Traduttore: S. C. Perroni
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 06/11/2013
Pagine: 633 p., Brossura
  • EAN: 9788845274053

33° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giancarlo D

    27/05/2018 09:10:02

    Quando non sai assolutamente in cosa stai per imbatterti hai solo disperazione, fame, rabbia, e una sola speranza nel partire, lasciare tutto, bruciare i tuoi pochi averi, sradicare le tue radici... avanti hai solo una strada da percorrere. Lunga, perigliosa, piena di insidie e pure l'unica strada possibile, l'unica speranza. Con la "pacata sicurezza dell'efficienza", la resilienza del pugile che incassa pugni sugli zigomi, sui fianchi, cade al tappeto eppure continua a rialzarsi e lottare... tutto questo è "FURORE" di John Steinbeck. C A P O L A V O R O !!!!!!

  • User Icon

    Giancarlo

    26/05/2018 16:12:38

    Attualissimo, assolutamente da leggere e da regalare. Quando in Rai pubblicizzavano Alessandro Baricco in prima serata con Furore, io non sapevo neanche si trattasse di un libro e della lettura di esso (beata ignoranza) ma, sin dal primo momento, mi sono appassionato al racconto e alla forza della storia interpretata con tanto trasporto. Il giorno dopo l'ho comprato e ad oggi lo reputo tra i libri più belli che ho letto.

  • User Icon

    Alinghi

    24/04/2018 13:00:41

    Ottimo...dovrebbe essere lette obbligatoriamente nelle scuole. Purtroppo sempre attuale come tema, angosciante, convolgente, trasmette furore immedesimandosi nell'impotenza di fronte a certe situazioni. Essendo però un romanzo il finale è leggermente sospeso ed incompiuto. Da leggere

  • User Icon

    Paola

    28/03/2018 10:25:40

    Libro bellissimo. Molto attuale anche se scritto tanti anni fa.

  • User Icon

    MassimoC79

    12/02/2018 16:20:41

    Capolavoro! Perfetto in tutto!

  • User Icon

    Massimo

    12/02/2018 16:17:41

    Bellissimo romanzo! Perfetto in tutto!

  • User Icon

    AdrianaT.

    28/01/2018 09:40:17

    Polvere e delusione. Fame e furore. Forza e speranza, nel ripetersi di una storia ben scritta e magnificamente narrata di un esodo di disperati, che non smetterà mai di essere una costante dell'umanità finché un'umanità esisterà - lettura spettacolare sotto ogni punto di vista.

  • User Icon

    And the Oscar goes to ….

    18/11/2017 15:39:40

    Si, bello!

  • User Icon

    Lory

    11/11/2017 10:04:09

    Libro scritto quasi ottanta anni fa è di un'attualità incredibile. La modernizzazione dell'agricoltura e l'impiego della chimica fanno perdere all'uomo il rpporto ancestrale fra lui e la terra. Aggiugi le calamità naturali, la smania di profitto dei proprietari terrieri e dei banchieri, il contadino viene travolto dalla miseria più nera, dove la digniità rischia di essere persa. Grandi il predicatore Casy e Tom. Così come la figura della mamma della famiglia protagonista del racconto, una donna che tiene in mano le redini. Lodevole Steinbeck anche in questo, creare allora una donna con questo grande carattere. Libro che resterà sempre dentro l'anima.

  • User Icon

    Roberto

    21/07/2017 11:13:11

    Penso che questo sia uno di quei libri che ognuno di noi dovrebbe leggere. In questo romanzo c'è tutto, c'è l'amore, la disperazione, la lotta e la resa. Ci sono tutti i sentimenti che ogni uomo può provare. Uno dei libri che più mi sono entrati nel cuore. Consiglio davvero a tutti di leggerlo, non ve ne pentirete!

  • User Icon

    Manus78

    26/06/2017 16:13:22

    Capolavoro che DEVE essere letto! Fondamentale per i temi trattati : dolore, aspettative disilluse, miseria, difficoltà ... che hanno fatto sì che questo romanzo rientrasse a pieno titolo tra i capisaldi della letteratura mondiale. Lo stile è realistico, crudo e diretto, i dialoghi ,spesso sgrammaticati, fanno penetrare il lettore nella quotidianità dei protagonisti come fosse uno spettatore invisibile della scena. Anche l'introduzione risulta meritevole per sintesi e completezza (cosa rarissima, visto che solitamente chi le scrive pensa ad autocelebrarsi...).

  • User Icon

    Federico

    20/05/2017 17:11:27

    Capolavoro assoluto. Uno dei libri che più mi ha segnato. Da leggere assolutamente!

  • User Icon

    Ross

    13/04/2017 15:56:18

    Steinbeck ci descrive un periodo storico, senza mai essere didascalico e didattico, ma attraverso le vicende di una famiglia: il modo di pensare, il modo di parlare, le traversie di cui sono vittime, ci trasportano in un'America degli anni '30 ferocissima con i suoi stessi "figli". Si avanza con la curiosità di vedere come va a finire, di scoprire cosa ancora potrà accadere e se mai ci sarà una speranza. Secondo me sì! Assolutamente da leggere.

  • User Icon

    Tinama

    29/03/2017 16:28:18

    Si vive, si solidarizza, ci si affeziona(e la mole del testo ne offre la possibilità con le sue 633 pagine) ai protagonisti come facessimo parte anche noi della loro famiglia. Tutto questo perché Steinbeck riesce a far emergere il meglio dell’umanità, nonostante tutto…, attraverso persone semplici( dico persone non personaggi) che animano la storia, che non è storia di una famiglia ma Storia con la maiuscola, sempre attuale, sempre maestra ma purtroppo non sempre metabolizzata per imparare il meglio dalla vita. E’ un bel libro di formazione umana. Risuona di eternità, come eterna è la sofferenza dell’uomo alla ricerca affannosa senza fine di un lavoro e di un tetto per poter vivere con dignità.

  • User Icon

    barbara

    06/03/2017 13:23:09

    Aiuto che angoscia! Questo è lo stato d'animo che mi ha lasciato questo libro. Dalle prime pagine senti immediatamente la tragedia della famiglia Joad e di un'intera popolazione. Siamo in America, anni '30, Grande Depressione. Quindi all'incirca 100 anni fa. Eppure alcune situazioni descritte sono attualissime e questo è forse il motivo della grande tristezza che questo libro mi ha lasciato. Le Banche sono il MOSTRO, lo sfruttamento dei più deboli, l'emigrazione, la migrazione in questo caso, alla ricerca del Paradiso che non esiste, o meglio esiste solo per i più forti. La violenza generata dall'ingiustizia e dalla consapevolezza di essere un perdente. Sono pagine forti, che si leggono lentamente. Inevitabilmente ho pensato a Bruce Springsteen e al suo Ghost of Tom Joad.

  • User Icon

    Thinner5

    31/05/2016 00:35:46

    Un eccellente affresco della situazione economica di quel periodo, molto ben descritto il sistema di sfruttamento dei grandi proprietari oltre all'odio e il disprezzo della "brava gente"; per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi, devo ammettere che ho gradito quasi esclusivamente Tom Joad e Jim Casy, ho trovato gli altri piuttosto irritanti per varie caratteristiche di superficialità e grettezza, ma probabilmente la gente delle campagne di allora era quasi tutta cosi e quindi non è certo un difetto dell'opera che mira a ricostruire il più verosimile possibile la realtà di quei tempi e luoghi. Consigliato!

  • User Icon

    roberta valeria

    24/05/2016 21:34:26

    Furore è un libro che ha un alto valore storico-sociale, in quanto narra il malessere vissuto negli Stati Uniti d'America durante la Grande Depressione. Tutto il testo è molto fluente, lineare, per niente complesso, ma molto interessante per gli aspetti tematici: la crisi economica, la fame, la lotta per la giustizia sociale, la disperazione umana. I personaggi salienti sono Tom e Ma'. Emerge molto la figura di quest'ultima della quale si può decantare la forza e il coraggio, la dolcezza e la fermezza. Tuttavia Tom resta il protagonista, per alcuni versi indiscusso, in quanto egli giunge ad una maturazione concettuale riguardo alla condizione del ceto sociale al quale egli e la sua famiglia appartengono. Il libro narra la migrazione di "genti" da est ad ovest degli States, attraverso la Route 66: viaggio della speranza verso la terra promessa, la California. Ciò che mi ha colpito particolarmente, a parte le figure appena menzionate, è il realismo delle vicissitudini umane. La famiglia rappresenta un microcosmo: la nascita, l'infanzia, la gioventù, la vecchiaia, la morte e ancora la speranza e lo scoramento, le aspettative e l'attesa, l'indifferenza e la crudeltà, i contrasti e la rassegnazione, le opportunità e le inattendibilità, la sofferenza e la spiritualità di taluni personaggi. Il centro di tutto è l'uomo con le sue capacità e con i suoi limiti relativi sia all'aspetto individuale che collettivo. Ne consiglio vivamente la lettura.

  • User Icon

    Andrea

    01/04/2016 21:20:40

    Lo definirei un libro "a colori" per le emozioni che trasmette. Coinvolgente, profondo, carico di energia. Un libro assolutamente da leggere.

  • User Icon

    clarissa

    29/02/2016 16:14:22

    di un'attualità sconvolgente mi sono ritrovata alla fine del libro a cercare l'immagine di "sette opere di misericordia" del Caravaggio. Non c'è niente che possa dire se non "leggetelo". Fatevi questo straziante regalo. Non dimenticherò mai il dolore, lo strazio, la speranza, la forza e l'altruismo che questo maestoso romanzo trasmette

  • User Icon

    Fabrizio di Monterosi

    08/11/2015 12:36:27

    Definirei questo romanzo un autentico poema... straordinario racconto nel quale sembra rivivere il dramma delle persone che scappano da un continente che l'europa ha per anni sfruttato e che ora rifiuta di accogliere.

Vedi tutte le 37 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione