Furore

John Steinbeck

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 novembre 2013
Pagine: 633 p., Brossura
  • EAN: 9788845274053

20° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

Salvato in 1363 liste dei desideri

€ 13,30

€ 14,00
(-5%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Furore

John Steinbeck

€ 14,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Furore

John Steinbeck

€ 14,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (12 offerte da 13,30 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il più americano dei classici americani. Vincitore del National Book Award e del Premio Pulitzer.

«Tra i dieci migliori libri del XX secolo»Le Monde

Pietra miliare della letteratura americana, Furore è un romanzo pubblicato negli Stati Uniti nel 1939 e coraggiosamente proposto in Italia da Valentino Bompiani l'anno seguente. Il libro fu perseguitato dalla censura fascista e solo ora, dopo più di 70 anni, vede la luce la prima edizione integrale, nella nuova traduzione di Sergio Claudio Perroni. Una versione basata sul testo inglese della Centennial Edition dell'opera di Steinbeck, che restituisce finalmente ai lettori la forza e la modernità della scrittura del Premio Nobel per la Letteratura 1962. Nell'odissea della famiglia Joad sfrattata dalla sua casa e dalla sua terra, in penosa marcia verso la California, lungo la Route 66 come migliaia e migliaia di americani, rivive la trasformazione di un'intera nazione. L'impatto amaro con la terra promessa dove la manodopera è sfruttata e mal pagata, dove ciascuno porta con sé la propria miseria "come un marchio d'infamia". Al tempo stesso romanzo di viaggio e ritratto epico della lotta dell'uomo contro l'ingiustizia, Furore è forse il più americano dei classici americani, da leggere oggi in tutta la sua bellezza.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,84
di 5
Totale 157
5
136
4
17
3
4
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    fedi86

    30/08/2020 18:23:34

    Ci sono libri che attraverso le vicende narrate ti insegnano la Storia. Libri che ti lacerano l'anima. Ci sono romanzi che ti fanno viaggiare lungo strade lontane, completamente immersi nella vita di uno sconosciuto, seduti al suo fianco, guardando il Sole morire. Pagine che ti raccontano l'inizio di un sogno, l'evolversi di un destino, la tenacia di una vita. Di tante vite, appese insieme ad un'unica speranza. Libri che quando terminano ti lasciano orfano. Poi un giorno ti trovi a fissare l'ultima pagina di "Furore". Capisci in quel momento che sei stato partecipe di tutto questo messo insieme dentro un'unica opera letteraria, sei stato complice di un pezzo di Storia, hai temuto di non farcela a superare il deserto quella notte, hai seppellito la tua dignità, ti sei sentito affamato, hai avuto paura di non farcela questa volta. Un pezzo di pane sarebbe bastato. Ma per l'ennesima volta ritrovi le forze per stare in piedi e, Dio solo sa, se quelle forze le manterrai a sufficienza per arrivare fino alla fine. Ad una fine ci arrivi, il come ancora non puoi dirlo con chiarezza, sei debilitato, sei cambiato. Erano inizialmente dodici, un predicatore e un cane. A fine libro saranno migliaia. Una famiglia che muta si perde, muore e rinasce. Questo sarà per me un ricordo indelebile, l'aroma del caffè ogni mattina, immancabile. Il bagno al fiume, rigenerante. La tristezza e lo sconforto. La gioia di vedere la vallata verde e infinita, indescrivibile. Le palpitazioni durante la fuga dalla coltivazione di cotone, tachicardica. La stretta al cuore degli addii, esacerbante. La forza di volontà, la condivisione, il soccorso e la certezza che insieme niente è perduto. Un romanzo storico che doveva per forza essere un Nobel. L'immensa capacità di Steinbeck di raccontare la vita vera. Con umiltà e rispetto e intelligenza. Con il furore negli occhi.

  • User Icon

    Federico

    29/08/2020 09:09:02

    Strepitoso romanzo che racconta la storia della famiglia Joad che, a causa della meccanizzazione dell'agricoltura, è costretta ad abbandonare la natia Oklahoma per andare a cercare fortuna nella lussureggiante California, attirati anche da annunci che promettevano migliaia di posti di lavoro. La traversata si rivela molto difficile e sarà costellata da una serie di avvenimenti che metteranno a dura prova l'unità della famiglia che, arrivata in California, scoprirà la verità. Si tratta di un romanzo crudo, di forte critica sociale verso l'inuguaglianza del sistema capitalistico, lo sfruttamento dei lavoratori, la meccanizzazione del lavoro, l'ingordigia e la condizione miserabile di molti lavoratori. Un affresco incredibilmente attuale.

  • User Icon

    Andrea

    16/08/2020 08:08:06

    Opera con cui Steinbeck si aggiudico il Pulitzer e nella quale confluiscono i motivi emersi nelle sue opere precedenti, quali le conseguenze della depressione, i contratti sociali, l'ingiustizia, lo sfruttamento, la drammatica condizione dei contadini.

  • User Icon

    alyferri

    16/07/2020 13:00:13

    Un capolavoro! Dopo aver superato i primi capitoli,un Po pesantini ci si immerge nella storia di una famiglia americana durante la grande crisi economica. Nonostante sia stato scritto quasi un secolo fa,l'ho trovato molto attuale. Letto in meno fi una settimana.

  • User Icon

    Giovanni

    14/07/2020 14:34:20

    Che dire, grande storia, personaggi indimenticabili, coinvolgente, emozionante, scrittura fluida, leggera e profonda. Finale Caravaggesco.....

  • User Icon

    nobile

    11/07/2020 18:41:38

    Epico. Questo libro è la rappresentazione in forma narrativa delle analisi economico sociali di Carlo Marx. E' stato come leggere Il Capitale in forma di romanzo. Dovrebbero leggerlo anche le pietre che si incontrano per strada.

  • User Icon

    Peppe93

    08/07/2020 20:24:59

    Bellissimo ma soprattutto per certi aspetti ancora tremendamente attuale.

  • User Icon

    Angiola

    02/07/2020 13:38:18

    Penso sia corretto affermare che nella vita c’è un prima e un dopo furore. Questa narrazione intensa, drammatica, sentita che ti penetra nella pelle strato per strato e ti fa sentire tutto quello che la famiglia Joad, come esempio di tante, è costretta a subire. Accumuli pagina per pagina tutto il dolore, la caparbietà di non mollare, di non fermarsi, la rabbia che diventa una forza motrice pronta per essere utilizzata. Furore dà iniziò a una rivoluzione dentro di te che sicuramente muterà e rafforzerà le tue idee e la voglia di farti sentire nella società. È uno stimolo a non mollare,mai. “Il crollo non c'era stato; e non ci sarebbe mai stato nessun crollo finché la paura fosse riuscita a trasformarsi in furore".

  • User Icon

    Kien

    01/07/2020 09:14:51

    Furore non è un capolavoro. Un capolavoro è un qualcosa di cui ci si ricorda, ma poco di più. Furore è un monumento di letteratura, è un libro che colpisce, una narrazione potente, qualcosa su cui si torna a riflettere giorni, settimane, mesi o addirittura anni dopo la prima lettura. In quest'opera emerge, forse in modo molto più netto rispetto alle altre, l'impostazione non-teleologica di Steinbeck: non c'è un fine, non c'è uno scopo, non c'è una morale; la narrazione di Steinbeck non ha nulla di filosofico o retorico: è una fotografia fedele della realtà, un ritratto preciso di un momento storico, di un popolo, di un sentimento. La buona letteratura ha questo potere: permettere a chi legge di immergersi in un'altra vita, partecipando ad una specie di "gioco delle parti", in cui è possibile travestirsi da qualcun altro e vivere un'altra esistenza. La grandiosità del romanzo di Steinbeck non consiste solo nell'aver dato vita ad una narrazione straordinaria. Infatti, quest'opera non è solo un quadro stupendo di paesaggi, di atmosfere, di odori e di profumi; è, come sono sicuro sia accaduto pochissime altre volte nel mondo dei libri, il ritratto di un sentimento: il furore. Il "Furore" che dà il titolo al libro non è solo ira, non è un'arrabbiatura passeggera, non è qualcosa che passa in un giorno. Il Furore con la "F" maiuscola che anima i protagonisti è qualcosa di più: «Come fai a spaventare un uomo quando quella che lo tormenta non è fame nella sua pancia ma fame nella pancia dei suoi figli? Non puoi spaventarlo: conosce una paura peggiore di tutte le altre.» Il sentimento prima di speranza, poi di rabbia e poi di furore che emerge nei protagonisti nel corso della narrazione è qualcosa di forte, che prende alle viscere. Il dono di Steinbeck fu proprio questo: quello di animare i sentimenti nella mente dei lettori usando un linguaggio secco, schietto, eppure evocativo, poetico e memorabile. "Furore" è uno straordinario monumento di narrativa.

  • User Icon

    Bartek

    30/06/2020 22:08:24

    Un libro meraviglioso e spettacolare. Da leggere assolutamente!

  • User Icon

    Marco L.

    29/06/2020 08:39:03

    Uno dei capolavori assoluti della letteratura mondiale di tutti i tempi. Steinbeck realizza un affresco tragico e sentito sulla grande depressione americana degli anni trenta, la potenza sublime della parola di Steinbeck estetizza uno dei più grandi drammi umani del ventesimo secolo, la famiglia Joad come emblema dell'umanità sofferente e avvilita il cui viaggio, che è una discesa agl'inferi della degradazione sociale, è un pugno nello stomaco del sogno americano, pura utopia di mirabolanti illusioni destinate a pochi fortunati eletti sulla polvere di milioni di sconfitti.

  • User Icon

    Patrizia

    10/06/2020 12:06:02

    Un romanzo che ha dato un contributo determinante alla letteratura della prima metà del novecento, impossibile da riassumere in poche righe: narra, senza attenuarne la durezza, la terribile condizione dei mezzadri, scacciati brutalmente dalle terre che hanno coltivato per generazioni. Spinti dalla fame migrano in massa verso la California lungo la Route 66 nella folle speranza di una vita migliore, per finire preda di sfruttatori senza scrupoli, ottenendo lavoro solo in condizioni di semischiavitù e soprattutto subendo discriminazione e allontanamento sociale. Un'epopea storica che ha segnato e cambiato una nazione, raccontata attraverso le vicissitudini della famiglia Joad, una delle tante che carica tutta la sua ricchezza su un camion scalcinato e si lascia alle spalle dignità e tradizione; la semplicità con cui hanno vissuto non permette loro di capire la realtà economica in evoluzione, il ruolo delle grandi società e dei gruppi bancari che reggono le fila dell'economia e delle loro vite, a cui spetta decidere a chi appartiene la terra e chi ha diritto di coltivarla. Meravigliosa, sopra tutti, la figura della madre, introdotta, nelle prime pagine, da una delle più straordinarie e emblematiche descrizioni di personaggio femminile e che ha trovato in Jane Darwell una interprete perfetta nell'omonimo capolavoro di John Ford. Uno spaccato di storia americana senza soluzione di continuità ma che lascia alle generazioni future una testimonianza indimenticabile.

  • User Icon

    Ades

    02/06/2020 09:33:31

    Un capolavoro assoluto, uno dei libri più belli ed intensi dell'intera produzione non solo di Steinbeck ma dell'intera letteraria americana. Un'epopea drammatica e struggente insieme, ricca di immagini forti e al tempo stesso poetiche, espresse con un linguaggio crudo, drammatico che colpisce dritto al cuore.

  • User Icon

    Tony

    17/05/2020 20:48:35

    Epocale, emblematico. Steinbeck prende una storia come tante e la eleva a simbolo universale, mostrando una umanità spogliata di tutto nel processo che la trasformerà in un ingranaggio di un sistema sbagliato e sfruttatore. Le parole scritte sono tra il documentaristico e il profetico e la trasmigrazione costante tra le vicende della famiglia Joad e il destino "di tutti" fa capire che il romanzo non sta parlando solo di loro, ma anche di noi.

  • User Icon

    Cristina

    17/05/2020 07:21:31

    Libro che ti cambia. Stupendo. Se non lo avete ancora letto correte a comprarlo, vi piacerà!

  • User Icon

    impressionante

    16/05/2020 20:35:21

    Non si può non rimanere segnati dalla lettura di questo libro. Un romanzo diretto, realista e, a tratti, crudo, che descrive le difficoltà e le sofferenze della famiglia Joad e di moltissime altre famiglie americane a cui le banche hanno espropriato le proprie case e i propri terreni. E' il lungo viaggio della famiglia verso una "terra promessa", la California, in cui spera di riprendere una nuova vita. Tre generazioni in viaggio, tanti momenti di sofferenza e disperazione, dolore e spirito di sopravvivenza. Il romanzo fa riflettere moltissimo sulla fragilità umana.

  • User Icon

    MONTAG75

    16/05/2020 20:24:41

    Libro attualissimo, descrive con una lucidità che per certi versi ricorda alcune pagine di Jack London, gli effetti economico sociali che ogni forma di progresso trascina dietro di sè, le varie forme di strisciante razzismo, la differenza tra classi sociali pronta a detonare da un momento all'altro: Tom Joad è ognuno di noi. Davvero un libro che impressiona per contenuti e stile.

  • User Icon

    pdg

    16/05/2020 13:34:51

    Non l'avevo mai letto prima. L'ortodossia comunista staliniana l'ha sempre stroncato, forse per socialismo utopistico. La verità è che questa ideologia del socialismo in un solo paese non poteva più capire la disuguaglianza mondiale, il fascismo ( De Felice ) o l'esistenzialismo-umanesimo di Sartre. Perciò non poteva più capire - culturalmente! - Furore. Al di là della storica polemica la sfida resta. Bisogna capire culturalmente Furore, anche perchè i finali forse sono due ( Caravaggio Napoli Monte di Pietà ) come Tom e Rosasharn.

  • User Icon

    dylan

    16/05/2020 13:34:28

    Bellissimo! Non a caso scritto da un Nobel per la letteratura. Il viaggio, nemmeno troppo lungo, di una famiglia di immigrati che cerca di scampare a una terra ormai ferina e inaridita, le difficoltà, gli incontri, i pregiudizi, la lotta tra l'uomo e la natura, il viaggio di una famiglia che muove tra antichi equilibri patriarcali e nuove realtà. Da leggere, come tutti i libri di Steinbeck!

  • User Icon

    grimes92

    16/05/2020 12:31:31

    Non avrei mai pensato che un libro che ha come tema principale il viaggio di una famiglia contadina verso la California potesse davvero piacermi. Generalmente preferisco i romanzi che si occupano di altri ambiti della società. I primi capitoli sono stati un po' faticosi ma piano piano si inizia a conoscere la famiglia Joad e la loro vicenda diventa coinvolgente; si comincia a sperare insieme a loro in una vita migliore e a condividere le loro fatiche. Si ammira la forza d'animo di Ma' e la saggezza forzata del figlio Tom. Il testo racchiude tante descrizioni della vita contadina e dei suprusi subiti dai migranti, quasi si sente nelle narici e in bocca l'odore del lardo e delle tanto ambite costolette di maiale a cui i Joad anelano con la voracità di una fame costante e raramente saziata. Steinbeck è indubbiamente un grande scrittore. Lo consiglio senza dubbi.

Vedi tutte le 157 recensioni cliente
  • John Steinbeck Cover

    Autore di numerosi romanzi e racconti, è uno dei massimi esponenti della letteratura americana e della cosiddetta "Generazione perduta". Dopo aver frequentato la Stanford University senza mai laurearsi, compare sulla scena letteraria con opere minori finché non raggiunge la notorietà con Pian della Tortilla (1935) a cui seguono molti romanzi racconti e saggi tra cui Uomini e topi, La lunga vallata, Furore - opera grazie a cui Steinbeck riceve il Premio Pulitzer -, La luna è tramontata, La valle dell'Eden, Quel fantastico giovedì, Viaggio con Charley. Nel 1962 gli viene conferito il Premio Nobel per la letteratura. Approfondisci
Note legali