Categorie

Edward M. Forster

Traduttore: I. Motti
Editore: Mondadori
Edizione: 13
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
Pagine: 364 p.
  • EAN: 9788804492979
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Lo scontro tra la cultura inglese e la più autentica civiltà indiana, i contrasti interiori, il conflitto fra gli impulsi istintivi e la ragione nell'indiscusso capolavoro dello scrittore inglese che soggiornò per lunghi periodi nella sua "amatissima India".

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Annarita

    20/10/2014 23.09.16

    Un romanzo ambientato in India negli anni '20 ci pone di fronte al tema della difficile convivenza tra indiani e inglesi nel lungo periodo della dominazione britannica. Forster - con un'attenzione particolare ai dettagli: il clima, i tempi lenti - disegna una splendida cartolina dell'India, caratterizzando abilmente tanto i dominati quanto i dominatori: l'ingenuità e l'apparente doppiezza dei primi, la superficialità e il disinteresse profondo dei secondi. Descrive l'India coloniale in maniera sincera e convincente, consapevole delle contraddizioni e delle ambiguità reciproche: la confusione dei sentimenti di Aziz e quella del cuore di Adela. Capace di grande onestà intellettuale, ci presenta figure emblematiche dei due diversi mondi nell'animo delle quali, indistintamente, si celano buoni e cattivi sentimenti, amore e odio, rabbia e mitezza. E al tempo stesso universalizza i problemi: i colpevoli non sono i singoli, bensì la società, la cultura trasversale della diffidenza, dei pregiudizi, della chiusura, del sospetto e disprezzo reciproco. Scrittura capace di coinvolgere i sensi e finale bellissimo.

  • User Icon

    Marta

    16/05/2013 20.44.49

    Mi hanno sempre consigliato questo libro, un tempo non ero particolarmente attratta, ma un giorno ho deciso di provare a leggerlo.. Non dico deludente..però forse mi aspettavo io qualcosa di diverso! Non mi ha dato nessuna sensazione, é come se fosse un libro senza trama! Non c'è una vera storia di sottofondo, il romanzo si incentra solo sul rapporto indiani - inglesi, ma a parte questo niente..i personaggi sembrano li di passaggio!

  • User Icon

    valtrav

    28/06/2011 11.16.29

    Pochi hanno saputo cogliere aspetti della situazione coloniale così bene come Forster. E in tempi in cui comprendere certe cose per un occidentale era quasi impossibile. Passaggio in India resterà a testimonianza di quei tempi e luoghi, e della rarità del comprenderli. Ma è anche una grande storia di eventi personali, oltre che collettivi.

  • User Icon

    Anna

    21/02/2011 11.03.01

    Decisamente migliore del film, splendida prosa che commuove senza mai scadere nel sentimentalismo. Dialoghi, atmosfere e trama all'altezza delle aspettative. Davvero utile per comprendere un mondo altro e le sue difficili relazioni con l'Inghilterra, il cui sguardo colpevole e, in certo modo, perdente, traspare dalla penna solo apparentemente distaccata di Forster

  • User Icon

    Lettrice

    03/10/2008 10.45.33

    E' il secondo romanzo di Forster che leggo e come mi aspettavo non mi ha affatto deluso. Anche in questo libro si evince la volontà dell'autore di trattare le barriere che si creano tra uomini, soprattutto di focalizzare l'attenzione in quei pochi attimi di integrazione, che spesso diventano di collisione, tra due mondi diversi. Così aveva fatto con "Camera con vista" dove sono messi al confronto il perbenismo borghese e l'anticonformismo del signor Emerson e del proprio figlio; così fa anche in questo romanzo dove sono messi a confronto occupanti e occupati, Inglesi ed Indiani in un India all'inizio del XX secolo.

  • User Icon

    Pippomix

    12/09/2006 10.28.48

    Di Forster hanno sempre detto che abbia scritto un unico, grande romanzo per via del fatto che le sue opere sono tutte un pò simili e trattano tutte gli stessi concetti: l'incontro tra due diversità, i preconcetti che ne nascono, come superarli. "Passaggio in India", ad ogni modo, è un romanzo sublime perchè dietro un vacuo episodio di malacronaca, dietro l'equivoco malizioso che è alla base della catastrofe umana che il libro racconta, ci sono osservazioni magnifiche sui comportamenti umani, sui percorsi della mente e del cuore, su cosa si nasconda dietro la morale, il preconcetto...sino ad arrivare al grande nucleo di ogni rapporto umano: cuore e comprensione. Da un'epoca al tramonto, una gemma della letteratura anglosassone. Non per tutti ma comunque sublime.

  • User Icon

    ITALIA

    09/04/2006 22.37.45

    UN LIBRO DISCRETO TIPICO DELLA LETTERATURA VITTORIANA ORMAI AL TRAMONTO.

  • User Icon

    Princess

    03/03/2006 11.21.19

    Noiso, personaggi di poco spessore che non hanno saputo entrarmi dentro, descrizioni sommarie, stile impersonale... Il libro proprio non mi ha convinta....

  • User Icon

    Giuliopez

    07/12/2005 08.44.53

    Meraviglioso! Il libro, capolavoro di Forster, ci porta in India negli anni 20 e ci mostra i grandi contrasti e le diversità fra le varie "etnie" che vivono gomito a gomito, fra pregiudizi, incomprensioni religiose ed abitudini di vita assolutamente differenti fra loro. La storia è davvero affascinante ed i personaggi sono ben caratterizzati. Impossibile non partecipare per le sorti del povero medico indio-mussulmano Aziz e non innamorarsi del sig. Fielding, che assieme alla vecchia signora Moore sembra essere l'unico inglese dotato di umana comprensione e di buon senso...ma è meglio non svelare altro, dato che è un libro assolutamente da leggere!

  • User Icon

    Ale

    30/05/2003 11.31.55

    Che belli i romanzi di Forster, tutti quanti! Sono così. Semplicemente BELLI.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione