anche una storia di amicizie, di amori, di miserie, di sogni infranti, di speranze e fallimenti. Si toccano tanti temi:la morte sul lavoro, la violenza domestica,la prostituzione minorile, l'omosessualità. Tante le storie e tanti i personaggi,ognuno ben caratterizzato. Tutte vite che si trascinano all'ombra della fabbrica di acciaio, che ammanta tutto con il suo pulviscolo che satura l'aria.E "di fronte, a quattro chilometri, le spiagge bianche dell'isola d'Elba rilucevano come un paradiso impossibile".

  • User Icon

    VITTORIA

    09/04/2021 09:09:48

    Letto qualche anno fa, sotto consiglio della mia insegnante di italiano di liceo. Una storia di amicizia e di vita che nel corso della lettura ti fa affezionare ai personaggi e vorresti conoscerli davvero.

  • User Icon

    Francesca

    22/03/2021 20:10:29

    Questo libro l'aveva consigliato la mia prof di italiano ed é impossibile da leggere. I primi capitoli erano leggibili, anche se il linguaggio era sempre dispregiativo, deprimente e volgare. Peró, piú si va avanti e piú é difficile seguire il filo della storia, con personaggi che o sembrano comparire a caso per non tornare piú e che sono poco memorabili, o sono semplicemente antipatici e inquietanti, o, nella maggior parte dei casi, entrambi. I capitoli sono anche lunghi e noiosi. Preferirei farmi tutta la Russia a piedi, piuttosto che leggere questo libro. Il libro si prende, peró, un bonus per la rappresentazione LGBTQIA+, che ho apprezzato, nonostante l'abbia trovata un po' sessualizzata e stereotipata.

  • User Icon

    Gaia

    30/12/2020 15:44:58

    Bellissimo libro

  • User Icon

    Titti

    26/12/2020 01:03:23

    2.5 stelle. Molte aspettative per questo bestseller di qualche anno fa, trasposto addirittura in un film (che ho visto e non mi è piaciuto affatto....). Ma tralasciando il film, ben poco riuscito, anche sul romanzo non posso che dare un giudizio neutro. Qui è tutto mediocre, la trattazione delle importanti tematiche trattate (dall'adolescenza alla omosessualità, dall'alienazione della vita di provincia alla alienazione del lavoro in fabbrica, giusto per dirne qualcuno) mai scavata, sempre lasciata in superficie e per frasi fatte, la storia, senza spigoli, la prosa, finto giovane eppure vecchissima nel suo voler essere gggiovane. L'ho letto con piacere, come si può leggere con piacere una bella storiella su una rivista, ma non mi ha lasciato nulla e non ci ripenserò. Appunto, mediocre.

  • User Icon

    ERIKA

    08/10/2020 13:11:40

    "La realtà esige la realtà, vince comunque qualsiasi cosa fai o pensi." Bhè, libro che sicuramente coinvolge, ci si affeziona ai personaggi ed è talmente scorrevole che quasi ti dispiace fionirlo. Consigliato e....brava!

  • User Icon

    Eleo69

    17/09/2020 12:16:15

    Bellissimo libro che racconta una storia realistica, mostrata attraverso gli occhi giovani e adolescenziali dei protagonisti. Il libro ti tiene attaccato fino alla fine e ti fa appassionare dei personaggi e delle loro evoluzioni. È una lettura consigliata e piacevole da affrontare magari in riva al mare durante le ferie estive!

  • User Icon

    GiuliaD.

    26/08/2020 09:11:35

    Libro veramente bello, interessante e non riesco a capire le recensioni negative. Affronta temi ancora purtroppo attuali. I personaggi sono ben distinti e ben sviluppati, nessuno a mio parere è stato messo in un angolino per dare più spazio ad un altro.

  • User Icon

    Angelica GS

    04/08/2020 21:52:09

    Quando lessi questo libro per la prima delle numerose volte che seguirono, mi trovavo pienamente immersa nella parte acerba della mia adolescenza; perciò, la mia età si approssimava bene a quella delle due protagoniste, Anna e Francesca, che la mia mente di allora identificò secondo un'immagine del tutto scandita dalla scrittura di Silvia Avallone, così pervicace e ferrea. Attorno alle due ragazze, un mondo, che a tratti mi feriva, a volte mi rattristava, talora mi si offriva con certi, dolci spiragli di speranza. In ogni caso, niente di quelle pagine (oggi consunte, a forza di ripercorrerle) è smarrito. Lo amai profondamente anni fa, lo vivo con amore ancora oggi, che di anni ne ho venti, e ora che allo sguardo si presentano nuove gemme che alla me lettrice del passato sfuggivano. Una lettura che consiglio davvero e che ha meritato tutta la luce ricevuta.

  • User Icon

    Alessandro

    08/07/2020 09:04:45

    Una buona lettura estiva, da portare sotto all'ombrellone...assolutamente consigliato

  • User Icon

    Paolo

    22/06/2020 07:00:07

    Bellissimo, scritto magistralmente. Una storia che ti cattura dalla prima all'ultima riga. Una lettura come non ne trovato da tempo!!

  • User Icon

    lu

    15/06/2020 10:18:04

    Bellissimo

  • User Icon

    sa

    03/06/2020 18:07:39

    Libro peggiore non si poteva scrivere... contavo le pagine che mancavano per essere finito.

  • User Icon

    Debora

    03/06/2020 16:31:12

    Acciaio è crudo, ti mette a nudo. Ti fa venire la pelle d'oca. Ti fa rabbrividire. Ti cambia. Quando lo cominci vorresti divorarlo.

  • User Icon

    Genny

    23/05/2020 06:50:19

    Ho amato questo libro. Riesce a farti immedesimare nei personaggi, nel contesto, riesce a farti sentire le emozioni, quelle di vivere e crescere in una periferia, riesci quasi a sentire l’afa di quell’estate calda. Una storia drammatica che comprende diverse persone, una realtà difficile, ma scritta benissimo.

  • User Icon

    Rosss

    14/05/2020 16:27:34

    Forse ho letto questo libro in un momento sbagliato, ma l'ho trovato estremamente cupo e angosciane. L'ambientazione è tetra, tra acciaio e cemento, in un'estate afosa che delinea rapporti ambigui e il passaggio non sempre facile dall'infanzia all'adolescenza.

  • User Icon

    vvvale

    13/05/2020 08:33:19

    libro interessante ma troppo pesante, non mi è piaciuto molto ma quwsto non toglie il fatto che sia uno dei libri da leggere assolutamente

  • User Icon

    EleonoraZ

    12/05/2020 19:35:38

    Silvia Avallone sa tuffarsi divinamente nelle dinamiche delle periferie dimenticate: sa farti affezionare a mondi lontani e insospettabili, privi di ogni glamour. E lo fa attraverso una narrazione viscerale che permette di entrare a contatto con personaggi sfaccettati che diventano quasi mitologici. Adoro Silvia Avallone e le sue periferie dimenticate.

  • User Icon

    Daniela

    11/05/2020 16:34:47

    La storia di 2 adolescenti che stanno crescendo nel classico mondo di desolazione delle case popolari di operai che faticano a tirare la fine del mese. e' la storia di 2 ragazze che vivono in simbiosi sino ai primi problemi dovuti ai ragazzi, alla scuola, alla voglia di crescere e scappare. La storia è molto bella anche se il finale, mi ha lasciato un po' con l'amaro in bocca.

  • User Icon

    Antonella

    11/05/2020 14:12:04

    Una scrittura scorrevole per un romanzo brutale e crudo, ma delicato allo stesso tempo. All'amicizia delle due protagoniste si contrappone l'acciaio che le circonda e le storie di degrado della Piombino in cui vivono e crescono. Una storia che lascia l'amaro in bocca e colpisce dritta al cuore per un romanzo assolutamente consigliato.

  • User Icon

    leogaro

    15/04/2020 13:25:45

    Lo stile è semplice, anche troppo. La trama banalizza tutto: il tema degli infortuni sul lavoro, l’11 settembre, la violenza sulle donne… gli stessi personaggi sono tratteggiati psicologicamente in modo superficiale, alcuni ne escono delineati come una somma di stereotipi. Il linguaggio, talvolta, è improprio e quasi fastidioso. Il finale, banale, è un non-finale che sembra possa anticipare un sequel: in caso fosse, so che eviterò di leggerlo! Un libro deludente e sopravvalutato.

  • User Icon

    Andrea

    22/03/2020 10:05:06

    Lettura scorrevole però non mi è piaciuto. Tolta l'ambientazione resta un romanzetto rosa.

  • User Icon

    Meena

    24/02/2020 19:46:05

    Raramente mi è capitato di assistere ad un litigio fra la mia mente ed il mio cuore. Questo libro li ha fatti discutere fin dalle prime pagine. Non conoscevo Silvia Avallone, l'autrice. Ho visto un'intervista in un programma culturale e, avendomi incuriosita, ho acquistato il libro. Doloroso, ruvido, brutale, tenero di una tenerezza infinita. Uno spaccato di due famiglie di Piombino. Un padre operaio brutale ed un altro farabutto, nullafacente. Figlie adolescenti di straordinaria bellezza, piegate da una miseria esteriore ed interiore, ma con sentimenti delicati come sanno essere solo certi adolescenti.... All'orizzonte l'isola d'Elba "dove vanno i ricchi del Nord e di Firenze" e loro in un quotidiano squallido fatto di botte nella prima famiglia e di duro lavoro della madre nella seconda, con il sogno di una "gita all'Elba, l'isola dei ricchi". La mia mente si ribellava alle "miserie" morali degli adulti e il mio cuore gioiva delle emozioni delle giovani, delle loro speranze che una cercherà di soddisfare con lo studio e l'altra perdendosi. L'amicizia che tra gelosie, rotture e infine ricupero davanti alla tragedia, le unirà. Ammetto: ho odiato ed amato questo libro, incredula che ci siano realtà simili, ma la cronaca - purtroppo - le segnala. Il mio sentire è tuttora controverso, ma non sarà facile dimenticare gli interpreti anche quelli maschili, sboccati, alla perenne caccia di sesso, iperprotettivi verso le sorelline.... argomento così caro agli uomini. Se volete andare su di un ottovolante di emozioni, questo libro fa il caso vostro!

  • User Icon

    una lettrice a montmartre

    08/10/2019 12:55:02

    un libro che oramai ho letto quasi una decina di anni fa. Ne conservo un bel ricordo, lo lessi d'un fiato. La storia di due amiche adolescenti che vivono in simbiosi, nel quartiere popolare di Piombino, che subiranno lo strappo della loro amicizia a causa di strade che prendono ramificazioni differenti. Sullo sfondo la degradazione di un lavoro che non soddisfa e genitori che non riescono a dare prospettive diverse alle loro figlie. Un libro che consiglierei quest'estate, si legge con piacere

  • User Icon

    Federica Colombo

    25/09/2019 17:33:26

    Una storia di verismo contemporaneo; un bellissimo uso della lingua italiana e una interessante caratterizzazione dei personaggi. Lettura dura ma avvincente a mio parere. Assolutamente consigliato!

  • User Icon

    Vinc

    25/09/2019 16:12:12

    Il mio voto su questo libro, per altro vincitore del premio Campiello 2010 e secondo classificato al premio Strega dello stesso anno, è stato molto influenzato dall'amaro che mi ha lasciato in bocca. È un romanzo che io ho trovato estremamente cupo, in alcuni tratti troppo schietto e crudo. Il vero protagonista, a mio parere, è proprio l'acciaio. L'amicizia "d'acciaio" di Anna e Francesca, la fabbrica d'acciaio che dà da mangiare alle famiglie, ma che è anche fonte di dolore e morte... I personaggi sono abbastanza statici, vittime tutti di un'ignoranza dilagante, che non lascia spazio ai sogni individuali e alle speranze collettive. È il ritratto di uno scorcio d'Italia in cui non esiste più la volontà di cambiamento e in cui tutto si trasforma in normalità e triste rassegnazione.

  • User Icon

    45457

    24/09/2019 12:11:34

    Libro molto scorrevole! Consigliatissimo

  • User Icon

    Simone

    23/09/2019 10:37:01

    Libro molto bello che racconta di una piccola realtà a Piombino, ma potrebbe essere una qualsiasi delle realtà tra le case popolari Italiane intorno a zone fortemente industrializzate. La vita lì non è semplice, sopratutto se hai quattordici anni, e lo è anche per Anna e Francesca, due ragazzine che in quelle case ci sono nate e cresciute. La storia mi è piaciuta, lo stile non è elaborato ed adatto a tutto il pubblico di possibili lettori. Non un capolavoro della letteratura, ma nememno un libro da demonizzare.

  • User Icon

    Luciana Loi

    21/09/2019 17:01:52

    Questo romanzo non racconta il mondo luccicante di ragazzine per bene e raccomandate, ma quello delle case popolari dei Palazzoni di Via Stalingrado a Piombino. È facile immaginare quei condomini, le violenze che si consumano silenziose, le scritte sulle panchine, le partite trasmesse al bar sotto casa, gli amori bruciati e le amicizie infrante. Qui non è facile crescere, anche se hai talento. “Non è vero che l’unica cosa che conta è dove uno riesce ad arrivare. È vero il contrario: importa solo da dove uno proviene.”

  • User Icon

    Rossana

    20/09/2019 13:35:27

    Lo amo! Un libro che tratta uno stile di vita molto diverso da quello a cui siamo abituati, ma è proprio un libro che ti prende!

Vedi tutte le 253 recensioni cliente
  • Silvia Avallone Cover

    Silvia Avallone è nata a Biella nel 1984, si è laureata in Filosofia presso l'Università di Bologna. Sue poesie e racconti sono apparsi su 'ClanDestino' e 'Nuovi Argomenti'. Ha pubblicato la raccolta di poesie Il libro dei vent'anni (Edizioni della Meridiana, Firenze 2007), vincitrice del premio Alfonso Gatto per l’opera prima. Per Repley’s Film ha scritto Un'attrice e le sue donne su Anna Magnani (2008). Nel 2010 è uscito il suo romanzo di esordio, Acciaio edito da Rizzoli e con il quale si è classificata seconda al Premio Strega 2010. Nel 2013 ha scritto il secondo romanzo, Marina Bellezza. Nel 2017, sempre con Rizzoli, pubblica il suo terzo romanzo, Da dove la vita è perfetta. Approfondisci
Note legali