Categorie

Sebastiano Vassalli

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine: 140 p. , Brossura
  • EAN: 9788806193256

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    16/05/2012 13.26.55

    Eravamo un popolo di santi, di poeti e di navigatori. Oggi, purtroppo, i primi si sono rarefatti, i secondi restano, ma un po' in ombra, i terzi impattano contro gli scogli, assai noti, dell'isola del Giglio. Ma come siamo veramente, insomma quali sono le autentiche caratteristiche dell'italiano? Ne parla Vassalli in questo suo libro attraverso dei racconti, alcuni dei quali già noti, perché parte di precedenti romanzi. Di vizi ne abbiamo tanti e sarebbe lungo elencarli tutti e mi limito perciò solo a citare l'opportunismo, la furbizia, il narcisismo, anche se mitigati dalla simpatia. Ce n'è uno, però, in cui eccelliamo ed è costituito dalla eccezionalità. Siamo convinti di essere speciali e, in quanto tali, che i nostri vizi caratteristici diventino pregi. Al riguardo nel libro c'è una storiellina, che lo apre e lo chiude, con Dio che, nel giorno del Giudizio Universale, chiama a sé i vari popoli per giudicarli. Si presentano così il cinese, l'arabo, insomma tutti; quando con voce ferma e forte chiama l'italiano, nessuno risponde, nessuno si porta al suo cospetto, anzi, isolato in mezzi a tutti, con fare sorpreso l'italiano dice" Chi, io?". Come se non bastasse c'è un racconto ulteriormente esplicativo, Il signor B., sì quel B. di Arcore, definito l'Arcitaliano, e in quelle righe si scopre così il segreto del suo successo, ma non è motivo di soddisfazione apprenderlo, anzi, nonostante una gradevole ironia dell'autore, resta un grande amaro in bocca, una sorta di disgusto anche per noi stessi. Diverso dalla sua solita produzione, L'Italiano è tuttavia un libro che resta dentro, che porta a un'inevitabile autocritica, con l'avvertenza però di astenerci dal compiacimento nello sparlare di noi stessi, nel considerarci cioè anche in questo caso del tutto eccezionali.

  • User Icon

    jane

    17/01/2012 14.00.31

    E' vero, non è il miglior Vassalli, ma parecchie pagine sono molto belle. I personaggi non sono tipi astratti, ma persone reali, con nome e cognome,alcuni sono personaggi storici in momenti particolari della loro vita. La lettura stimola a volerne sapere di più : per un libro raggiungere questo risultato non è un pregio da poco.

  • User Icon

    Paolo Agresti

    21/06/2009 20.58.54

    Non è,certamente, il miglior Vassalli. Ma la classe non è acqua e la cosa si nota : in alcune pagine tocca corde emozionali profonde. Per uno come me,che ha divorato molti suoi precedenti libri, c'è ,comunque,la gratitudine per il coraggio e la coerenza sempre dimostrati. Se fosse nato negli Stati Uniti lo venererebbero quanto e più di Philip Roth, ma siamo in Italia. E,quindi,sta nel dimenticatoio mediatico: anche se,ne sono sicuro, la cosa non lo preoccupa ,assolutamente, e forse ci ride pure su.

Scrivi una recensione